Monday, August 03, 2015

Trasfigurazione

 




Super Martyrio sta pubblicando per la prima volta in italiano, inglese, e spagnolo la prima omelia nazionale del Beato Oscar Romero. È stata pronunciata il 6 agosto del 1976, sei mesi prima della sua nomina ad arcivescovo di San Salvador, per la festa della Trasfigurazione, quando i salvadoregni festeggiano il loro patrono, il Divin Salvatore del mondo.

Trentanove anni dopo, El Salvador anela per la sua grande trasfigurazione dal crimine e dalla violenza alla pace e l'armonia sociale. Molti di noi abbiamo visto (seppur fugacemente) il modello di convivenza tanto desiderato durante la beatificazione di Romero a maggio, quando l'unità, lo spirito di volontariato, e di grande positività prevalsero per l'evento storico ei omicidi si sono fermati per il fine settimana dell'evento. Questa omelia di Romero impone lo stesso contrasto tra “ciò che è” e “quello che potrebbe essere”.

Il Romero che ci parla in questa omelia è un tradizionalista moderato che detiene ancora indietro le denunce coraggiose che caratterizzeranno i prossimi anni, ma abbiamo la sensazione che lui è sul punto di fare un passo da gigante e decisivo nel suo ministero. Egli parla di Cristo il “Liberatore”, e più importante Romero dipinge il quadro che la sua beatificazione ha incarnato per un breve momento: di un popolo santo, che si distingue per la sua nobiltà e afferma la sua eredità spirituale dal stesso Cristo. (Quindi, è così appropriato che la beatificazione di Romero ha avuto luogo a fianco del Monumento al Divin Salvatore—le autorità ecclesiastiche hanno annunciato questo fine settimana che le reliquie di Romero accompagneranno le celebrazioni patronali di questa settimana.)

Mentre la beatificazione di Romero ci ha dato un assaggio della pace sociale che è possibile, il Beato Romero dal 1976 predica a noi su come rendere questa esperienza una realtà permanente. È “nel cuore della nostra fede e della nostra spiritualità autentica nazionale”, Romero dice ai suoi concittadini, "che possiamo trovare la luce e la forza che il Divin Salvatore offre per le liberazioni efficaci, e le promozioni e trasformazioni del nostro paese”.

Romero fa appello al nazionalismo e al dovere civico di incoraggiare ardentemente un ritorno ai valori antichi della cristianità e della civiltà cattolica come un modello che dovrebbe essere adattato alle esigenze della realtà salvadoregna, ma che presenta una valida alternativa ai progetti della modernità: “Noi non dobbiamo andare a mendicare per altre fonti, atei, o di quelle di ispirazione non trascendente, per il concetto della nostra liberazione. Dalle nostre origini nazionali, Dio ci ha favorito con la sua vera filosofia”.

Ora, leggiamo del piano di Dio per trasfigurare El Salvador e il mondo, come riferito da Beato Oscar Romero in questa omelia inedita. Può anche rivelare un messaggio che è applicabile al El Salvador e il mondo di oggi.


Il Divin Salvatore:

Chi è, come è la la Sua liberazione, e come la Sua opera ci raggiunge.

Beato Oscar A. Romero

6 agosto 1976

 

I. Chi è il Divin Salvatore

Una canzone della culla

Mi viene in mente che il Vangelo della Trasfigurazione del Signore, che abbiamo sentito proclamato, ha per noi salvadoregni, la dolcezza nostalgica di una canzone di culla. E alla luce di quel Vangelo, le nostre celebrazioni agosto recuperano il sentimento di un ritorno alla casa di nostra nascita.

Sì; Così siamo nati nella civiltà cristiana sotto il segno della Trasfigurazione del Signore. Il suo volto divino, luminoso come il sole, e la brillantezza nevosa dei suoi paramenti, sono stati i primi raggi cristiani che illuminavano la geografia opulenta della nostra patria al momento della sua uscita dalla sua nuvolosa preistoria, quando, nel 1528, il capitano Pedro de Alvarado, dopo aver messo la sua conquista sotto la protezione della Santissima Trinità, fondò la capitale della nostra Repubblica e la battezzò con il incomparabile nome del Santissimo Salvatore (“San Salvador”).

