Tuesday, February 04, 2014

Lo stile liturgico di Mons. Romero





Mitre utilizzati da Mons. Romero, conservate in San Salvador.
English | español

L’ultimo giorno della vita di Oscar Romero, il suo autista lo portò a celebrare una Messa di confermazione.  Quando Romero diresse alla cerimonia, il driver “osservò quella trasformazione nel suo portamento mentre si avvicinava la sua chiesa e indossò il suo abito episcopale”. BROCKMAN, pp. 242-243. Lo stile liturgico di Mons. Romero sposò elementi della devozione tradizionale cattolica, con rudimenti contrastanti della pietà popolare. La fusione risultante riflette le innovazioni liturgiche del Concilio Vaticano II e degli orientamenti adottati dalla Conferenza episcopale Latinoamericana, che ha cercato l’inculturazione, in modo che la spiritualità distinta dei popoli latinoamericani verrebbe incorporata nella vita liturgica della Chiesa in Continente.

Durante la mia infanzia in El Salvador, ho avuto la grazia singolare di testimoniare liturgie di Mons. Romero prima mano e quello che vorrei dire a quelli che non erano lì è che mi mi hanno messo in mente la profonda e risonante spiritualità della Chiesa Nera in USA, dal modo in cui gli elementi della liturgia erano collegati con un nervo palpitante di fervore puro e di santità. Allo stesso tempo, non avevo dubbio del carattere cattolico delle celebrazioni, sulla base del comportamento assolutamente riverente verso l’altare, che ha stato più evidente nell’azione di Romero come “il grande sacerdote del suo gregge”, nel parole di «Sacrosanctum Concilium», la Costituzione del Vaticano II sulla sacra Liturgia. A volte, la dicotomia di pietà popolare e di riverenza tradizionale era sorprendente. Durante le preghiere eucaristiche, per esempio, si potrebbe sentire “Santo, Santo, Santo”, cantato nello stile più clamoroso, con strimpellando di chitarre e il ritmo dei tamburelli. (Si veda la nota qui sotto per ascoltare la musica che caratterizza la liturgia tipica di Mons. Romero.) Poi un grande silenzio improvvisamente spazzare attraverso la Cattedrale mentre l’intero gregge sarebbe caduta in ginocchio ad ascoltare Romero proclamare: “Veramente santo sei tu, o Padre, e fonte di ogni santità... ” Quel senso di dramma—di teatro, quasi—fornito una grandezza che raramente ho visto approssimato in altre celebrazioni liturgiche.

La prima cosa da notare su liturgia in America Latina è il riconoscimento da parte della gerarchia della peculiarità della religiosità popolare. I Vescovi latinoamericani riuniti a Medellín, in Colombia, insieme a Papa Paolo VI nel 1968 e con il beato Giovanni Paolo II a Puebla, in Messico, nel 1979, hanno riconosciuto che la pietà popolare ha avuto un ruolo da svolgere nella missione evangelizzatrice della Chiesa nel continente. Devozioni alla Vergine (ad esempio, Nostra Signora di Guadalupe), ai santi, e alle le sofferenze di Cristo, rivelano una saggezza profonda. Riconoscerla è coerente con un altro valore sancito dal Concilio Vaticano II, l’inculturazione—l’idea che il dogma cattolico dovrebbe trovare espressione nel linguaggio culturale distinto dei popoli. “Cristo vive!”, Romero ha predicato ai fedeli. E lui si incarna in ogni immaginabile realtà umana: “Cristo vive in El Salvador. Cristo vive in Guatemala. Cristo vive in Africa. Il Cristo storico, il Cristo che si è fatto uomo vive in ogni epoca della storia e in tutti i popoli della terra”. Tale rivelazione deve essere manifestata nella Liturgia, perché, “La liturgia non è semplicemente un ricordo di qualche evento passato; non stiamo qui ricordando ciò che Gesù ha fatto venti secoli fa. La liturgia è presenza è un segno di realtà. La realtà è che oggi, 19 Marzo 1978... Gesù sta venendo qui, entrando nella nostra realtà salvadoregna”.

Romero ha accettato il trionfo del Movimento Liturgico al Concilio Vaticano II. Assistendo ad una cerimonia di beatificazione presieduta da Giovanni Paolo II nel 1979, Romero è stato colpito dalla liturgia papale semplificata: “Non c’è dubbio”, ha espresso nel suo diario, “chel rinnovamento liturgico è notevolmente cambiato dal trionfalismo di altri giorni, e ora abbiamo una vera atmosfera di preghiera, di riflessione”.  In pubblico, Romero ha esortato gli altri a seguire l’esempio dei Papi nella semplificazione della liturgia pubblica. “Non possiamo più giudicare le cose nel modo che abbiamo usato una volta”, ha esortato il giorno prima del suo assassinio. “Cari fratelli e sorelle”, ha detto, facendo appello a quelli della sua generazione, “specialmente quelli che sono stati addestrati in altre epoche e in altri sistemi, dobbiamo chiedere a Dio la grazia che ci permetterà di abbracciare questi cambiamenti in un modo che permetterà di comprendere la realtà attuale senza tradire la nostra fede”.  Il rinnovamento liturgico non deve tradire la fede: “Le tradizioni umane sono alcuni culti, certi modi di vestire, pregare in un modo particolare. Pregare in latino o spagnolo, pregare di fronte alle fedeli o con le spalle al popolo, queste sono tradizioni. Guardiamo a ciò che è più gradito a Dio, ciò che è una vera religione in mezzo alla gente”.

