Sunday, August 24, 2014

“Romero,” il Film, edizione 25 ° anniversario






Raul Julia e John Duigan.  Four Seasons Entmt. (c) 1989.
English | español

Il primo film di Hollywood mai essere finanziato dalla Chiesa Cattolica è stato rilasciato 25 anni fa, il 25 agosto, 1989: “Romero” con il portoricano Raul Julia (“Bacio della Spiderwoman” e “La famiglia Addams”) come Mons. Oscar A. Romero di El Salvador, diretto dalla australiano John Duigan. Lo scrittore era John Sacret Heart (TV “The West Wing”), e il produttore era don Ellwood E. Kiesel di Pictures Paulist. “Nonostante la sua natura religiosa”, il New York Times ha scritto, il film era “una impresa francamente commerciale rivolta a un pubblico di massa”. Ma a differenza di quanto accade in altri set cinematografici, il cast e la troupe di “Romero” si riunivano ogni settimana per celebrare la Messa, con il produttore (P. Kiesel) come celebrante.

Un quarto di secolo più tardi, “Romero” continua ancora in piedi, con un ricevimento insolitamente riverente (ad esempio, il 75% di approvazione di critica e 81% di apprezzamento del pubblico su RottenTomatoes), e il film ha innegabilmente fatto il suo marchio culturalmente elevando il suo soggetto alla statura iconica che sembra meglio raggiunto sul grande schermo:

  • Rilasciato prima di dieci anni dal l'assassinio di Romero nel 1980, il film è diventato essenzialmente la prima bozza della leggenda Romero, presentando quello che è adesso il paradigma dominante nel raccontare la storia, con il suo motivo di un conservatore libresco che diventa un tizzone dopo aver sperimentato una conversione nell'ultima parte della sua vita, a causa dell'omicidio di un caro amico.
  • Il film è stato determinante nel rendere Romero noto al pubblico, soprattutto nel mondo di lingua inglese. A dire il vero, l'assassinio di Romero ha fatto i titoli internazionali, quando si è verificato alla fine della guerra fredda, ma il film presenta un ritratto intimo che risuona molto più di un titolo lampeggiante, portando gli spettatori faccia a faccia con il ritratto ben congegnato ed elegante di Raul Julia del martire moderno. Il film ha preceduto l'istituzione del proceso di canonizzazione dell'Arcivescovo Romero nel 1994, e l'inaugurazione della statua di Romero sulla facciata ovest della Abbazia di Westminster a Londra nel 1998.
  • Venticinque anni dopo, “Romero” ha avuto il suo giusto posto nel cinema cattolico. Nel 2004, il National Catholic Register e la rivista Faith & Family classificato “Romero” no. 26 nei loro “Top100 Film Pro-cattolici”, e quando i vescovi cattolici degli Stati Uniti hanno lanciato “Due settimane per la libertà” nel 2012, il Register ha raccomandato a guardare “Romero”. Il film è abitualmente elencato nella top list cinematografiche cattoliche, tra cui uno pubblicato all'inizio di quest'anno.

Il defunto Roger Ebert ha dato “Romero” modesto lode, scrivendo che “il film ha un buon cuore, e la performance Julia è interessante, sobria e considerata”. Tuttavia, Ebert qualificato, “la debolezza di questo film è una certa prevedibilità implacabile: Possiamo sentire in ogni momento ciò che deve accadere, e la traiettoria sembra ordinata anche nei primi fotogrammi. Di conseguenza, il film non mescolare molte passioni, e sembra più dolente che arrabbiato”. Anche se Ebert fa una critica valida (che è il motivo per cui è citato qui), il suo ultimo punto sembra mancare il bersaglio. Il vero Romero non era arrabbiato, e in questo modo il film dipinge un ritratto autentico del suo soggetto.

Una cosa che “Romero” mai ha precisato essere, e non dovrebbe mai essere scambiato per essere, è storia. É molto preciso come uno schizzo del personaggio, come un esame psicologico, e come x-ray emotivo della storia che racconta. Ma la maggior parte dei personaggi sullo schermo, sono stati rinominati, probabilmente per evitare la diffamazione delle persone reali, che erano ancora in vita quando è stato fatto il film. Molti altri personaggi sono del tutto romanzate o, nel migliore dei casi, rappresentano composti di diversi personaggi storici, a cura di semplificare la storia. Non c'è nulla di disonesto in questo: la pratica è lo stesso in altri film. Sulla stessa linea, ci sono sequenze ed eventi che non sono mai accadute (ad esempio, Romero in prigione), ma le drammatizzazioni sono allegorici e suonano vere, mentre altri importanti eventi che hanno si verificano sono stati lasciati fuori (ad esempio, incontri di Romero con i papi).

