Saturday, March 15, 2014

Romero a Roma



Turisti del 2014 si mescolano con Padre Romero da un'altra epoca nella Fontana di Trevi in questo composito da Roma Ieri Oggi (Facebook) in esclusiva per Super Martyrio.
English | español

Oscar Romero ha vissuto a Roma mentre studiava per il sacerdozio presso il Pontificio Collegio Pio Latino Americano. Incagliato nella Città Eterna dallo scoppio della seconda guerra mondiale, il giovane salvadoregno ha iniziato a lavorare su un dottorato in teologia presso la Pontificia Università Gregoriana, ma è stato chiamato a casa dal suo vescovo prima che fosse in grado di completarlo. In totale, Romero ha vissuto a Roma per sei anni tra il 1937 e il 1943.  Mi sento nostalgia di lasciare Roma”, scriverà Romero molti anni dopo.  Dopo il prolungato soggiorno degli anni del seminario, “Roma sarà sempre la madre, maestra, e patria del cuore”, scrisse Romero.  (Il suo Diario, 29 giugno 1978.)

La foto originale.

È importante sottolineare che Romero non ha semplicemente studiato a Roma—lui ha vissuto lì.  Romero ha vissuto il suo proprio «Gaudium et spes» (gioie e speranze) a Roma.  Ha sofferto, sperimentando la separazione dalla sua famiglia. A poche settimane dal suo arrivo, il suo padre morì in El Salvador, migliaia di chilometri di distanza. Due anni dopo, suo fratello è morto. Romero ha dovuto piangere queste perdite lontano dai suoi cari.  Il giovane seminarista ha affrontato lotte personali, mal di testa, una malattia polmonare, e problemi di personalità—nervosismo e timidezza.  Romero ha anche raggiunto grandi altezze, crescita spirituale, e realizzazioni significative—il diaconato nel 1941, e il sacerdozio nel 1942.  Ha forgiato amicizie per tutta la vita, e si inserisce nella Diocesi di Roma—nei fine settimana va a insegnare catechismo nelle parrocchie popolari della Città eterna.  A volte, si prende le vacanze con gli altri seminaristi, a Firenze, o in spiaggia.

Più importante di tutto, Roma è una prefigurazione di ciò che il ministero di Romero come Arcivescovo di San Salvador tre decenni più tardi sarà.  Roma è anche un’anteprima dei suoi temi pastorali: guerra, miseria, e la risposta della Chiesa a queste calamità.  Europa e quasi tutto il mondo erano un fuoco puro durante la Seconda Guerra Mondiale”, Romero ha ricordato nelle anni ‘60.  La paura, l’incertezza, e notizie di sangue hanno creato un clima di terrore,” ha spiegato poi. 

Durante questi anni a Roma, Romero ha conosciuto la austerità: “La fame ha costretto diversi seminari italiani per chiudere”.  Pio Latino smesso di ricevere nuovi studenti tra il 1939 e il 1946.  Infatti, Romero ha incontrato la miseria: “Nella Pio Latino, le razioni sono state ridotte ogni giorno di più. Il padre rettore andato alla ricerca di cosa mangiare e tornò portando zucchine, cipolle, castagne, tutto quello che riusciva a trovare, sotto il mantello”.  Il fratello di Romero, Tiberio, ricorda che uno dei compagni seminaristi di Romero ha avuto l’idea di chiedere zucche da un uomo che ha portato pasto ai maiali, “e con quel benedetto pensiero sono riusciti a sopravvivere”.

Romero ha visto il volto della guerra a Roma: “Quasi ogni notte le sirene avvertito incursioni di aerei nemici e si doveva correre per i rifugi, due volte erano più di un allarme e la periferia di Roma sono stati crivellati di bombardamenti terribili”.  Ha avuto conoscenza di prima mano di essere sfollati dalla guerra: “Il Pio Latino ha dovuto affrontare tale situazione, perché tutti gli studenti erano stranieri ed erano fuori della loro patria, chi potrebbe tornare alle loro terre sono sottoposti al pericolo dell’avventura. Coloro che sono rimasti hanno sofferto tali separazioni più che mai”.  Romero ha stato tra questi.