Commentando sull'origine privilegiato della nostra storia cristiana nello splendore del nostro primo Congresso Eucaristico Nazionale, il Servo di Dio, Papa Pio XII, ha osservato con sapienza teologica: “Vogliamo pensare che non era solo l'immacolata pietà di Pedro de Alvarado, che, agli albori della Conquista, ha così altamente battezzato voi, ma più di ogni altra cosa è stata la stessa Provvidenza di Dio”. (Il Radiomessaggio di SS Pio XII in occasione della chiusura del 1 ° Congresso Eucaristico Nazionale della Repubblica di El Salvador, il 26 novembre 1942.)

Un regalo di Battesimo       

Infatti, è stato propria la Provvidenza di Dio, che battezzati e stampati questa terra sconosciuta un carattere indelebile e inconfondibile con lo splendore della manifestazione più luminoso del Vangelo.

È stato un Vangelo che è venuto a noi arricchiti con l'essenza squisita della teologia e la liturgia orientale, e con l’eco delle preghiere, le scaramucce e le vittorie della Chiesa creatora e custoda della civiltà occidentale. Perché questa festa del 6 agosto che la Spagna ci ha lasciato è stato celebrata con grande splendore come la principale festa di estate durante il V secolo in Oriente in onore di Cristo Re, e papa Callisto III, l'ha adottato nel 1457 come una festa mobile nella liturgia occidentale, per celebrare la vittoria cristiana nella battaglia di Belgrado, contro le incursioni islamiche.

Così la provvidenza di Dio ha preparato le lunghe strade della Chiesa di raggiungerci per iniziare qui il suo compito di evangelizzazione, sotto il segno della Trasfigurazione; un segno di pienezza, la pienezza del Kerigma (annuncio) e della catechesi cristiana, consegnata a noi con la splendida visione del Monte Tabor. Perché in essa Dio ci presenta, in una mirabile sintesi, come un seme o fermentazione, la completa rivelazione del Suo piano divino per salvare il mondo attraverso il Figlio della Sua compiacenza. Per questo motivo, credo che il miglior servizio che un umile predicatore del Vangelo può offrire la patria in questa occasione solenne, in cui la famiglia ritorna con affetto, è di rivedere e di affrontare, se la nostra realtà religiosa e nazionale si sta costruendo su queste tre coordinate solide della fede cristiana che sono illuminati con il mistero nazionale della festa del nostro patrono: Cristo, la sua salvezza e la sua Chiesa.

Solo un essere divino può dare la posizione e il merito di Dio, per il dolore umano e il sangue che sarebbe il prezzo della redenzione.

Il Divin Salvatore è l'uomo ottimale che può essere presentato in questo quadro luminoso della Trasfigurazione. In Lui, Dio rivela attraverso il linguaggio dei segni divini, Suo disegno misericordioso per salvare il mondo per mezzo di suo Figlio prediletto. Mosè ed Elia rappresentano le promesse e profezie attraverso cui Dio aveva annunciatio e preparato la grande liberazione dell'umanità con messaggi e azioni portentosi. Pietro, Giacomo e Giovanni saranno testimone del compimento delle promesse di Dio nella loro vita. Sono lì, mettendo a punto la loro fede e speranza, per partecipare e di attestare nel mondo per lo scandalo doloroso della croce. Per questo motivo, quando la visione si conclude, il Signore li giura di mantenere il segreto sulla rivelazione, “fino a quando il Figlio dell'uomo non sia risorto dai morti.” (Marco 9: 9). In un paradosso inaspettato, la visione luminosa del Monte Tabor si rivela una tragica prefigurazione della Trasfigurazione insanguinata del Calvario.

Solo la sua liberazione ci salva

Questo è come il nostro paese ha ricevuto, insieme con il nome di Dio (“El Salvador,” Il Salvatore), l'autentica rivelazione della vera salvezza di Dio per mezzo dei profeti e degli apostoli. Noi non dobbiamo andare a mendicare per altre fonti, atei, o di quelle di ispirazione non trascendente, per il concetto della nostra liberazione. Dalle nostre origini nazionali, Dio ci ha favorito con la sua vera filosofia. Ed è proprio lì, nel cuore della nostra fede e della nostra spiritualità autentica nazionale, che possiamo trovare la luce e la forza che il Divin Salvatore offre per le liberazioni efficaci, e le promozioni e trasformazioni del nostro paese.

II. Come è la Sua liberazione

Cosa è, allora, la liberazione che sponsorizza e promuove il Divin Salvatore dell'umanità?

