Monday, August 18, 2014

Francesco: «Romero è un uomo di Dio»




Papa Francesco ha parlato esplicitamente per la prima volta sul suo desiderio di vedere la beatificazione di monsignor Oscar A. Romero di El Salvador, dicendo che, “Per me, Romero è un uomo di Dio” e affermando che ci non sono problemi dottrinali di impedire la beatificazione del prelato martire. “È importante farlo rapidamente”, ha aggiunto il Pontefice.

Francesco fece le sue osservazioni a bordo dell'aereo papale al tornare dal suo viaggio in Corea il Lunedi, 18 agosto 2014. Il Papa è stato chiesto da un giornalista sullo stato della causa di beatificazione e il Pontefice ha risposto che i teologi devono ancora chiarire se Romero fosse ucciso a causa della sua fede. Francesco anche suggerito un modo per i teologi per risolvere quello che è stato il problema appiccicoso nel processo. “Quello che vorrei è che si chiariscono quando c'è un martirio per odio alla fede — per confessare la fede — così come per fare il lavoro per l'altro che comanda Gesù,” il Pontefice ha detto secondo si riferesce.

Sotto soluzione proposto di Francesco, la morte per la causa della giustizia cristiana — a volte chiamata «odium iustitiae» — dovrebbe essere stabilita come una formula alternativa per dimostrare il martirio in relazione al test tradizionale (chiamato «odium fidei» o “odio alla fede”). Attualmente è una prova subordinata, ma l'analisi può spesso impantanarsi nei dibattiti teologici.

Gli osservazioni di Francesco di oggi rappresentano la prima volta che il Papa ha espresso pubblicamente il suo sostegno per la beatificazione di Romero. Si dice sia stato ancor più entusiasta in privato, e commentatori hanno osservato che il messaggio di Romero sembra adattarsi ai temi del pontificato di Francesco, in particolare l'enfasi sui poveri da un figlio della Chiesa latinoamericana.

Francesco ha spiegato che il processo era stato “bloccato per prudenza” di funzionari del Vaticano, ma dovrebbe essere ora consentito di avanzare. Il Papa ha detto che l'indagine deve fare il suo corso, e ha suggerito la questione è nelle mani di Dio. “Ma il processo deve andare avanti, e Dio deve dare il suo segno. Se vuole farlo, lo farà”, ha detto il Pontefice.

Egli ha anche accennato al fatto che il progresso nel processo dipende anche da mani umane: “adesso i postulatori devono muoversi perché non ci sono impedimenti” ha detto.

Il commento di Francesco che “Romero è un uomo di Dio” dovrebbe essere particolarmente ben accolto a San Salvador, dove la Chiesa ha appena lanciato un “Triennio Romero”, un programma di commemorazioni di tre anni che porta al 100 ° anniversario della nascita di Romero nel 2017. Il tema per il primo anno è “Romero, uomo di Dio”.

San Giovanni Paolo II ha parlato su Mons. Romero in sette discorsi / udienze pubbliche. Il più famoso di questi era una messa di 1983 a San Salvador, dove ha chiamato Romero un “zelante Pastore che l’amore di Dio e il servizio ai fratelli portarono fino al sacrificio stesso della vita in forma violenta”. Papa Benedetto XVI ha parlato sul Romero durante tre diversi eventi pubblici, tra cui una conferenza stampa in volo dopo un viaggio di 2007 in Brasile, durante la quale ha detto: “Non dubito che la sua persona meriti la beatificazione ... Mons. Romero è stato certamente un grande testimone della fede, un uomo di grande virtù cristiana, che si è impegnato per la pace e contro la dittatura e che è stato ucciso durante la celebrazione della Messa. Quindi una morte veramente 'credibile', di testimonianza della fede”.  Da parte sua, il Papa Francesco, pur non facere dichiarazioni pubbliche prima di questo conferenza stampa, aveva tenuto incontri di alto profilo su Romero, anche con due presidenti di El Salvador e con una delegazione di vescovi salvadoregni.

Domanda completa e la risposta del papa

D. Lei ha parlato del martirio: a che punto siamo con il processo per il vescovo Romero? Lei cosa vorrebbe vedere uscire da questo processo?

R. Il processo era alla Congregazione per la Dottrina della fede, bloccato “per prudenza”, si diceva. Adesso è sbloccato. E’ passato alla Congregazione per i Santi. E segue la strada normale di un processo. Dipende da come si muovono i postulatori. Questo è molto importante, di farlo in fretta. Io, quello che vorrei, è che si chiarisca: quando c’è il martirio in odium fidei, sia per aver confessato il Credo, sia per aver fatto le opere che Gesù ci comanda, con il prossimo. E questo è un lavoro dei teologi, che lo stanno studiando. Perché dietro di lui [Romero], c’è Rutilio Grande e ci sono altri; ci sono altri che sono stati uccisi, ma che non sono alla stessa altezza di Romero. Si deve distinguere teologicamente, questo. Per me Romero è un uomo di Dio, ma si deve fare il processo, e anche il Signore deve dare il suo segno… Se Lui vuole, lo farà. Ma adesso i postulatori devono muoversi perché non ci sono impedimenti.

Analisi

Il messaggio di Francesco 'si legge in modo diverso in base a che parte preferiamo sottolineare. La prima relazione di ieri focalizzata sul Papa dicendo: "Per me, è un uomo di Dio", ma si dovrebbe lasciare che il processo faccia il suo corso - che suonava come se Francesco voleva rimanere di neutralità. Funzionari salvadoregni sembrano di concentrarsi su commento di Francesco 'che non ci siano impedimenti dottrinali, il che suggerisce che la beatificazione è ora assicurata. Questo non è una notizia, perche è stato riferito l'anno scorso che una tale via libera è stato dato dall'agenzia dottrinale del Vaticano sotto il pontificato di Benedetto XVI. I salvadoregni dicono: bene, è la prima volta che sentiamo il Papa dirlo, e questo è vero - anche se probabilmente lui non è la fonte più diretta di tali informazioni. Quello che mi sto concentrando il giorno dopo è il commento di Francesco 'che "i postulatori devono muoversi." Penso che sia un messaggio non così sottile da Francesco, che si aspetta che i funzionari chi gestiscono il caso devono accelerare esso.
Post a Comment