Friday, February 10, 2017

Romero, Dottore della Chiesa?



ANNO GIUBILARE per il CENTENARIO del BEATO ROMERO, 2016 — 2017


#BeatoRomero #Beatificazione

L’ufficio d’interessi Latino-Americana e del Nord America della chiesa (LANACC, per il suo acronimo in inglese) ha annunciato i temi per la conferenza annuale “Romero Days” presso l’Università di Notre Dame in Indiana, USA, che inizierà con una Messa presieduta dal card. Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila, Filippine il Venerdì, 24 marzo, il anniversario del martirio dell’arcivescovo salvadoregno. Durante la conferenza annuale organizzata da 30 anni, IL padre Robert Pelton lancerà una proposta audace: nominare Romero “Dottore della Chiesa”.

Tra il moltitudine elenco dei santi riconosciuti attraverso i millenni, ci sono solo trentasei che sono stati scelti per il più alto onore “Dottore della Chiesa”, solitamente riservato per i più eminenti maestri tra i santi. Ci sono tre requisiti formali. In primo luogo, eminens doctrina (conoscenza eminente). Il candidato deve manifestare profondità di penetrazione dottrinale. Normalmente, questo si riflette su un ampio corpus di scritti che esprimono l’autentica e vivificante Tradizione cattolica. In secondo luogo, insignis vitae sanctitas (un alto grado di santità). Ciò implica una santità veramente eccezionale, anche tra i santi. In terzo luogo, Ecclesiae declaratio (l’annuncio della Chiesa). La cosa è dichiarata—dopo uno studio rigoroso—dalla Congregazione per le Cause dei Santi, la stessa che ha proclamato Romero beato e martire, e, infine, si prevede di annunciare che sarà santo. I processi durano decenni per raggiungere una dichiarazione di dottorato, spesso secoli dopo la canonizzazione dei santi coinvolte in ciascun processo.

Per comprendere i requisiti, serve esaminare alcuni dei santi che sono state riconosciuti come Dottori della Chiesa: S. Agostino e S. Tommaso d’Aquino, considerati i più famosi teologi nel Cristianesimo, e vari cosiddetti “Padri della Chiesa”—i santi che hanno fondato le antiche e leggendari comunità a est e ovest. Per questo è utile anche esaminare le caratteristiche di un “dottore” recentemente riconosciuto, come San Juan de Avila, il mistico spagnolo onorato come “dottore” da Papa Benedetto XVI nel 2012. Nel processo di approvazione, hanno diventato dati importanti che alcuni contemporanei, tra cui alcuni papi, lo chiamavano “maestro”; che era teologo, inventore e umanista; che ha scritto un trattato dotto; che era amico di alcuni santi importanti e ha svolto un ruolo di primo piano nello sviluppo di una dottrina sistematica sul sacerdozio.

Sarebbe il martire salvadoregno in grado di soddisfare questi requisiti? La risposta “sì” inizia presso la stessa Università di Notre Dame, dove, come detto all’inizio di questa nota, ci sono state conferenze su Romero per trent’anni. “Puoi dirmi un altro posto al mondo dove si stanno studiando le omelie di un vescovo che è morto da 25 anni?”, ha chiesto Mons. Ricardo Urioste, a Notre Dame nel 2005. Tra i relatori al convegno si distinguono il cardinale Oscar Andres Rodriguez Maradiaga, che nel suo discorso del 2002 ha proposto Romero come “un Vescovo per il terzo millennio”, e il cardinale Peter Turkson, che, nel suo discorso del 2011, ha Romero correlato alla e la parabola del “Buon Pastore” e numerosi studiosi Romero.