I depositari autorizzati del suo pensiero, il Papa ei Vescovi, si riunirono due anni fa, al Sinodo mondiale del 1974, per affrontare quel pensiero  divino contro la tragica realtà del nostro mondo di oggi, “con un accento pastorale”—dice Paolo VI, nella sua esortazione sull'evangelizzazione del mondo contemporaneo—“in cui vibrava la voce di milioni di figli della Chiesa che formano quei popoli [del Terzo Mondo]. Popoli impegnati, Noi lo sappiamo, con tutta la loro energia, nello sforzo e nella lotta di superare tutto ciò che li condanna a restare ai margini della vita: carestie, malattie croniche, analfabetismo, pauperismo, ingiustizia nei rapporti internazionali e specialmente negli scambi commerciali, situazioni di neo-colonialismo economico e culturale talvolta altrettanto crudele quanto l'antico colonialismo politico”, ecc (EVANGELII NUNTIANDI, 30)

E i vescovi hanno riconosciuto il dovere della Chiesa di denunciare, e di contribuire a realizzare la completa liberazione di questi milioni di esseri umani. Ma gli stessi Vescovi hanno offerto in quello storico incontro, “i principii illuminanti per cogliere la portata e il senso profondo della liberazione quale l'ha annunziata e realizzata Gesù di Nazareth, e quale la predica la Chiesa”. (Ibid ., 31.)

La liberazione di Cristo e della sua Chiesa non si riduce alla dimensione di un progetto puramente temporale. Non riduce i suoi obiettivi ad una prospettiva antropocentrica: ad un benessere materiale o di iniziative di ordine politico o sociale, economico o culturale.

Tanto meno può essere una liberazione che sostiene o è supportata dalla violenza.

Ma se così fosse, la Chiesa perderebbe la sua significazione fondamentale. Il suo messaggio di liberazione non avrebbe più alcuna originalità e finirebbe facilmente per essere accaparrato e manipolato da sistemi ideologici e da partiti politici”. (Ibid., 32.)

La liberazione di Cristo e della sua Chiesa è, invece, quella che comprende tutto l'uomo, in tutte le proprie dimensioni, compresa la sua apertura all'Assoluto, che è Dio. E con “l'associarsi a coloro che operano e soffrono per [la liberazione], la Chiesa - senza accettare di circoscrivere la propria missione al solo campo religioso, disinteressandosi dei problemi temporali dell'uomo - riafferma il primato della sua vocazione spirituale, rifiuta di sostituire l'annuncio del Regno con la proclamazione delle liberazioni umane”. (Ibid., 34) il suo miglior contributo è di annunciare la salvezza in Gesù Cristo; una salvezza che richiede la conversione nel proprio cuore. La Chiesa riconosce che è necessario di cambiare le strutture esistenti per altri che sono più umane e più giuste; ma lei è convinta che queste nuove strutture “diventano presto inumani se le inclinazioni inumane del cuore dell'uomo non sono risanate, se non c'è una conversione del cuore e della mente di coloro che vivono in queste strutture o le dominano”. ( Ibid., 36)

Arbitro di nostri conflitti

Che bello sarebbe se questo 6 agosto, al momento di lasciare questa casa di famiglia, dopo aver condiviso un ritorno sincero alle nostre origini, ci portavamo nei nostri anime la volontà di capirsi meglio dal punto in cui la mano della Provvidenza ha posto ciascuno di noi. Se gli uomini del governo e dei pastori della Chiesa, se il capitale e il lavoro, se gli abitanti delle città e quelli delle campagne, le imprese statali e quelli delle imprese private [applausi] ... Se noi tutti se lasceremmo che il Divin Salvatore del Mondo, il Patrono della Nazione, fornisca  la trasformazione nazionale che abbiamo urgente bisogno di avere. Se Lui sarebbe l'ispirazione e l'arbitro di tutti i nostri conflitti, il protagonista di tutte le trasformazioni nazionali, per una liberazione integrale che solo Lui può costruire.

III. Come ci raggiunge la Sua opera

Cristo vive nella sua Chiesa

Cristo vive. E che sta facendo il grande lavoro di liberare il mondo. La Chiesa, da Lui fondata, mantiene il mistero della sua incarnazione e della sua salvezza tra le nazioni. La luce di Cristo illumina all'interno della Chiesa.

La storia della Trasfigurazione rivela anche il mistero della Chiesa e della sua missione nella nostra storia nazionale. San Pietro, il primo Papa scelto per questa Chiesa nascente, ci descrive la missione della Chiesa nel simbolo poetico di una lampada, che porta la luce dei profeti. Quando è messo in contatto con il Cristo della Trasfigurazione, questa lampada diventa più luminosa perché ha l'adempimento di tutti i profeti, e la porta per le vie degli uomini “fino a quando spunti il ​​giorno e la stella del mattino si levi in i vostri cuori “(2 Pietro 1:19).

