Friday, April 28, 2017

Beato Romero, martire della “fede vissuta”


ANNO GIUBILARE per il CENTENARIO del BEATO ROMERO, 2016 — 2017

Opera di Edgardo Trejo Alemán


#BeatoRomero #Beatificazione

Questo è stato originariamente pubblicato su CRUX.com (in inglese) il 25 aprile 2017.

È giusta la giustapposizione dei “nuovi martiri” contro “i vecchi martiri” nella Chiesa? Suggerisce che mentre i martiri fossero uccisi per odio della fede, ora muoiono per “odium amoris” ed altre formulazioni dei requisiti del diritto canonico per il martirio. Può essere semplicemente che i “nuovi martiri” sembrano “nuovi” a causa della novità che i loro sacrifici accadono nel contesto culturale dei nostri tempi moderni ...

Il vescovo colombiano Héctor Julio López Hurtado ha detto a CRUX nel 2015 che la Colombia non ha martiri come San Tommaso More, l’avvocato inglese dell’era rinascimentale ucciso per sostenere la dottrina cattolica, ma ha martiri in stile romero, uccisi per aver rifiutato di abbandonare i loro posti nonostante i pericoli di rimanere messi.

Ma, c’è un tale traguardo tra More e Romero? I due potrebbero non essere così distanti come potremmo pensare se guardiamo i fondamenti dei loro martirio.

More fu condannato per tradimento e decapitato sotto il re Enrico VIII dopo che si rifiutò di riconoscere l’annullamento del matrimonio di Enrico o di riconoscere successivamente Enrico come capo della Chiesa d’Inghilterra.

Il santo ha sostenuto che l’Atto di Supremazia di Enrico era contrario alle “leggi di Dio e della sua santa Chiesa”. Egli sosteneva che “nessun principe temporale” poteva eliminare i precetti giuridici stabiliti nella Chiesa. Quindi, More morì un martire per la supremazia della legge di Dio sul capriccio umano.

Romero è stato ucciso il 24 marzo 1980 perché aveva pronunciato un sermone stordente il 23 marzo, difendendo i poveri e pretendendo di “comandare” l’esercito “in nome di Dio” per disobbedire ordini militari per uccidere civili.

Prima di un ordine di uccidere che un uomo può dare”, Romero ha tuonato, “deve prevalere la legge di Dio che dice: non uccidere! Nessun soldato è obbligato ad obbedire ad un ordine contro la legge di Dio”.

La sentenza di morte di Romero fu sigillata quando pronunciò quelle parole, perché l’esercito salvadoregno—come i segugiatori del re Enrico—vedeva la difesa di Romero del primato della legge divina come un inebriante affronto all’ordine politico prevalente. Tuttavia, come nel caso di More, questi spunti politici di loro motivi non superano il fatto che le loro motivazioni includevano un animus contro la resistenza di Romero che has stato ispirata dalla fede.

Leggi il resto del mio argumento a CRUX.com (in inglese).

Prof. Roberto Morozzo della Rocca, consulente storico della causa del Beato Romero, risponde con i seguenti intuitivi pensieri:

La difficoltà ha stato nel fatto che la tradizione degli ultimi secoli nella Chiesa cattolica aveva modificato e aveva ristretto il concetto di uccisione in odio alla fede. Per San Tommaso d’Aquino l’odio alla fede riguardava soprattutto l’odio alla fede vissuta, cioè l’odio per come i cristiani vivevano e attuavano nella realtà la loro fede. Il caso di Romero non avrebbe posto alcun dubbio a San Tommaso d’Aquino: Romero è stato ucciso per la sua fede vissuta, nell’amore, nella difesa dei poveri, nella richiesta di giustizia, eccetera. Invece negli ultimi secoli la Chiesa cattolica, per riconoscere il martirio, ha insistito più sull’odio alla fede proclamata che non sull’odio alla fede vissuta. Cioè ha visto i martiri più come dei portabandiera che come dei testimoni di vita vissuta. San Tommaso d’Aquino cita l’esempio di Giovanni Battista come martire di fede vissuta e non proclamata: il suo uccisore lo odiava non per la fede in se stessa ma perché Giovanni Battista lo criticava in nome della giustizia. Secondo me, è stato giusto insistere sull’odio alla fede vissuta nell’assassinio di Romero. Ricordo che Karl Rahner scriveva che Romero non era stato ucciso in odio alla fede ma in odio alla giustizia, ma questo era sbagliato perché Romero chiedeva giustizia a motivo della sua fede ed è questa fede che i suoi assassini hanno colpito quando lo hanno ucciso all’altare mentre stava per consacrare il corpo e il sangue del Signore. Credo che la beatificazione di Romero possa essere importante anche per tornare alla tradizione più antica e più autentica secondo la quale l’odio alla fede riguarda la vita vissuta dei martiri e non la loro carta di identità (cioè fede proclamata soltanto).

Post a Comment