Thursday, December 04, 2014

Fond. Romero condanna omaggio a D'Aubuisson


 
Español | italiano

Dalla Fondazione Mons. Oscar A. Romero al Popolo di Dio ed al grande pubblico:

[Traduzione Super Martyrio]

La scorsa settimana abbiamo sentito l’annuncio da parte del sindaco di San Salvador Norman Quijano che tutti i membri del Consiglio Municipale hanno approvato cambiare il nome di Via Sant’Antonio Abate (Calle San Antonio Abad), in che corre dall’Università di El Salvador a 75 ° Viale a Nord, in nome di maggiore Roberto D’Aubuisson, persona che è stato identificato come l’assassino di Mons. Romero da parte della Commissione Verità nominata dalle Nazioni Unite e dalla maggior parte dei popolo salvadoregno, nonché da testimoni chiave di coloro che hanno partecipato alla realizzazione dell’omicidio del nostro pastore e martire, come ad esempio le dichiarazioni dell’ex capitano dell’Esercito Alvaro Saravia, pubblicato 22 marzo 2010 da un giornale digitale con il titolo: “Così abbiamo ucciso monsignor Romero”. L’ambasciatore degli Stati Uniti a El Salvador, al momento, Robert White, ha chiamato D’Aubuisson un “assassino patologico”.

Siamo offesi da questa notizia, ma non sorpresi, perché sappiamo che chi ha applaudito il brutale assassinio di monsignor Romero continuano a possedere i cuori di pietra e continuano ad adorare i loro idoli eterni: il potere e il denaro.

La nostra indignazione si basa anche sul pensiero del nostro Arcivescovo, Mons. José Luis Escobar, che di Domenica 30 novembre in un’intervista con i giornalisti, chiaramente espresso la sua opinione in opposizione al cambio di nome.

Sembra una decisione piuttosto brutta, perché si è presa nel momento in cui, secondo quanto riferito da rappresentanti della Chiesa cattolica, ci stiamo avvicinando ad un eventuale beatificazione e successiva canonizzazione di Mons. Romero, riconoscendo in lui la morte di un martire e una vita che rispettato il Vangelo di Gesù di Nazaret e al Magistero della Chiesa.

Adesso che ci avviciniamo al momento in cui la Chiesa ufficialmente dirci cosa che la popolazione ha già riconosciuto da anni, che questo grande pastore, profeta e martire è un esempio da seguire nella nostra vita cristiana, appaiono questi individui che vogliono esaltare la figura del suo assassino. Questo può venire solo da una spinta diabolica. Anche se, come cristiani, speriamo che il Signore ha pietà di lui.

Con questo atteggiamento arrogante che li caratterizza, ignorano le raccomandazioni della Commissione Inter-Americana sui Diritti Umani, che nella sua sentenza dal 13 aprile 2000 chiede al governo salvadoregno di evitare di fare omaggi a gli assassini e che invece esaltano la figura di l’Arcivescovo.

Monsignor [Romero] è stato ucciso a causa della sua fedeltà al Vangelo e al Magistero della Chiesa.

Respingiamo questa decisione del sindaco Quijano, il suo Consiglio comunale e gli altri dietro di loro. Allo stesso tempo, chiamiamo il popolo di Dio e tutte le persone di buona volontà di esprimere, pacificamente, il loro ripudio della decisione del Consiglio.

Io manderò loro de’ profeti e degli apostoli; ed essi ne uccideranno gli uni, e ne perseguiteranno gli altri. Acciocchè sia ridomandato a questa generazione il sangue di tutti i profeti, che è stato sparso fin dalla fondazione del mondo.” (Luca 11: 49-50)

San Salvador, 4 dicembre 2014
Post a Comment