Sunday, May 18, 2014

Francesco invitato in El Salvador a canonizzare Romero





L’Arcivescovo di San Salvador, José Luis Escobar Alas. Foto: La Pagina de El Salvador.

English | español

L’Arcivescovo di San Salvador, mons. José Luis Escobar Alas (nella foto), ha confermato questa Domenica che nella sua udienza con Papa Francesco del 9 maggio, lui e tre vescovi salvadoregni che lo hanno accompagnato hanno discusso il processo di canonizzazione di Mons. Oscar A. Romero con il Pontefice. Mons. Alas descritto Papa Francesco come felice ed entusiasta sulla causa e ha confermato il fatto, prima segnalato qui, che i salvadoregni stanno invitando il Santo Padre a El Salvador per la canonizzazione. “Quello che stiamo pensando, quello che stiamo chiedendo al Signore”, mons. Alas ha detto, “è la rapida canonizzazione di Monsignor Romero, e che il Papa Francesco venga e che sarà qui” [in El Salvador].

[Conferenza stampa audio - spagnolo.]

L’Arcivescovo ha riferito che, basato sulla reazione del Papa, “direi che ha accettato con piacere, ma non abbiamo fatto parlare di tempi, perché la causa è ancora in corso”.

Tuttavia, la dichiarazione non è stata all’altezza delle enormi aspettative create quando il Vescovo Ausiliare Mons. Gregorio Rosa Chávez ha detto Domenica scorsa che ci sarebbe stato un grande annuncio, portando una notizia entusiasmante da Alas, che porta molti a dedurre che la chiesa era in procinto di annunciare l’imminente beatificazione di Romero. L’ultima emozione non costituirebbe il primo rapporto falso su una beatificazione imminente da persone vicine al processo. Nel settembre 2005, il postulatore della causa, mons. Vincenzo Paglia ha suggerito giornalista Vaticano John Allen che era “entro un mese” di ottenere la beatificazione di Romero. Paglia è rimasto relativamente più discreto questa volta, non facendo dichiarazioni dopo di segnalare l’anno scorso che il Papa Francesco aveva sbloccato il processo.

Alas ha riferito che il Papa “ha dimostrato la sua felicità, la sua approvazione”, della beatificazione di Romero, “ma non ha fornito una data, si capisce, per rispetto del processo stesso”, ha detto Alas.

Ulteriori dettagli sulle attività della delegazione salvadoregna a Roma sono stati rivelati la settimana scorsa nel settimanale della Chiesa salvadoregna, Orientación. In una lettera al direttore, di Alas a Roma, il giornale ha rivelato che i quattro vescovi salvadoregni che hanno viaggiato in Italia per i recenti canonizzazioni dei Papi Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II si erano incontrati con Paglia avanti del suo incontro con Papa Francesco. “L’intero incontro è stato sulla questione della beatificazione di Mons. Romero”, ha detto Alas nella sua lettera. “Mons. Paglia ha parlato a noi sulla sua conoscenza di Mons. Romero, sul processo e sulle sue attività come postulatore. Era molto felice con noi”.

Il settimanale ecclesiale ha anche rivelato la novità della lettera dei vescovi salvadoregni  esprimendo sostegno unanime per la beatificazione di Romero. Super Martyrio aveva precedentemente riferito che un tale lettera era già stata inviata al Vaticano. Tuttavia, la precedente lettera è stata inviata alla Congregazione per le Cause dei Santi e, il giornale diocesano ha riferito, la Conferenza episcopale ha recentemente concluso che la misura precedente era stato giuridicamente insufficiente sotto diritto canonico, e che era necessario orientare una lettera al Papa stesso. Per rafforzare ulteriormente il gesto, i vescovi hanno deciso di consegnare questa lettera di persona.

Durante la sua conferenza stampa di Domenica 18 maggio, Mons. Alas ha anche rivelato che il Papa aveva detto ai vescovi salvadoregni durante il loro incontro che era stato parimenti invitato a visitare El Salvador dal presidente eletto Salvador Sánchez Cerén quando i due si incontrarono nel mese di aprile, anche sulla causa di canonizzazione di Mons. Romero.

Super Martyrio aggiornerà questa storia con dettagli e analisi supplementari quando saranno disponibili.

Post a Comment