Wednesday, March 07, 2018

Papa approva miracolo per Romero


ANNO GIUBILARE per il CENTENARIO del BEATO ROMERO, 2016 — 2017


#BeatoRomero #Beatificazione
Papa Francesco ha approvato un decreto che riconosce un miracolo attribuito al Beato Oscar Romero, aprendo la strada per il martire salvadoregno di essere canonizzato santo. Francesco ha approvato il miracolo martedì 6 marzo 2018, insieme a un miracolo che permette la canonizzazione di Papa Paolo VI ed altri nuovi santi. Il quotidiano della conferenza episcopale italiana, Avvenire, riferisce che i miracoli per i due uomini furono approvati insieme in ogni fase del processo, incluse le approvazioni di medici, teologi, cardinali e vescovi.
Con questi sviluppi, Romero sembra destinato a diventare il primo santo mai nato in qualsiasi paese dell'America Centrale e il primo martire post-vaticano II di essere canonizzato nella Chiesa.
È probabile che la notizia lancerà un acceso dibattito su dove dovrebbe avvenire la canonizzazione. Le opzioni principali sono di canonizzare Romero in un gruppo che includerà anche Paolo VI il 21 ottobre, durante il Sinodo dei Vescovi sul discernimento vocazionale dei giovani (in Vaticano); l’altra opzione è quella di canonizzare Romero durante la Giornata Mondiale della Gioventù nel gennaio 2019 a Panama, forse lasciando il tempo alla causa del suo amico, Rutilio Grande, per raggiungere la causa di Romero in modo che Romero possa essere canonizzato e Grande beatificato nella stessa cerimonia. Un giornale salvadoregno, Diario CoLatino, riferisce che i vescovi salvadoregni hanno chiesto a Roma di farlo a Panama in modo che possa essere nelle terre centroamericane.
Le approvazioni arrivano un anno dopo che Papa Francesco ha aggiornato le regole per l’autorizzazione dei miracoli da parte della Congregazione per le Cause dei Santi, rendendo i requisiti più severi. Ad esempio, secondo le nuove disposizioni, almeno 5 dei 7 membri del gruppo di esperti medici (o 4 su 6) devono convenire che non esiste una spiegazione scientifica per approvare un miracolo, a differenza di una semplice maggioranza. Nel caso di Romero, i sette medici del gruppo sono stati unanimi nel loro voto del 26 ottobre 2017, concludendo che non c’era alcuna spiegazione medica per la cura di una donna incinta che ha subito una guarigione spontanea dopo che i membri della sua famiglia hanno pregato per l’intercessione dell’arcivescovo, ucciso nel 1980 e beatificato nel 2015. (Prima in ottobre, i medici vaticani hanno rifiutato un miracolo attribuito al frate francescano Nicola da Gesturi, beatificato nel 1999.)
I medici del comitato Romero erano tutti accademici illustri nei campi della fertilità e della gravidanza. Ad esempio, uno è il capo di ostetricia e ginecologia in un ospedale romano; un altro è un membro del Board europeo e nel European Board and College of Obstetrics & Gynaecology (EBCOG).
Il 14 dicembre 2017, una commissione di teologi ha aggiunto la loro approvazione. Poi, martedì 6 febbraio 2018, la commissione dei cardinali e dei vescovi della CCS ha votato per riconoscere il miracolo.
Ora, solo l’unico dettaglio per finalizzare è la data e il luogo per la canonizzazione. A tale scopo, il Papa convocherà un concistoro di cardinali per approvare formalmente la canonizzazione e stabilire una data per esso. Il concistoro dovrebbe succedere entro giugno, e forse prima.
Cecilia Maribel Flores Rivas, foto di El Diario de Hoy.
La beneficiaria nel processo non è una seguace stereotipata di Romero. Infatti, Cecilia Maribel Flores Rivas non è nota nei circoli dei attivisti cattolici, né tra i devoti ferventi del vescovo martire. Al contrario, Rivas proviene dalla Via Neocatecumenale, un movimento secolare con fama di recluso nella vita della Chiesa.  L’affiliazione della beneficiaria ha generato un certo rilievo tra gli intenditori della causa, nella speranza di dare un tocco di credibilità al processo, che è ancora visto con sospetto, in alcuni segmenti della società salvadoregna.
Super Martyrio ha esaminato documenti che rivelano la drammatica storia di una donna incinta la cui salute è peggiorata fino al punto di essere vicino alla morte, poi miracolosamente recuperata in piena salute in pochi giorni. La donna salvadoregna di 34 anni aveva sofferto di aborti multipli e gravidanze problematiche in passato. Durante una gravidanza nel 2015, ha avuto diverse difficoltà, tra cui depressione, infezione del tratto urinario e diabete gestazionale. Il 27 agosto di quell’anno è stata ricoverata in ospedale in difficoltà. Sospettando la preeclampsia (pressione del sangue alta con danni al fegato e ai reni), i medici hanno rimosso il suo bambino attraverso un taglio cesareo. Nei giorni successivi, peggiorò progressivamente. Ha esibito i sintomi della sindrome HELLP, una malattia epatica pericolosa per la vita. La sera del 28 agosto, fu trasferita in terapia intensive.
Nonostante il trattamento intensivo, vari sistemi di organi nel suo corpo iniziarono a diffondersi. Il suo sangue smise di coagularsi, il suo fegato e i suoi reni fallirono e fu messa su un respiratore meccanico perché i suoi polmoni hanno smesso di funzionare. Andò cieca e fu messa in un coma indotto in uno sforzo disperato per salvarle la vita. Una notte, i dottori dissero a suo marito che avevano fatto tutto il possibile. Non si aspettavano che lei vivrebbe per tutta la notte. Sua madre ha chiesto un prete andasse all’ospedale per amministrare gli Ultimi Riti.
Il marito ha aperto la Bibbia di sua madre e una carta di preghiera per Romero, che era stato beatificato all’inizio di quell’anno, ha caduto da tra le pagine. Il marito lo prese come un segno che avrebbe dovuto pregare Romero. Gli amici cominciarono pregando i vespri, poi i rosari e alcuni andarono alla cripta dove Romero è sepolto per pregare. Alla fine, la loro intera parrocchia stava pregando tutto il giorno. Inaspettatamente, dal 9 settembre e nelle prossime 72 ore, la donna ha vissuto una drammatica ripresa, con livelli che sono crollati al punto della quasi morte, da quel punto hanno riacquistato il funzionamento normale, tanto che dal 14 settembre è stata dimessa dall’ospedale.  Da allora in poi, non ha mostrato alcun segno di danno permanente ai reni e ha ripreso una vita “assolutamente normale”.

