Thursday, June 05, 2014

I poveri e il peccato strutturale






Il Cardinale Óscar Andrés Rodríguez Maradiaga (nella foto) ha emerso come uno dei migliori defensori di Papa Francesco. Difendendo il Papa contro i critici che dicono che le sue dichiarazioni sociali mostrano una ingenuità e l'incapacità di cogliere i punti più delicati della teoria del libero mercato, Rodríguez Maradiaga risponde che i sostenitori del mercato sono quelle con il divario di conoscenze. “Coloro che criticano il papa non conoscono il resto del mondo”, disse il cardinale. In particolare, dice Rodríguez Maradiaga, non conoscono i poveri. Perché Francesco proviene dall'America Latina, il cardinale dice, lui sa come vive l'altra metà. “Per noi, la povertà è la gente concreti, volti concreti di persone—le persone che soffrono, le persone che vivono negli slum, le persone che sono in carcere, le persone che sono deportati, le persone che si trovano nei campi profughi”, dice.

Un altro Óscar— l’arcivescovo Óscar A. Romero di El Salvador—ha visto un simile realtà decenni fa: “volti dei contadini senza terra maltrattati e uccisi dalle forze del potere, volti di lavoratori arbitrariamente licenziati e senza un salario di sussistenza per le loro famiglie, volti delle anziani, volti di emarginati, volti di abitanti degli slum, volti di bambini poveri che dalla prima infanzia iniziano a sentire il pungiglione crudele ingiustizia sociale”, ha detto Romero. Ha insistito sul fatto che “il nostro mondo in El Salvador non è un’astrazione”. Piuttosto, “È un mondo fatto nella stragrande maggioranza delle donne e degli uomini poveri e oppressi”.

Essere di fronte a questa realtà, sostiene Rodríguez Maradiaga, costringe il vero cristiano di guardare non alle teorie economiche, ma i volti dei poveri. Francesco, che “ha una profonda conoscenza della vita dei poveri dice che l'eliminazione delle cause strutturali della povertà è una questione di urgenza che non può più essere rimandata”, dice il cardinale: “Il bambino affamato o ammalato dei poveri non possono aspettare”. Cf, Papa S. Giovanni Paolo II, osservazioni al Econ. Comm. per Lat. Am. 1.987 (“I poveri non possono aspettare; la loro situazione richiede misure straordinarie, rilievo che non può essere rinviato; un’assistenza imperativa”).

In un discorso del 2002, Rodríguez Maradiaga ha affermato che Mons. Romero aveva risposto e si sentiva chiamato a reagire all'urgenza della realtà dei poveri: “la sua non era una conversione nel senso usuale del termine, di trasformare dalla strada sbagliata su il percorso corretto”, ha detto Rodríguez Maradiaga. “È stato, invece, nella costante ricerca della volontà di Dio che lo ha portato ad affrontare coraggiosamente il peccato strutturale che schiacciava i piccoli del suo caro Paese”.

Nel suo messaggio per la Quaresima 2014, Francesco ha illustrato la situazione specifica che la Dottrina Sociale della Chiesa riconosce come il peccato 'strutturale' alla base di un ordine sociale ingiusto. “Quando il potere, il lusso e il denaro diventano idoli”, ha detto Francesco, “si antepongono questi all’esigenza di una equa distribuzione delle ricchezze”. Su questo punto, Mons. Romero avrebbe continuato a dire che la povertà era quindi una cartina di tornasole per la presenza del peccato strutturale. “L'esistenza della povertà come mancanza di ciò che è necessario è un atto d'accusa”, ha detto. Di conseguenza, immergendose nel mondo dei poveri, la Chiesa incontra “una più chiara consapevolezza del peccato”, ha detto Romero.

Romero ha esposto sul significato del peccato strutturale nella sua seconda lettera pastorale, dove lo ha definito come “quelle strutture sociali, economiche, culturali e politiche che hanno messo la maggioranza del nostro popolo sui margini della società”. In un certo senso, Romero sostenuto, le denunce della Chiesa non sono una novità: “Nel corso dei secoli la Chiesa ha, giustamente, ha denunciato il peccato”, tra cui il peccato che corrompe le relazioni tra gli individui. “Ma lei ha cominciato a ricordare ora qualcosa che, all'inizio della Chiesa, è stato fondamentale: il peccato sociale—la cristallizzazione, in altre parole, dei peccati individuali in strutture permanenti che mantengono il peccato in essere, e fare la sua forza a farsi sentire da la maggior parte delle persone”.

E mentre “la Chiesa si avvicina ai poveri la Chiesa comprende che il peccato è una cosa seria”, ha detto. “Il peccato è ciò che ha ucciso il Figlio di Dio e il peccato è ciò che continua a uccidere i figli di Dio”, ha detto Romero. Di conseguenza, la povertà offre una catechesi auto contenuta: “Guardiamo questa verità fondamentale della fede cristiana nella situazione di ogni giorno del nostro paese”, ha detto Romero.

Come Romero, “Francesco analizza l’economia dal punto di vista dei poveri che è in linea con la prospettiva di Gesù”, ha detto Rodríguez Maradiaga. E “Francesco riconosce in quelle strutture ingiuste una malattia del sistema in quanto tale”.
Post a Comment