Monday, December 02, 2013

Mons. Romero e l'Angelus


 
Mons. Oscar A. Romero disse a suo fratello Tiberio che il segreto per essere felici nella vita era quello di pregare l’“Angelus”. Tiberio ha ricordato che suo fratello gli disse di pregare tre Ave Maria al mattino e tre di nuovo alla sera di tutti giorni. Tiberio anche attestato l’efficacia della pratica, dicendo che ha vissuto a vedere la vecchiaia e sviluppato una forte devozione mariana, grazie al consiglio spirituale saggio che ha ricevuto da suo fratello. Mons. Romero ha dato lo stesso consiglio a tutti i fedeli il 7 maggio 1978, quando ha annunciato che stava istituendo la recita dell “Angelus” nell’arcidiocesi di San Salvador.
Con gioia Voglio annunciare che a partire di questa Domenica”, ha detto Mons. Romero, “a mezzogiorno ci sarà la recita dell’Angelus sul nostro programma radiofonico”. Mons. Romero sarebbe felice di sapere che il consiglio ha dato il suo fratello Tiberio lo ha portato al sviluppo di una devozione mariana, perché, come Romero ha detto ai fedeli, “ogni cattolici dovrebbe essere caratterizzato da questa devozione alla Madre della Chiesa”.
Possiamo pensare a tre motivi perché Romero è stato dedicato alla Angelus. Il primo è il suo status di autentica espressione del sensus fidei: ha una logica interna naturale che si suggerisce. Infatti, la preghiera è sorto proprio come monsignor Romero prescritto al fratello, come tre Ave Maria, disadorna e non imbellita, liturgicamente o teologicamente. Questa pratica viene prima registrata nei monasteri durante il 11 ° secolo, i monaci pregare tre Ave Maria durante la campana della sera. I tre Ave Maria invocano le Tre Persone della Trinità, e subito concentrare i nostri pensieri, come fanno tutte le devozioni mariane, correttamente su Dio. Dopo, la pratica si diffuse, e l’usanza nata di dire l’Angelus al mattino, a mezzogiorno e alla sera, che aiuta anche a rompere naturalmente la giornata. Si può vedere la sua praticità prima dell’avvento degli orologi. Famoso dipinto di Jean- François Millet (foto) dipinge i contadini che pregano l’Angelus su un campo. L’ Angelus come un fiocco di pietà popolare, la semplice saggezza del popolo di Dio, e come una pratica spirituale perenne nella storia del cristianesimo, sarebbe stato enormemente attraente per Mons. Romero.
La seconda ragione Mons. Romero potrebbe stato interessato nel’Angelus è la sua devozione mariana personale. A questo proposito, sembra molto provvidenziale che Mons. Romero è stato ucciso il 24 marzo 1980, alla vigilia della festa dell’Annunciazione, l’evento che l’Angelus celebra e commemora. Certo, non aveva modo di sapere questo durante la sua vita, ma è giusto. All’altra estremità del suo ciclo di vita, Óscar Romero è nato il 15 agosto 1917, festa dell’Assunzione della Vergine. Era nato in una provincia di El Salvador chiamata San Miguel, dove l’immagine di Nostra Signora Regina della Pace fu venerata con fervore. Nel 1921, quando Romero era a soli 4 anni, l’immagine è stata concessa incoronazione canonica da Papa Benedetto XV. La cerimonia è stata presieduta da Mons. Juan Antonio Dueñas, l’uomo che ha poi scoperto Romero e lo mandò al seminario. Quando p. Romero tornò a San Miguel come sacerdote ordinato nel 1940, fu incaricato di prendersi cura per l’immagine della Madonna. Nel 1953, Papa Pio XII la proclamò Co-Patrona di El Salvador. La proclamazione è stata confermata e ampliata da Papa Paolo VI nel 1966. Romero è rimasto devoto alla Madonna per il resto della sua vita.
Infine, Mons. Romero stesso ci racconta la terza ragione per la sua devozione alla Angelus, dicendo che i fedeli devono pregare l’Angelus in modo tale che, “uniti al Santo Padre, che prega l’Angelus ogni Domenica a Roma a mezzogiorno, potremmo sollevare la nostra voci e salutare la Vergine mentre preghiamo per le tante necessità della Chiesa”. Romero raccolto il segnale di Radio Vaticana sulla sua radio a onde corte, e ascoltato recitazione del Papa all’Angelus ogni Domenica. Mons. Romero avrebbe spesso lavorano alcuni dei commenti del Papa nelle sue prediche domenicali. “Cari fratelli e sorelle, la maggior gloria di un pastore è quello di vivere in comunione con il Papa”, Mons. Romero dichiarato. “Per me”, ha aggiunto, “questa comunione con il Papa è il segreto della verità e dà efficacia alla mia predicazione”. Aggiuntare l’Angelus al suo repertorio spirituale era un modo molto visibile per Mons. Romero di mettersi in sintonia con il Pontefice, per indicare la sua intenzione di seguire l’esempio del Papa rispetto al suo magistero, e per emulare il Santo Padre nelle sue pratiche spirituali.
I motivi di interesse di Mons. Romero nei Angelus sono rilevanti anche per noi. Come una preghiera semplice che può essere recitata ovunque, l’Angelus è la devozione per eccellenza per una “Chiesa povera per i poveri”, che ci aiuta a concentrarci sullo spirito di povertà delle Beatitudini. Come una devozione mariana, l’Angelus ci aiuta a vedere nel “sì” di Maria l’apertura alla volontà di Dio che ci porterà ad un collegamento più forte alla nostra fede. Infine, rispecchiando le preghiere del Romano Pontefice, l’Angelus si comporta come il nostro distintivo di fedeltà alla Chiesa e alla missione che siamo chiamati a prendere insieme.
Post a Comment