Monday, February 17, 2014

La povertà di Gesù



Papa Francesco e la scultura “Gesù il Homeless”.


Papa Francesco inizia con saggezza il suo primo Messaggio per la Quaresima chiedendo di concentrarsi su Cristo. In particolare, il Pontefice ci chiede di contrastare la ricchezza di Cristo con la povertà di Cristo. “La ricchezza di Gesù è il suo essere il Figlio”, ci dice il Pontefice: “la sua relazione unica con il Padre” è ciò che lo rende ricco. Al contrario, la povertà di Cristo “è il suo modo di amarci” soffrendo per la nostra causa. Potremmo aggiungere un terzo aspetto, che sarebbeil atto di “svuotare se stesso”, spogliandosi della sua grandezza divina per essere incarnato in mezzo a noi. Mons. Romero ci offre tre visioni di Cristo che illuminano questo punto.

LA TRASFIGURAZIONE

La ricchezza di Cristo, incentrata sul suo ruolo come il Figlio in rapporto unico con il Padre si rivela nel racconto evangelico della Sua Trasfigurazione. È una delle letture prima della Quaresima, e l’episodio è la base della festa patronale nazionale di El Salvador e, quindi, Romero stava predicando sulla Trasfigurazione dal 1950. Quando Gesù ci fa intravedere un lampo della luce radiosa che emana, e la vocedi Dio dalle nuvole dice: “Questo è il mio Figlio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto” (Matteo 17:05), Romero predica, Gesù ci sta lasciando vedere il segreto della sua divinità, così come dandoci un assaggio della gloria celeste a cui tutti gli uomini sono destinati come figli di Dio. La ricchezza di Gesù è un patrimonio comune, perché questa glorificazione del Figlio di Dio è la dignità che Dio vuole per tutti i suoi figli, e simboleggia la perfezione raggiunta quando l’uomo si eleva sopra della sfera terrestre al piano celeste, libero di ogni tentazione e del peccato. In realtà, Romero dice, l’immagine di Gesù così esaltato è l’icona perfetta della liberazione e chiama la sua predicazione “Teologia della Trasfigurazione”, piuttosto che la Teologia della Liberazione, perché si fonda su una emancipazione trascendente, spirituale.

CRISTO DIGIUNA NEL DESERTO

L’altra immagine di Cristo dalle letture della Quaresima ritrae Cristo entrando nel deserto a digiunare e pregare per quaranta giorni e quaranta notti. È importante sottolineare che Cristo respinge le tentazioni del potere, il successo e il dominio presentate da Satana, abbracciando la fame, l’oscurità e insignificanza, e correndo così la stessa sorte dei poveri. Questa è la povertà di Cristo, e si è presentato in ricca simbologia per sottolineare l’importanza di questa caratteristica come una caratteristica centrale di Cristo. Romero sottolinea che la durata di tempo che Gesù trascorre nel deserto, quaranta giorni e quaranta notti, ha un grande significato teologico nella Bibbia ebraica. Mosè condusse gli Israeliti per quarant’anni nel deserto alla ricerca della terra promessa, e 40 giorni era il termine che Elia ha trascorso nella sua ricerca spirituale. Di conseguenza, quando Gesù dopo appare in cima al Monte Tabor circondato da Mosè ed Elia (vedi punto precedente su La Trasfigurazione), è di confermare Gesù come il profeta scelto da Dio. In realtà, Romero sottolinea, ad entrare nel deserto, Gesù figura anche come il nuovo Adamo: il Giardino dell’Eden giustapposte contro questo luogo che vieta di belve e dei morti, che fiorirà come un giardino sacro a causa della spiritualità raggiante di Gesù,e  la sua santa povertà.

CRISTO SCENDE DALLA MONTAGNA

La terza scena implicita è quella che simboleggia l’opzione deliberata da Cristo a schierarsi con noi, di essere uno di noi. Per Romero, è Gesù che discende dal luogo alto, dove Lui solo in comunione con Dio Padre. “I Vangeli usano belle espressioni che descrivono alcuni modi profondi di vedere Gesù”, Romero ci dice. “Cerchiamo di contemplare Gesù scendendo della montagna, come Egli scende dalle alture a mescolarsi con la gente” giù nella valle. Le parole spagnole usate di Romero per esprimere questa idea sono potenti: dice letteralmente Gesù scende a lasciarsi confondere con la comunanza dell’umanità. In sostanza, Cristo non solo entra nella storia, Egli mescola con noi, Romero ci dice: “non possiamo separare il contesto delle parole di Gesù ‘ da tutta la storia di Israele”.  E per estensione, non siamo in grado di interpretare Gesù senza che i Suoi insegnamenti infiltrarsi la storia e il contesto di ogni luogo in cui si sente il Suo vangelo. Quando Egli svuota stesso, Gesù si rende accessibile a tutti noi.

La povertà di Gesù ci arricchisce, perché facendosi povero per camminare insieme a noi, Cristo condivide anche la sua ricchezza, il tesoro spirituale del Suo Regno.


Avanti: la povertà è un tratto spirituale prezioso nella Chiesa.
Post a Comment