Nella ricerca di ciò che è gradito a Dio, Romero è stato molto rispettoso della tradizione. Il suo primo ministero importante come un giovane sacerdote era stato come un annunciatore radiofonico, esponsabile di fornire commenti su una trasmissione di una Messa Pontificia in latino. Pertanto, Romero era ben versato nel «usus antiquior». A volte ha mostrato una nostalgia per i vecchi riti. Si ricordò “l’epoca d’oro della liturgia” e la grandiosità delle processioni quaresimali che ha assistito come un seminarista a Roma. “Il Papa e il clero hanno guidato questa processione dei catecumeni, penitenti e fedeli”, ha raccontato ad un pubblico rapito dal vivo e alla radio: “segnati di cenere e vestiti con i paramenti che simboleggiava la penitenza, hanno camminato attraverso le diverse sezioni della città”. A volte, Romero sarebbe citare le parole della liturgia vecchia, ad esempio durante le celebrazioni folcloristiche della "Giornata della Croce" salvadoregna in maggio: “Che bel invito a vedere nella Croce di Cristo il saluto liturgico: Ave Crux, spes unica!” ("Ave o Croce, unica speranza", citando l’Inno dei Vespri nella festa della Esaltazione della Santa Croce), o quando ha tentato di insegnare ai fedeli una preghiera per il benessere del Papa: “Questo è un bella preghiera liturgica che nel corso dei secoli è stato utilizzata per esprimere la comunione del popolo di Dio con quello che è stato posto come capo visibile di questo stesso popolo”.

Romero era particolarmente interessato di garantire culto riverente durante la liturgia. Nella sua prima lettera pastorale come vescovo, aveva fatto riferimento alla liturgia come la “funzione sacerdotale della Chiesa, il suo ruolo santificante” e ha detto che voleva promuovere “una profonda consapevolezza della vita sacramentale e liturgica”. Ha esortato la stessa riverenza come arcivescovo, chiedendo ai fedeli di riconoscere la presenza di Cristo sull’altare durante la Messa: “dobbiamo essere consapevoli della sua presenza sull’altare in modo che possiamo, nel culto dall'Ostia consacrata, ripetere con sincerità le parole di Tommaso. Infatti senza dubbio nel nostro cuore, ma come veri credenti diciamo: ‘Mio Signore e mio Dio’.”

Un’ulteriore fonte di riverenza nella liturgia di Mons. Romero è stata la partecipazione dei fedeli. La pietà popolare che i vescovi latinoamericani si hanno incoraggiati contiene un sapore molto riverente, l’adozione di pratiche tradizionali devozionali. Tra i fedeli che hanno riempito i banchi della Cattedrale di Romero, si potrebbe trovare contadine, alcune delle quali indossano capi indigeni colorati, ma anche indossando mantillas, o coperte per coprire la testa. Alla linea di Comunione, la maggior parte dei fedeli riceveranno la Comunione sulla lingua.

Eppure, alcuni accusati Romero di eccessi liturgici. Le sue Messe, hanno detto, sembravano rally politiche, completi di ovazioni e linee applausi. Ma Romero sapeva dove tracciare la linea e ha custodito gelosamente la linea. Miguel Cavada ha ricordato un episodio durante il quale Romero ha presieduto un funerale di un prete assassinato e canti attivisti minacciavano di soffocare un inno alla Vergine. “Allora un Romero visibilmente arrabbiato afferra il microfono e dice: Almeno aspettate fino a quando questa Santa Messa concluda, dopo nella strada, si può gridare tutto quello slogan che vuoi, ma non qui”. In un altra cerimonia di simile, Romero ha offerto la vibrante liturgia come alternativa a prendere le armi, e ha invitato i giovani ad unirsi alla lotta per instaurare il Regno di Dio piuttosto che ogni rivoluzione terrestre.  In questa lotta non c’è bisogno di spade o fucili. Le uniche cose necessarie in questa lotta sono canzonieri e chitarre della Chiesa”, che possono “piantare i semi nei cuori della gente e di riformare il mondo”, ha sostenuto. “Noi sperimentiamo qui la liturgia terrena”, ha detto, “tutto questo è un assaggio della liturgia celeste”.

Come con il suo stile pastorale in generale, e tutto il suo ministero, lo stile liturgico di Mons. Romero combina un impegno per i radicali cambiamenti del Concilio Vaticano II ad un’ampia prospettiva di adesione alla tradizione che presagiva il rinnovo del Consiglio, che armonizza questi cambiamenti con quella tradizione. “La Messa è luce che dà luce e illumina tutte le diverse attività di donne e uomini”, ha detto. I fedeli “devono sottoporsi con amore e gratitudine al gesto divino di Cristo che vuole moltiplicare la presenza del suo sacrificio in mezzo a noi”.

YouTube Extra—La Musica delle liturgie di Mons. Romero

Una espiga (Un picco)—questa è una canzone eucaristica usata in messe di Romero.

Tú Reinarás (Regnerete)—un inno a Cristo Re, cantato da un coro honduregno.

La Paz Esté con Nosotros—inno di pace, con la musica di Shalom Aleichem, cantato dal coro stesso honduregno sopra.

Bonus Musicale no. 1: Beato Giovanni Paolo II cantando “Pescador de Hombres” (Pescatore di uomini).

Bonus Musicale no. 2: Raul Julia come Romero, cantando “De Colores” (Colorato—un canto tradizionale).
Post a Comment