Tuesday, July 14, 2015

Sommario della Beatificazione Romero


 
BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015
 

 



Questo è stato originariamente pubblicato in FirstThings.com il 8 Luglio 2015.

L’arcivescovo salvadoregno Oscar Romero, assassinato da un cecchino di destra mentre celebrava la Messa, nel 1980, è stato elevato agli altari in una magnifica cerimonia di beatificazione in San Salvador questo scorso maggio. La beatificazione di Romero ha stato piena di note di riconciliazione, che sembrava segnare la fine ufficiale del lutto per la guerra civile salvadoregna, ufficialmente scatenata dal suo assassinio. Le parole del Salmo 125, intonati dal coro, sembravano riassumere il giorno: “Chi semina nelle lacrime mieterà con giubilo”. Mezzo milione sono stati riuniti intorno a un altare provvisorio rivestito in rosso di martire e sormontato in giallo e bianco i colori del Vaticano, su una iconica piazza di San Salvador chiamata Salvatore del mondo (“El Salvador del Mundo,” l’omonimo santo patrono del paese). Cinque presidenti latinoamericani erano presenti, e sia il Papa e il presidente degli Stati Uniti hanno rilasciato dichiarazioni per l’occasione. Quasi 1.300 sacerdoti hanno concelebrato; la processione di ingresso è durata mezz’ora per completare. L’altare provvisorio è stato sottoposto a da un imponente vulcano, e sormontato da un alone solare inaspettato che è apparso poco dopo proclamata la beatificazione di Romero.

L’altare provvisorio.

Quando il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi—il funzionario vaticano incaricato della cerimonia—entrò nella piazza, sorrideva e salutava, a quanto pare prendendo parte dello stato d’animo di giubilo. Il tono gioioso del coro di 125 membri, a quattro parti ricordava un gruppo evangelico statounitense, e un osservatore inconsapevole potrebbe essere perdonato per non rendendosi conto che questo era la beatificazione di un uomo che ha stato ucciso a soli 35 anni prima in mezzo estesi massacri e una guerra civile fratricida. Tutto ciò che riguarda la scena era in netto contrasto con il terrore di quegli anni. Mentre Romero aveva stato una figura di divisione, era ormai universalmente accolto. La sorella e il figlio del uomo accusato di aver ordinato il suo assassinio aveva posti VIP per la cerimonia. Mentre Romero stato respinto dai suoi colleghi vescovi salvadoregni, i circa cento vescovi alla beatificazione tutti indossavano casule che portano lo scudo vescovile di Romero, e il cardinale Amato indossava una mitra decorata con il motto episcopale di Romero: “Sentir con la Iglesia” (“Sentire con la Chiesa”).
Venditora ambulante guarda la processione dei vescovi.

Seguendo l’evento, guardando lo svolgimento della celebrazione eucaristica”, ha detto Luis Badilla, un’osservatore della chiesa con sede a Roma, “ha stato una sensazione molto forte che Romero sarà molto contento ... A me questa cerimonia sembra una cerimonia molto mite, molto umile; bellisima.  Non manca niente; non abonda nulla; è una ciremonia povera, nella dignita come era Romero”. L’affluenza è stata almeno pari a, e probabilmente superato, quella delle beatificazioni di Padre Pio, Madre Teresa e di San Josemaría Escrivá, ma tutto è andato senza alcun intoppo.

Leggi il resto di questo articolo (in inglese) in FirstThings.com.
I fedeli si inginocchiano sul marciapiede durante la Comunione.

Post a Comment