Questi studiosi hanno scritto non solo del martirio di Romero, ma anche sul suo pensiero e la sua predicazione; hanno studiato le sue omelie e altri scritti, che sono state pubblicate in vari volumi, e sono stati tradotti in diverse lingue. Tanto così che durante la beatificazione di Romero, il cardinale Angelo Amato non ha esitato a chiamarloun vescovo saggio”, mentre, in una dichiarazione dalla Casa Bianca, quello stesso giorno, il presidente Obama lo ha definito “un pastore saggio”. Papa Francesco, nel suo messaggio per l’occasione, ha anche introdotto Romero come un uomo saggio che ha agito “con scienza e prudenza”, ha detto il pontefice. Per il Cardinale Amato, Romero era un profeta “come Abramo”, mentre il papa ha detto Romero era “come Mosè”. Romero è stato anche difeso da tre papi consecutivi: Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e ora Papa Francisco, e nella vita Romero aveva ricevuto dottorati “honoris causa” dalle università di Georgetown e Lovanio.

Nonostante una grande reputazione come un “saggio”, c’èun problema perché Romero non era un accademico. Ma questo non significa che non ha avuto un grande impatto sulla teologia, sostiene il Prof. Michael Lee, di Fordham University, uno di quegli studiosi che hanno presentato a “Romero Days”. In una nota nella stampa salvadoregna, Lee spiega come Romero, anche se “non era in possesso di un dottorato di ricerca, non aveva appuntamento in una università, e mai pubblicato un libro o un articolo scientifico” ancora ha “lasciato una ricca eredità teologica”. Secondo Lee, nel caso di Romero, “la sua predicazione e il suo ministero hanno serviti, come dimostrato da Martin Maier [un gesuita tedesco che scrive su Romero], d’ispirazione teologica”.

Pertanto, nel suo discorso che proporrà Romero come Dottore della Chiesa, il Padre Pelton Romero parla di un “Dottore pastorale della Chiesa universale”. S. Ambrogio di Milano, che ha vissuto nel IV secolo, fu il primo vescovo ad essere riconosciuto come dottore pastorale. È interessante a questo proposito il commento di Mons. Vincenzo Paglia, postulatore della causa, che Romero è il “primo martire del Concilio Vaticano II”. Secondo Paglia, “il martirio di monsignor Romero è il compimento di una fede vissuta nella sua pienezza; quella fede che emerge con forza nei testi del Concilio Vaticano II”. Per Paglia, Romero è

il primo testimone di una Chiesa che si mescola con la storia del popolo con il quale vivere la speranza del Regno ... tra le prime nel mondo [che] ha cercato di tradurre gli insegnamenti conciliari nella storia concreta del Continente, avendo il coraggio di formulare l’opzione preferenziale per i poveri e di testimoniare, in una realtà segnata da profonde ingiustizie, la via del dialogo e della pace.

L’idea di un “dottore pastorale” diventa importante dopo il pontificato di Papa Francesco, che fa una sintesi del Consiglio sull’idea di una chiesa pastorale. In realtà, forse l’impedimento più forte che affronta la candidatura di Romero per dottore può essere di tipo liturgico—cioè di tradizione e costumi. Nessun martire è stato incluso nella lista dei dottori, dal momento che l’Ufficio (preghiere per la festa) e la Messa sono per i Confessori (santi canonizzati da sue virtù e non per il martirio). Pertanto, Benedetto XIV (Papa DAL 1740-1758), autore di un classico tomo sui processi di canonizzazione, spiega che SS. Ignazio, Ireneo e Cipriano non sono Dottori della Chiesa per questo motivo.

Se Romero fosse venuto riconosciuto come un dottore della chiesa, sarebbe un fatto storico: sarebbe diventato il primo dottore latino-americano. In questo senso, questo dato lo favorisce: chi oltre a Romero, dovrebbe essere il primo dalle Americhe? Viene da pensare alle parole di Gustavo Gutierrez, il “padre della teologia della liberazione”, che ha detto che “la storia della Chiesa in America Latina è divisa in prima e dopo monsignor Romero”.

Molti sperano che Romero venga canonizzato quest’anno. Altri hanno ancora più grandi speranze.

Post a Comment