Tuesday, April 25, 2017

L’ULTIMO



ANNO GIUBILARE per il CENTENARIO del BEATO ROMERO, 2016 — 2017



#BeatoRomero #Beatificazione
Aggiornamento Generale:

Queste sono le ultime informazioni sul processo di canonizzazione di Monsignor Romero per Martedì 25 Aprile 2017. Un link a questo post verrà mantenuto nella parte superiore del blog e sarà aggiornato regolarmente.
Su Martedì 28 febbraio 2017, l’Arcidiocesi di San Salvador ha chiuso la fase diocesana di un’inchiesta su un presunto miracolo dal Beato Oscar Romero, che è stato beatificato maggio 2015.  Il Postulatore della Causa, Mons. Vincenzo Paglia ha detto Catholic News Service il Giovedi, 23 marzo, che i funzionari della Congregazione per le Cause dei Santi avevano aperto la documentazione relativa al presunto miracolo e avrebbero cominciato a studiarlo il 24 marzo.

Il miracolo, se confermato, permetterebbe Romero ad essere canonizzato, diventando il primo santo salvadoregno.  Ora il risultato deve essere confermato dal Vaticano. Gli esperti sostengono che il processo di approvazione richiede normalmente sei a diciotto mesi, e Papa Francesco ha recentemente detto ai Vescovi salvadoregni che vuole che il processo faccia il suo corso normale e non accelerarlo, lasciando aperta la questione se Romero può essere canonizzato nel corso di questo anno del centenario come molti vorrebbero.
Il processo di approvazione si svolge a Roma presso la Congregazione per le Cause dei Santi e verrà in quattro fasi.
  • In primo luogo, il miracolo deve essere approvato da una commissione di esperti medici composta di 7-persone.
  • In secondo luogo, tale constatazione deve essere ratificata da una commissione di teologi composta di 6 persone.
  • In terzo luogo, la constatazione deve essere approvata dai quattordici Cardinali e Vescovi della Congregazione.
  • Quarto ed ultimo, a seguito di tutte le omologazioni, la Congregazione redige un decreto che riconosce il miracolo che viene presentato a Papa Francesco per l’approvazione finale.
Manuel Roberto Lopez Barrera, ambasciatore di El Salvador presso la Santa Sede, ha confermato in una intervista il 22 marzo 2017 nella sede di Radio Vaticana che “del miracolo vi sono quattro tappe tra cui una commissione medica, una commissione di teologi, i cardinali e vescovi e poi il Papa, che deciderà il giorno della canonizzazione”.  Su Martedì 25 Aprile 2017 non ci sono rapporti che qualcuno di questi quattro approvazioni sono ancora verificate.


I vescovi salvadoregni hanno stato a Roma per le loro visite “Ad Limina” con Papa Francesco e la Curia Romana. Dopo il primo incontro, di quasi tre ore, 20 Marzo con il Papa, il Vescovo Militare, Mon. Fabio Colindres, ha detto che l’indagine del miracolo da parte delle autorità vaticane “sembra seguire per un buon processo, è sulla buona strada, non ancora concluso, sperando che sarà nel modo migliore”. Il vescovo ha detto che naturalmente, non ci sono date per la canonizzazione, né una data per una possibile visita del Papa in El Salvador”. Secondo il vescovo Colindres, il Papa ha sorriso “con grande affetto e ha detto ‘vedremo, verrà il tempo, non posso dare date specifiche’.”  Allo stesso modo, il vescovo ausiliare di San Salvador, mons. Gregorio Rosa Chavez, ha rivelato che Francesco ha detto ai presuli che “dobbiamo rispettare i ritmi della Santa Sede” e che la causa per la canonizzazione deve seguire il suo corso senza accelerazione.

Su Mercoledì 22 Marzo 2015, i vescovi salvadoregni hanno visitato la Congregazione per le Cause dei Santi, e si è incontrato con il suo prefetto, il cardinale Angelo Amato.  Secondo i rapporti, il prefetto ha assicurato che la causa “non è nel congelatore. Secondo il vescovo militare Fabio Colindres, la Congregazione per le Cause dei Santi “ci invita a fare Romero più e meglio conosciuto, e che lui è ed è stato un grande santo”.
Da sinistra a destra: Mons Jose Gregorio Rosa Chavez, Vescovo Ausiliare di San Salvador; Mons Miguel Angel Moran Aquino, Vescovo di Santa Ana; Mons Elias Samuel Bolanos Avelar, S.D.B., Vescovo di Zacatecoluca; Mons Jose Luis Escobar Alas, Arcivescovo di San Salvador; Angelo Cardinale Amato, S.D.B., Prefecto della Congregazione per le Cause dei Santi; Mons Fabio Reynaldo Colindres Abarca, Vescovo del Ordinariato Militare di El Salvador; Mons Luis Morao Andreazza, O.F.M., Vescovo Emerito di Chalatenango; Mons Jose Elias Rauda Gutierrez, O.F.M., Vescovo di San Vicente; Mons Oswaldo Estefano Escobar Aguilar, O.C.D., Bishop of Chalatenango; Mons William Ernesto Iraheta Rivera, Vescovo di Santiago de Maria; e Mons Constantino Barrera Morales, Vescovo di Sonsonate.

Annotazione:

Lasciatemi dire che questa “decisione in quattro parti” ha alcuni avvertimenti. Innanzitutto, ci sono altre parti. Ci sarà una revisione della validità del processo di San Salvador; un «positio» o documento di sommatoria del miracolo deve essere messo insieme, stiamo semplificando tutto questo qui.  Le fasi procedurali possono essere abbastanza significativi. Ad esempio, la revisione della validità è un prerequisito per le altre fasi e deve essere ottenuta prima che il processo possa andare avanti. Nella canonizzazione della Madre Teresa, aver ottenuto il decreto sulla validità dell'inchiesta diocesana entro tre mesi ha permesso il processo romano proseguire alla velocità fulmine; il resto del processo anche durato circa tre mesi.  (Nel caso di Giovanni Paolo II, lo stesso passo ha preso più di un anno.)

Ancora più importante: non voglio insinuare che scopriremo quando ogni fase è stata completata. Forse non sapremo fino a che le quattro parti sono state soddisfatte. Durante la beatificazione, abbiamo avuto informazione dei singoli movimenti, e penso che lo stesso livello di notizie ci si può aspettare in questo processo.

Se veniamo a conoscenza di queste approvazioni in tempo reale, probabilmente verranno con un intervallo di tempo tra ogni passo: normalmente ci saranno quattro date diverse. Nella beatificazione abbiamo visto un’eccezione, perché lo stesso giorno in cui i cardinali hanno approvato il decreto del martirio, hanno consegnato al Papa e lui ha dato la sua approvazione lo stesso giorno, come i cardinali (il voto dei teologi era stato un mese prima). Questo è insolito. Ci può essere una approvazione “express”, ma mi aspetto di vedere tre o quattro approvazioni—a meno che non ci dicono circa le autorizzazioni precedenti e mantengono la notizia fino a quando tutto è completato come indicato nel paragrafo precedente
.


Post a Comment