Monday, February 24, 2014

Lo Spirito della Povertà





Dopo aver parlato di come la povertà è una qualità distintiva di Cristo, Papa Francesco prende il suo messaggio quaresimale verso la sua prossima logica conclusione: che la povertà è un tratto che tutti i cristiani dovrebbero emulare. Mons. Oscar A. Romero di El Salvador afferma esplicitamente l’invito, spiegando che “La povertà è una spiritualità, un atteggiamento cristiano e di apertura dell’anima a Dio”. Gli potenti “sono in ginocchio prima e, hanno fiducia in, i false idoli” di denaro, potere e piacere, dice Romero. Ma, “voi che siete privati di tutto, sapete che quanto più poveri, più vi possiede il regno di Dio, se veramente vivete queste spiritualità” (sermone 17 Febbraio 1980). I poveri non sono distratti da o asserviti a idoli terrene e sono quindi più ricettivi alla chiamata alla santità del vero Dio.

Anche se chiamata di Papa Francesco per una “chiesa povera per i poveri” è stato vista da alcuni attraverso un obiettivo politico (come era il ministero di Mons. Romero), l’identificazione con i poveri data ai tempi della Chiesa primitiva. Mons. Ricardo Urioste ricorda essere dato un po ‘di letteratura radicale da Mons. Romero. “Un giorno io lo trovavo in visita nelle sue stanze. Aveva un libro tra le mani”, ha ricordato Urioste. Su invito di Mons. Romero, Urioste legge il seguente passaggio dal libro:


Vuoi onorare il corpo di Cristo? Dopo averlo onorato in chiesa, non disprezzarlo quando è coperto di stracci fuori della porta della chiesa ... Che importa che la mensa del Signore scintilli di calici d’oro, mentre lui muore di fame? ... Rendi bella la casa del Signore, ma non disprezzare il mendicante, perché il tempio di carne di questo fratello è più prezioso del tempio di pietre.


Sicuramente le parole di un nemico della liturgia tradizionale dal Vaticano II, giusto? Per rifiutare quest’idea mons. Romero disse: “È ‘da san Giovanni Crisostomo, dal quarto secolo. Fu canonizzato. Lui è un santo. La Chiesa ha bisogno di santi come lui”. Come Romero, San Giovanni Crisostomo era un radicale cristiano. John ha detto cose come: “Non condividere la propria ricchezza con i poveri è quello di rubare da loro” ed “I poveri esistono per la salvezza dei ricchi”, e non le hanno detto per effetto drammatico o per dare enfasi. Piuttosto, ha detto questo come espressione necessaria della fede cristiana. Romero ha fatto, troppo. Questo perché, “storicamente, Romero si trova saldamente nella patristica, la tradizione episcopale della Chiesa, accanto a Basilio il Grande di Capadocia, sant’Ambrogio di Milano e san Giovanni Crisostomo di Costantinopoli”, " i grandi padri della Chiesa, che Romero studiato e ammirato. Questi erano uomini che non erano timidi di precisare le implicazioni radicali della fede che volano in contro a tutte le preoccupazioni mondane.

Anche se questi insegnamenti sono, in un certo senso, abbastanza notevole e anche scioccante, sono assolutamente ortodossi come dottrina della Chiesa. In realtà, si tratta di un articolo di diritto canonico che certe comunità religiose nella Chiesa devono prendere un voto di povertà, proprio a causa del riconoscimento delle qualità spirituale della povertà nel piano di salvezza di Dio (cfr. Codice di Diritto Canonico, § 600). Attraverso i secoli, tali voti sono stati abbracciati dai santi. Tali voti sono stati particolarmente efficaci come strumenti per combattere la stagnazione spirituale e la corruzione all’interno della Chiesa. La riforma di San Francesco d’ Assisi è un esempio. Né è del parere che la povertà ci purifica e ci spinge alla perfezione qualcosa che la Chiesa ha inventato. Piuttosto, è l’insegnamento di Cristo stesso, che consiglia il giovane che professa di avere già una vita spirituale soddisfacente, “Se vuoi essere perfetto, va ‘, vendi quello che hai e dallo ai poveri... ” (Matteo 19: 21). Si tratta di uno dei tre “consigli di perfezione” di Cristo.

Perciò diventiamo santi”, ha predicato Mons. Romero, “nel grado in cui facciamo la povertà una parte della nostra spiritualità e nella misura in cui ci consegniamo al Signore e mostriamo la nostra apertura a Dio”.

Post a Comment