Questa è la sua missione: “illuminare tutti gli uomini con la luce del Cristo che risplende sul volto della Chiesa”. (LUMEN GENTIUM, 1). Lei ci porta il vero Cristo. Non possiamo dimenticare che il 6 agosto è un incontro del nostro paese con Dio reso possibile grazie alla Chiesa. Il credo della Chiesa è il punto di partenza della nostra fede. Abbiamo ricevuto la nostra fede in Gesù dalla Chiesa, non dalla critica filosofica o fisiologica. Qualsiasi altro Cristo e qualsiasi altra liberazione che non è Cristo, e non è la liberazione predicata dalla Chiesa, saranno sempre un Cristo e una liberazione illusorie, per tanto “storicche”, che vengono chiamati. Come San Paolo disse ai Galati in nome della Chiesa, “Se qualcuno predica a voi qualsiasi vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anatema”. (Gal. 1: 9).

Segno visibile del nostro incontro con Lui

E, allo stesso tempo, che la Chiesa è portatrice della vera luce di Cristo, è anche l'obiettivo dell'evangelizzazione dei popoli. Perché L’Evangelizzazione predica, la “ricerca di Dio stesso attraverso a preghiera principalmente adorante e riconoscente, ma anche attraverso la comunione con quel segno visibile dell'incontro con Dio che è la Chiesa di Gesù Cristo, e questa comunione si esprime a sua volta mediante la realizzazione di quegli altri segni del Cristo, vivente ed operante nella Chiesa, quali sono i Sacramenti”. (Evangelii nuntiandi, 28) Così, Paolo VI abbatte la dicotomia in certi insegnamenti pastorali di ispirazione protestante che pretende di contrapporre “l'evangelizzazione” contro “sacramentalizzazione,” nella sua esortazione magistrale, Evangelii nuntiandi.

Il nostro ritorno alla fonte ha portato anche a noi questo felice incontro con la nostra Chiesa, che ci ha portato come un dono della Provvidenza divina questa relazione così carica di significato, e ci offre un rifugio sicuro in nostro incontro con Cristo vivo e salvatore. Questa è una sfida per noi che rappresentano la Chiesa—Vescovi, sacerdoti ei religiosi—a diventare più adatti ogni giorno per una vocazione che ha la missione trascendente di brillare il volto della Chiesa sulla nostra Patria. La peggiore disgrazia sarebbe quella di nascondere quella brillantezza, mimetizzandosi o mostrando la nostra identità sacerdotale e religiosa gloriosa di essere vittime di una crisi interna. Questo momento ispira anche l'onestà e la fiducia per intervenire presso il governo e il popolo, per ripetere una domanda della Chiesa, formulata in questo modo dal Concilio Vaticano II: “[La Chiesa] non vi chiede altro che la libertà. La libertà di credere e di predicare la sua fede, la libertà di amare il suo Dio e di servirlo, la libertà di vivere e di portare agli uomini il suo messaggio di vita. Non temetela: essa è ad immagine del suo Maestro, la cui azione misteriosa non intacca le vostre prerogative, ma guarisce tutto l’umano dalla sua fatale caducità, lo trasfigura, lo riempie di speranza, di verità e di bellezza”. (Messaggi del Consiglio—Ai governanti).

Come un solo cuore

In realtà, più che la pietà di Pedro de Alvarado ha stato la Provvidenza di Dio, che ci ha così altamente battezzato con il nome del Salvatore (“El Salvador”). E, più che un nome, Egli ci ha dato un messaggio, che è la sintesi del Suo piano divino per salvare il mondo, nel suo Figlio prediletto. Per questo motivo, queste celebrazioni di agosto ci sembrano come un ritorno conviviale alla casa di famiglia, di chi si sporge per imprimere un bacio di fede, di gratitudine e di rinnovato impegno, sulla culla della sua infanzia e sula fonte del proprio Battesimo. I pastori della Chiesa, le autorità supreme dello Stato che si nobilitano conducendo le loro persone in questo omaggio al celeste Patrono, e tutto il popolo di El Salvador, formando un solo cuore e una sola voce che prega e adora (che è il cuore della nazione), cadono in ginocchio davanti all'altare di questa Eucaristia nazionale, pronto a ricevere un nuovo sacrificio per il suo popolo e la ratifica della sua alleanza misericordiosa con noi, dal DIVINO SALVATORE DEL MONDO.


Post a Comment