Monday, December 12, 2016

Una visita presso l’Ufficio di Canonizzazioni



ANNO GIUBILARE per il CENTENARIO del BEATO ROMERO, 2016 — 2017

#BeatoRomero #Beatificazione
Nella mitologia popolare di Natale, Babbo Natale ei suoi elfi assemblano i giocattoli che consegneranno in Natale in un laboratorio nel Polo Nord—lontano dagli occhi indiscreti di milioni di bambini che bramano di sapere che cosa otterranno per Natale. Nella Chiesa cattolica, le cause dei santi vengono lavorati in luoghi invisibili, come l’Ufficio di Canonizzazione dell’Arcidiocesi di San Salvador, che si trova nella sede dell’Arcivescovado. Qui sono i file della causa di canonizzazione di Mons. Oscar Romero, e la causa di beatificazione di p. Rutilio Grande.
L’ufficio ha servito diverse funzioni nel corso degli anni. Negli anni ‘90, i sui funzionari come la scomparsa Maria Julia Hernandez ha copiato documenti provenienti dagli archivi dell’arcivescovado per raccogliere giornali, omelie e scritti dell’arcivescovo martire per essere analizzati nel processo e inviati al Vaticano al termine della fase diocesana. Poi i loro dirigenti come Guillermo Gomez e più recentemente Rodrigo Belismelis ricevuto testimonianze quotidiane da parte di persone dicendo che monsignor Romero aveva fatto loro un miracolo. Oggi, Rebeca Salas, supervisore del ufficio, dirige la creazione di reliquie di terzo grado del ora Beato, coordina la pubblicità, e gestisce la pagina di Facebook e l’account di Twitter della causa. La presenza costante in tutte le epoche, è stato Mons. Rafael Urrutia, vice-postulatore della causa di mons. Romero e di p. Grande.
Per un appassionato seguace degli alti e bassi di queste cause, l’ufficio è più che il centro operativo costituito in conformità delle norme del diritto canonico, ed è piuttosto come l’equivalente del macchinario segreto del Mago di Oz. Quando ho visitato l’Ufficio di Canonizzazioni la settimana scorsa durante una breve visita a El Salvador, Padre Edwin Henriquez, il secondo vice-postulatore, mi ha assicurato che “i nostri tesori sono qui”—indicando le registrazioni originali di entrambe le cause, conservati negli scaffali dell’ufficio. Ma lungi dall’essere un archivio polveroso di documenti inerti, il posto era traboccante di attività.
In uno degli uffici interni di lavoro, diversi giovani hanno lavorato febbrilmente per compilare una richiesta di 5.000 francobolli con la reliquia del Beato Romero richiesti in Cattedrale Metropolitana il giorno successivo. Uno dei volontari, di appena dieci anni, raccolse i granelli di tessuto che costituiscono la reliquia con un paio di pinzette e li aggiunto alla stampe. Un altro ragazzo collocato un tappo di plastica adesiva su di loro, mentre altri volontari hanno posto un adesivo con lo scudo arcivescovile sulla parte posteriore. Tutti hanno formato una catena di montaggio che non è stata interrotta dalla mia visita, interviste con i volontari e lavoratori, o il fatto che ci siamo fermati a posare per le foto con tutti.
Quando il Beato Romero e il Servo di Dio Rutilio Grande avanzeranno agli altari, sarà certamente un miracolo di Dio. Ma anche il duro lavoro dell’Ufficio di Canonizzazioni.
P. Henriquez, mons. Urrutia, Paulita Pike e io.

Post a Comment