Ma Romero ha anche assistito l’azione di una chiesa forte, solida, sicura di sé.  La parola serena del Vaticano in mezzo alle tempeste politiche ei grandi errori ha parlato chiaramente a chiunque voglia sentirlo”, ha scritto Romero nel 1945.  Per Romero, questo è stato vero in particolare per l’azione di Papa Pio XI, il quale Romero descrive come un “Pontefice di statura imperiale”.  Molti anni dopo, da vescovo, Romero dirà pregando sulla sua tomba, “Questo è il Papa che amo di più”.  Secondo il vicario di Romero, la memoria di Pio XI sarebbe una fonte di ispirazione per Romero, mentre ha affrontato la dittatura in El Salvador.  Romero ha ricordato e ribadito le parole di Pio, “Cuando la politica si accosta all’altare”, i gerarchi della chiesa “sono non soltanto nel diritto, ma anche nel dovere di dare indicazione e direttive, che anime cattoliche hanno il diritto di richiedere ed il dovere di seguire”.

L’opposizione del papa al fascismo e al nazismo ha impressionato Romero, che rimase devoto a lui per il resto della sua vita.  Nel maggio del 1938, l’anno dopo Romero è arrivato, Hitler visitò Mussolini, e ha ricevuto una accoglienza trionfale a Roma e in altre città italiane.  Romero ha ricordato che, vedendo la svastica sulla Città Eterna, Pio si dichiarò “rattristato nel vedere inalberata a Roma una croce che non è quella di Cristo”.

Durante i sui anni de seminario, Romero ha l’occasione di vedere più volte il vecchio Pio XI e quando il pontefice morì nel febbraio 1939, Romero registra nel suo diario che ha passato di fronte al corpo del Pontefice per due volte: “Ho toccato il mio rosario al suo piede”.  Due giorni più tardi, confessa: “Facendo un inganno siamo entrati nella Cappella del Santissimo e dalle due del pomeriggio eravamo accanto al Papa ... Ho avuto la fortuna di spremere il suo braccio destro”.

Alcuni mesi dopo, Romero scrive della sua eccitazione per vedere il nuovo papa Pio XII nella piazza di San Pietro.  Ha benedetto e sorriso con affetto paterno”, scrive Romero nel suo diario, “con la maestà di un sovrano.  Si sporse da un lato e l’altro e ciascuno poteva dire: quel sorriso è per me”.



Romero (alto a destra) contempla Pio XII (centro) e il Card. Montini (sinistra).
Quello settembre di 1939, Romero riferisce una notizie allarmante: “
Scoppia la guerra tra la Germania e la Polonia. La paura si diffonde in Europa”.  Aggiunge anche una preghiera: “Dacci la pace!

In quel momento, Romero si diventa romano, perché ora deve vivere l’esperienza comune di Roma.  Infatti, nello spagnolo, Romero significa “di Roma”, e si riferisce a un pellegrino.  Negli anni che seguono, Romero sviluppa nella Città Eterna alcuni dei suoi caratteristici credenze sociale.  Alcune di queste idee emergono da piccole epifanie che Romero sperimenta nella sua vita quotidiana.  Ad esempio, il Sabato, 9 novembre 1940, Romero incontra due persone emarginati che lo hanno costretto a riconoscere alcuni realtà socio-economici.  Dal suo diario: “In Lungotevere, ho trovato un uomo povero che mi ha dato una carta, offrendo i suoi servizi di riparazione di ornamenti”.  Questa realtà ha colpito Romero: “Che faccia di angoscia lui aveva!

Quando arrivò al Collegio, Romero ha incontrato un secondo uomo che chiedeva l’elemosina all’ingresso del Pio Latino.  Romero confessa che aveva stato immagazzinando pane nella sua stanza—che era contro le regole del collegio.  Ma quando Romero incontra quest’uomo, lo dà tutto il pane che aveva immagazzinato.  Quel Natale di 1940, c’era una neve a Roma.  Romero guardò il paesaggio invernale dal suo dormitorio e scrisse nel suo diario: “Io qui, molto gustoso, contemplando questo bellissimo panorama bianco, mentre fuori molti poveri soffrono la fame, il freddo e il dolore dell’anima”.

Nel dicembre 1941, Romero è stato ordinato diacono e alla vigilia di Natale di quell’anno, ho documentato questo pensiero: “I poveri sono l’incarnazione di Cristo.  Attraverso gli brandelli, occhi scuri, la puzza delle piaghe, le risate dei malati di mente, l’anima gentile scopre e adora Cristo”.  Oscar Romero era pronto per il sacerdozio.  È stato ordinato prete il successivo mese di aprile ma sarebbe rimasto nella Città Eterna fino all’agosto 1943.  Certo, Padre Romero aveva ancora molto da imparare, e molti anni e strade sterrate da percorrere prima del suo arrivo come patrono della Cattedrale di San Salvador nel 1977.  Ma i fondamenti erano a posto, e lui aveva imparato le cose più preziose di cui aveva bisogno nella vita lì, durante i suoi anni a Roma.

Una cartolina degli anni di seminario di Oscar Romero.

Post a Comment