Wednesday, July 13, 2011

«LA CHIESA DI GIOVANNI PAOLO I»
Monsignor Romero e i Papi (continuazione)


Tre giorni dopo l'improvvisa morte del “Papa del sorriso”, Oscar Romero ha onorato il Pontefice caduto. Ha detto, “Chiameremo questa omelia: la Chiesa di Giovanni Paolo I” (pontificato: 33 giorni nel 1978). Questa è una serie sulla fedeltà di Romero ai papi ed i loro insegnamenti sociali. “Questa mattina”, ha continuato a dire, “vi invito a fare la nostra riflessione sulla Parola di Dio un omaggio di fede, di gratitudine, di affetto, di ricordi, verso questa persona che, in poco più di un mese, ha conquistato i cuori del mondo”. (Omelia del 1° ottobre 1978, disponibile in spagnolo qui, e in inglese qui.)

Romero ha chiesto, “Qual è nostra storia, Santo Padre, che la Chiesa della nostra arcidiocesi in lutto vi offre questa settimana?” Ha poi riassunto tutte le attività dell'arcidiocesi, dal più piccolo gruppo di preghiera, agli atti dell'arcivescovo, con dovizia di particolari, e ha discusso il nome del defunto Papa, facendo notare che la Scrittura del giorno citato GIOVANNI Battista e l'apostolo PAOLO.

Romero ha affermato che, “Un mese fa, come un mendicante,” Giovanni Paolo è apparso a San Pietro, “chiedendo ogni cardinale per la bontà della sua amicizia e collaborazione e assistenza”. Ha aggiunto: “Questa è l'umiltà e questa è la kenosi della Chiesa: Sperimentare che questo umile, povero Cristo, spogliò se stesso della grandezza di Dio, e accompagna ora questa Chiesa che si deve caratterizzare con la kenosi stessa”.

Cari fratelli e sorelle”, ha detto: “Vediamo ora celebrare la nostra Eucaristia, perché abbiamo riflettuto sulla Parola divina dei profeti, una Parola che è diventata viva con i papi recenti, una Parola che ha consegnato un messaggio a noi attraverso la morte di Giovanni Paolo, una Parola che proclama a noi che la nostra Chiesa è una di conversione e dà speranza ai peccatori”.

Due giorni dopo, Romero ha analizzato “la dimensione gerarchica, la dimensione cristiana e la dimensione mariana” della vita del Papa Luciani. (Omelia del 3° ottobre 1978, disponibile quiin inglese.) Per quanto riguarda la dimensione cristiana, ha osservato il motto del Papa, «Humilitas», e l'umiltà che ha dimostrato quando ha rifiutato la tiara e la sedia gestatoria. “Giovanni Paolo,” ha detto Romero, “ha ricordato con affetto i tempi in cui aveva dovuto camminare senza scarpe, e ha vissuto la vera povertà nella casa di suo padre che era un lavoratore a giornata e sua madre che era impiegata in un ospedale”.

Romero ha insistito, “La Chiesa dei poveri non è demagogia. Cristo ha voluto a gioire per la felicità di essere poveri e quindi il Papa ha indicato la via per la Chiesa che vive nella sua povertà, l'ispirazione autentica di Cristo, che ha iniziato con l'insegnamento: «Beati i poveri»!

Giovanni Paolo I è amato da tutta la Chiesa”, Romero ha concluso, “perché sapeva di non essere semplicemente un membro della gerarchia che ha comandato e governato, ma ha saputo essere un cristiano che ha dato l'esempio agli altri.”

PROSSIMO: Giovanni Paolo II

Altre note in Italiano in questo blog:

Perché beatificare lui
Romero e i Papi: Benedetto XV
Obama visita tomba di Romero
Il padre Rutilio Grande
Nuovo concetto di Romero
Post a Comment