Tuesday, January 14, 2014

Papa Francesco riforma la CCS




In apertura del «Studium», un programma completo di formazione per gli agenti della Congregazione delle Cause dei Santi (i "CCS"), il Cardinale Angelo Amato, Prefetto della CCS, ha divulgato il Lunedi, 13 January, 2014, che Papa Francesco ha iniziato a riformare tale istituzione.  In particolare, il Cardinale Amato ha rivelato che Francesco ha imposto limiti di spesa o un “tariffario di riferimento” che gli postulatori delle Cause dei Santi dovrebbero utilizzare per assicurare condizioni di parità tra i vari "candidati" per la santità.  Per lungo tempo, molti hanno lamentato che il processo favorisce papi e fondatori di ordini religiosi e altri "superstar" del mondo cattolico i cui sostenitori possono spendere più soldi che altri meno noto ma meritevoli che provengono dal terzo mondo o da ambienti più modesti, compresi i laici.  I costi associati al processo, che richiedono una lunga indagine diocesana, seguita da una inchiesta romana, e richieste mediche che conducono alla certificazione dei miracoli, tra altre cose, hanno creato tali discrepanze.  Consultando questi “tariffario di riferimento”, gli postulatori e funzionari CCS potrebbero presumibilmente mantenere la spesa in linea e anche livellare il campo di gioco.  Il Cardinale ha anche detto che le CCS accetteranno donazioni per cause che favoriscono i poveri, purché conformi ai requisiti della normativa CCS.

Inoltre, il card.  Amato ha rivelato che la CCS anche “riserva una corsia preferenziale alle cause provenienti e anche dall’Europa dell’Est, per le note vicende circa la feroce persecuzione subita da queste Chiese sotto i regimi nazisti e comunisti”.  Questo sembra orientato verso annullare il vantaggio dell'Europa occidentale nella CCS.  Card.  Amato ha detto che il Papa Francesco ha cercato di aprire nuove strade per il riconoscimento dei santi e beati che possono essere meno conosciuti, umili missionari più vicino alle periferie e non alla ribalta del mondo cattolico vicino a Roma.  Ciò sembra particolarmente orientato mettere in luce i valori di pontificato Papa Francesco: di una Chiesa che va al popolo, e che dà particolare enfasi sulla misericordia, ad aiutare i poveri e gli emarginati.

Infine, il card.  Amato ha osservato che Francesco continua a riformare dall suo esempio.  Senza mettere un confronto diretto, card.  Amato ha affermato che Papa Francesco è stato notevolmente accessibili per incontrare con Amato e parlare di imminenti decreti di beatificazione, e per dare “consigli e suggerimenti” per migliorare la missione della CCS.  Al contrario, Amato ha osservato che alcune cause dei santi sembrano languire, perché le parti su cui cause dipendono, tra cui postulatori, vescovi, superiori religiosi ed altri, “sembrano assenti”. In quei casi, la diligenza del Papa potrebbe fornire un esempio.

Il cardinale non ha parlato di cause specifiche che sono pendenti nella CCS, come quella di Mons. Oscar A. Romero di El Salvador, su cui il Papa Francesco si dice che ha intervenuto lo scorso anno.  Il Prefetto ha, tuttavia, commentato la prossima canonizzazione del Beato Papa Giovanni XXIII.  Amato ha detto che, contrariamente alle notizie diffuse, Papa Giovanni non ha ottenuto uno sconto sul requisito di un secondo miracolo, perché c'è un eccesso di miracoli riportati in archivio.  A quanto pare, il Papa Francesco semplicemente rinunciato alla certificazione formale di tali miracoli, in modo che il Papa Giovanni potrebbe essere canonizzato insieme a Giovanni Paolo II il prossimo aprile.
Post a Comment