Wednesday, August 23, 2017

Il centenario Romero tra i vescovi


ANNO GIUBILARE per il CENTENARIO del BEATO ROMERO, 2016 — 2017

I vescovi salvadoregni con il Card. Ezzati.
#BeatoRomero #Beatificazione
Durante l’anniversario 1982 dell’assassinio di mons. Oscar A. Romero, è emerso uno slogan che sarebbe stato sentito in molte future commemorazioni del vescovo martirico: “Vogliamo vescovi come mons. Romero”. Era un veto popolare nei confronti di un episcopato percepito come troppo lontana dallo stile promosso da Papa Francesco: di “pastori con l’odore delle pecore” o, come lo dice lo slogan “accanto ai poveri”. Da quegli anni è passato molto tempo, E ora molti vescovi sembrano voler assumere lo stile dell’ex Arcivescovo di San Salvador. Esaminiamo la lode che dodici di loro hanno dato all’arcivescovo martire durante le recenti commemorazioni del centenario della sua nascita.
In primo luogo, il Vescovo di Roma, Papa Francesco, ha inviato una lettera per il centenario della nascita di Mons. Romero, in cui prega: “Sono passati cento anni dalla nascita del beato Oscar Arnulfo Romero, vescovo e martire, illustre pastore e testimone del Vangelo, determinato difensore della Chiesa e della dignità dell’uomo. Figlio della terra amata di El Salvador, ha parlato con la gente del nostro tempo circa il lavoro salvifico del nostro Signore Gesù Cristo e il suo amore per tutti, in particolare i poveri e gli emarginati. Nella sua vita sacerdotale e all’inizio del suo ministero episcopale ha sperimentato un percorso unico spirituale che lo ha portato a promuovere la giustizia, la riconciliazione e la pace”.
Il Cardinale Ricardo Ezzati, arcivescovo di Santiago del Cile e rappresentante personale del papa nelle commemorazioni, ha aggiunto: “Credo che il beato mons. Romero è un martire di speranza. È questo per i più poveri del continente; è questo per la nostra amata Chiesa; è questo per coloro che lottano per la giustizia, la riconciliazione e la pace—che, con rinnovato affetto, lo chiamano già ‘San Romero delle Americhe’.”
Da parte sua, il Cardinale Christoph Schönborn, Arcivescovo di Vienna, ha affermato che mons. Romero “appartiene a queste grandi figure che, senza potere e senza armi, hanno cambiato il mondo solo attraverso la loro testimonianza”.
L’Arcivescovo di Bologna, mons. Matteo Zuppi, ha scritto in una lettera che il centenario di Romero è “un’occasione importante per ringraziare Dio della sua testimonianza e per scegliere, sul suo esempio, un impegno rinnovato e appassionata per la pace ... La sua cara memoria ci incoraggia e ci conferma nell'impegno per la Pax di Cristo”.
L’Arcivescovo Giovanni Ricchiuti, presidente di Pax Christi d’Italia, ha sottolineato che Romero è stato un “coraggioso testimone del Vangelo per la giustizia e per la pace ... L’eredità spirituale e l’attualità della testimonianza di mons. Romero sproni l’impegno della comunità mondiale nella costruzione della pace, fondata sulla giustizia e sui diritti dei popoli”.
Altri hanno cercato di disseccare l’ispirazione che ha motivato il martire. In una messa per il centenario di Romero e la festa dell’Assunzione della Vergine, l’Arcivescovo di San Antonio, Texas, Gustavo Garcia-Siller ha commentato che “mentre celebriamo anche il 100 ° compleanno del beato Oscar Romero, defunto arcivescovo di San Salvador, celebriamo la vita di chi ha seguito questo esempio di Maria”.
L’Arcivescovo di Los Angeles, in California, Jose Gomez, ha sottolineato la necessità di promuovere il bene comune del popolo come Romero ha fatto: “Nel nome di Beato Oscar, continuiamo a lavorare per costruire un migliore Los Angeles, una America migliore e un mondo migliore ... continuiamo a preoccuparci per la riforma dell’immigrazione—per tenere insieme le nostre famiglie, per dare diritti ai nostri lavoratori e per aprire la strada a rendere nuovi cittadini per questa grande terra nostra”.
L’amico di Romero, il Cardinale Gregorio Rosa Chavez di San Salvador, ha voluto ricordare altri martiri di El Salvador: “È facile applicare questo termine quando parliamo di mons. Romero, dei sacerdoti uccisi e delle quattro donne americane—tre religiosi e una missionaria secolare—le cui vite sono state strappate nel dicembre del 1980. Tuttavia abbiamo un debito che dobbiamo cominciare a pagare il più presto possibile: siamo impegnati dalla gratitudine a Dio e per l’amore della verità, per recuperare il ricordo di centinaia di persone anonimi martiri, la maggior parte dei quali sono umili uomini contadini e donne contadine”.
L’Arcivescovo Vincenzo Paglia, postulatore della causa della canonizzazione di mons. Romero, fa una pausa per riflettere sulla sua umanità. “Romero non era un Superman”, disse. “Aveva paura di morire, e ha confessato questo ai suoi amici in diverse occasioni. Ma amava Gesù e il suo gregge più di quanto amasse la vita. Questo è il significato del martirio. L’amore per Gesù e per i poveri è maggiore dell’amore per se stessi. Questo è il potere del messaggio di Romero”.
L’Arcivescovo panamense Jose Domingo Ulloa ha espresso un simile sentimento: “Davanti della figura gigante di Oscar Arnulfo Romero, non possiamo dimenticare quello che era: un essere umano che amava il suo popolo, che significa tutti. Per vocazione fu sacerdote, ministro di Cristo e servitore di coloro che gli erano stati affidati, specialmente dei contadini e dei bisognosi. Questo è quello che voleva essere, al di sopra di tutto il resto. Ora aspettiamo con gioia la canonizzazione di mons. Romero, che continua ad esserecausa di ispirazione per l’impegno cristiano”.
Il Vescovo di Dallas, Texas, Edward Burns, ha spiegato la sua decisione di avere una messa in onore di Romero. “Quando sono andato in El Salvador e ho scoperto che oggi sarà il suo anniversario, sapevo che dovevamo fare qualcosa, soprattutto per la comunità latinoamericana che vive qui a Dallas”, ha detto Burns, che ha assunto il suo ufficio a febbraio. “Oscar Romero era un grande uomo di fede e un grande pastore fedele della nostra comunità latina”, ha detto il vescovo durante la sua omelia.
L’Arcivescovo di San Juan de Cuyo, Argentina, Jorge Lozano, ha spiegato l’ammirazione per Romero di molti fedeli, anche di lui stesso: “così sono i santi, fattori di unità e comunione anche davanti dell’odio dei nemici”, ha aggiunto: “Si desidera imitare la sua resa e la sua chiarezza. Accarisco e bacio la sua tomba, la sua memoria e la sua vita”.
Altri vescovi non hanno fatto dichiarazioni, ma hanno parlato con i loro gesti. Il Vescovo di Astorga, Spagna, Jose Antonio Menéndez, ha inaugurato una vetrata con la figura del beato Romero in una chiesa, mentre il Vescovo Giuseppe Toal di Scozia ha presentato una tela del Beato Romero per segnare la sua adozione come santo patrono del Fondo Scozzese Cattolico di aiuto Internazionale (SCIAF).


Post a Comment