Wednesday, March 05, 2014

La poverta nella Quaresima






Dopo aver esposto i benefici spirituali della povertà, Papa Francesco usa il suo messaggio quaresimale per incoraggiarci a prendere solidarietà con i poveri nelle nostre privazioni per la Quaresima. “La Quaresima è un tempo adatto per la spogliazione; e ci farà bene domandarci di quali cose possiamo privarci al fine di aiutare e arricchire altri con la nostra povertà”, scrive il Santo Padre. Mons. Oscar A. Romero di El Salvador ha fatto un simile chiamato, all’inizio della sua ultima Quaresima nel 1980 nel mese che ci porta fino al suo assassinio.

Romero ha inaugurato quella Quaresima invitando i fedeli di participare in Quaresima per raggiungere un autentico rinnovamento spirituale:

Mercoledì, Mercoledì delle Ceneri, si inizierà la stagione di Quaresima... invito tutti a partecipare alla suggestiva cerimonia di ceneri, che è un segno della nostra mortalità. Usiamo questo momento di seria riflessione. Non c’è più tempo prezioso per aiutare la nostra nazione di questo tempo di Quaresima, soprattutto se durante questo tempo noi preghiamo e facciamo penitenza.

Il digiuno è un modo per dominare la volontà e quindi ci stanno mostrando Dio che siamo disposti a privarci di qualcosa per fare ammenda per le nostre vie eccessive e l’abuso della nostra libertà. Questo è il significato della penitenza. Perciò vi invito a vivere questo tempo di Quaresima in un modo che non abbiamo messo l’accento sul mangiare o non mangiare carne, ma piuttosto che ci concentriamo sull’idea di mortificazione e condividere il poco che abbiamo con coloro che hanno meno di noi. Viviamo con questo senso di partecipazione di amore e carità. Soprattutto in questo tempo di Quaresima cerchiamo modi per diventare riconciliati con i nostri nemici. Perdoniamo gli uni gli altri, e quindi ci prepariamo a salire con Cristo la Domenica di Pasqua!

Mons. Romero avrebbe detto che “la Chiesa ci invita a una moderna forma di penitenza, di digiuno e di preghiera, che sono pratiche cristiane perenni, ma adattati alle circostanze di ogni popolo”.  In un altro sermone di quella Quaresima, aveva spiegato come il digiuno penitenziale dovrebbe essere adattato alle proprie circostanze per mostrare solidarietà con i poveri.

Perciò io credo che sia importante ricordare che Papa Paolo VI ha parlato di due modi di celebrare la Quaresima: un modo nei paesi sviluppati e un altro modo nei paesi poveri, dove la Quaresima non finisce mai perché le gente sono sempre a digiuno. Nella situazione di nazioni sviluppate persone là dovrebbe fare Quaresima, un periodo in cui si approfondiscono nella comprensione della virtù di austerità e si privano di qualcosa. Intanto qui in El Salvador coloro che sono sempre affamati dovrebbe dare un significato penitenziale alla loro situazione. Non dobbiamo permettere a noi stessi di diventare indifferente, ma lavorare per il regno di giustizia, in modo che questo regno possa regnare nel nostro paese. Il miglior Quaresima sarà sempre quello in cui lavoriamo insieme per la giustizia sociale e la amiamo quelli che sono poveri, proprio come Giovanni Paolo II mi ha suggerito durante la mia visita a Roma... Se non si desidera ascoltare me, almeno ascoltare la voce di Papa Giovanni Paolo II, che proprio questa settimana, all’inizio della Quaresima, ha esortato i cattolici di tutto il mondo spogliarsi della ricchezza superflua al fine di aiutare i bisognosi e per fare questo come un segno di penitenza quaresimale.

Mons. Romero ha chiuso citando il messaggio di Quaresima di Beato Giovanni Paolo. E ‘stato, alla fine, un messaggio che suonava abbastanza simile a quello che il Papa Francesco sta dicendo ai nostri giorni.

Il Papa ha sottolineato che i beni materiali, che alcuni vedono come superfluo, sono necessari da centinaia di milioni di esseri umani e sono essenziali per la loro sopravvivenza. Il Papa ha detto che la preoccupazione della Chiesa non è solo che ci sia una più equa distribuzione della ricchezza, ma che questa condivisione diventi una realtà in quanto le persone assumono un atteggiamento di voler condividere non solo i loro beni, ma anche la loro vita con coloro che sono svantaggiati in la nostra società. Questo è bello. La giustizia sociale non è solo una legge che impone la condivisione. Visto in modo cristiano, si tratta di un atteggiamento interiore simile a quello di Cristo che, essendo ricco, si fece povero in modo da poter condividere il suo amore con i poveri.

AVANTI: perché la povertà ci conduce a Dio

Post a Comment