Il miracolo fu inizialmente documentato in un’inchiesta della Chiesa salvadoregna convocata il 31 gennaio 2017 ed aggiornata il 28 febbraio 2017. La Chiesa salvadoregna ha inviato la documentazione al Vaticano, che ne certificò la validità il 7 aprile 2017 e aprì il suo proprio studio.
Il processo di raccolta di miracoli di Romero serve anche come un prisma per rifrangere il fervore popolare salvadoriano. Sin dalla sua morte nel 1980, la tomba di Romero era coperta di targhe che esprimendo gratitudine per “miracoli” concessi. Entro sei mesi dalla beatificazione in 2015, le autorità ecclesiali raccolsero tre “miracoli” attribuiti a Romero. Tuttavia, il Vaticano li ha respinti come insufficienti. Sebbene tali miracoli non qualificano per l’approvazione in un processo canonico, questi favori riflettono il dialogo intimo tra i fedeli e il suo pastore mancante.
Il riconoscimento dei santi nella Chiesa cattolica è costituito da due fasi. Nella prima, la persona è dichiarata beata, sia per la sua “virtù eroica” che, sia per essere stata uccisa per “odio della fede” come Romero. In quel caso, viene chiamato martire. Romero ha raggiunto questo status nel 2015, dopo un lento studio che è stato ostacolato da differenze ideologiche al di fuori e all’interno della Chiesa su se l’omicidio era per odio della fede o per motivi politici. Nella seconda fase, ci vuole un miracolo per stabilire che il candidato ha un’approvazione celeste. Questa è la fase che Romero ha vinto adesso.


Post a Comment