La decisione editoriale più consequenziale ha stato la determinazione di ritrarre Romero, come conversione nella strada al Damasco. Quando si apre il film, Romero è un taciturno, riservato, e vituperato chierico (“Chiunque, ma Romero!” sentiamo dire giovani sacerdoti, in sua presenza). É amichevole con gli aristocratici. Entro la fine del film, Romero è un difensore appassionato e intrepido dei diritti umani, amato dai poveri comune, ed ora insultato da oligarchi che erano i suoi amici all'inizio. Il film stesso è equilibrato nel suo trattamento, ma impostando Romero in tali contrasti, invita l'abuso del modello “conversione” di Romero. Prendete per esempio, questa descrizione di Romero pre-conversione: “si schierò con i proprietari avidi, importanti mediatori di potere, e gli squadroni della morte”. [Scrito di John Dear.] Questo è una falsità grottesca —esoprattutto la parte che Romero “schierato con ... squadroni della morte” è osceno. Ma questa caricatura di base emerge della voltafaccia dal-e-notte giorno implementato con successo in questo film.

Un’altra decisione relativa alla narrazione che potrebbe troncare Romero è stata la decisione di raccontare solo gli ultimi tre anni della vita di Romero. Oggi, anche tra ammiratori di Romero, c’e familiarità solo con i suoi anni come arcivescovo. Se avete letto qualche frase parlata da Romero, sono quasi certamente dai suoi sermoni durante i suoi tre anni come arcivescovo. Anche se teneva diari e documenti tutta la sua vita, solo i suoi diari di suoi tre anni come arcivescovo sono stati pubblicati e tradotti. Probabilmente, per capire cosa motivato Romero, devi capire chi era veramente prima di qualsiasi conversione. Anche se si accetta il fatto della conversione, la natura e la portata della conversione sarà compreso solo se si ha un senso di ciò che Romero ha fatto con i primi 60 anni della sua vita, in contrasto con gli ultimi tre.

Ironia della sorte, in queste note che suonano off-chiave, “Romero” ha aggiunto pertinenza, perche continua a rappresentare il miglior punto di riferimento (e, spesso, il materiale sorgente) per comprendere il mito di Romero. E anche quando si tratta di avvicinarsi alla verità su Romero, questo account altamente stilizzato e leggermente romanzato continua a confrontare favorevolmente a documentari Romero che sono venuti, come l'offerta “Monseñor: l'ultimo viaggio di Oscar Romero” nel 2011 ei documentario messicano “El Cielo Abierto” nel 2012. Mentre questi film hanno recuperato gran parte del dettaglio storico che “Romero” lasciato sul pavimento della sala taglio, non hanno mai salire al senso di arte e poesia da “Romero”. (Óscar Romero è stato anche interpretato nel film del 1986 di Oliver Stone “Salvador”, e nel fa-per-TV movie “Scelte del Cuore” nel 1983; “Romero” è superiore per quanto riguarda il ritratto dell'arcivescovo.)


Infine, oggi che “Romero” raggiunge venticinque, è sorprendente quanto sia rilevante rimane in termini di dire al mondo che la persecuzione e il martirio sono reali, anche quando vengono legati in contesti culturali e politiche complesse. I titoli del giorno sulla persecuzione dei cristiani in Iraq e in altre regioni in difficoltà sono sufficienti a dimostrare il punto che la storia di Romero non è un ritorno al passato anacronistico perche i martiri che sono travolti in vortici politici intricati esistono oggi. L’osservazioni di Papa Francesco nel aereo a Roma dopo aver beatificato 124 martiri in Corea sono istruttive. Il martirio potrebbe essere una morte inflitta “sia per aver confessato il Credo, sia per aver fatto le opere che Gesù ci comanda, con il prossimo”, ha detto il papa. “Per me, Romero è un uomo di Dio”.

Il film di John Duigan del 1989 è ancora il migliore film su “Romero” e ancora così urgente come lo era 25 anni fa.

Post a Comment