Sunday, September 27, 2015

Il Beato Romero all’ONU


 
BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015
 

 
Il Presidente Salvador Sanchez Ceren.
In un discorso del Venerdì 25 settembre 2015 in occasione della Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile 2015, il presidente Salvador Sanchez Ceren di El Salvador ha proposto la figura del Beato Oscar Romero come riferimento per la visione globale per lo sviluppo nella regione. La beatificazione di Romero lo scorso maggio, ha detto Sanchez Ceren, “accompagnerà gli obiettivi di questo incontro globale, perché monsignor Romero ha lavorato e ha dato la sua vita per gli ideali di giustizia e di dignità umana che proponiamo oggi”. Il presidente salvadoregno ha espresso la speranza che “il messaggio di coraggio e di pace del Beato Romero anche ci guidi in questo vertice e ci spingono a costruire benessere e felicità nel pianeta”.
Il discorso del presidente salvadoregno è stato oscurato dalla grande notizia alle Nazioni Unite, che ha stato la presenza del Papa Francesco durante la stessa settimana, e anche del debutto del presidente cubano Raul Castro presso la sede dell’ONU a New York. La decisione dello stato salvadoregno di esaltare la figura di Romero come parte della sua presentazione all’ONU è interessante perché suggerisce una strategia di presentare Romero come il simbolo più importante dell’identità nazionale. Questa decisione deve essere letta in continuità con le altre precedenti decisioni, come il nominare il Aeroporto di El Salvador “Monsignor Oscar A. Romero”, il promuovere un percorso turistico del martire, e l’omaggio che la stessa ONU gli ha dato al commemorare l’anniversario del suo assassinio come la giornata internazionale per il diritto alla verità delle vittime di violazioni gravi dei diritti umani.
Il predecessore di Sanchez Ceren, Presidente Mauricio Funes, anche adottati Romero come punto di riferimento di moralità e ispirazione del suo governo. Tuttavia, le decisioni di Sánchez Cerén sembrano spingere Romero a rappresentare un nazionale e non solo all’insegna di un governo di turno. Nel suo discorso al vertice sullo sviluppo sostenibile, il presidente Sanchez Ceren ha sottolineato gli legato di Romero sul tema della giustizia sociale e il bene comune e proposto a Romero come luce guida in tale quadro di riferimento.
È necessario che la reforma del sistema di finanziamento per lo sviluppo si basa su una visione completa e pluralista, basata sul raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile”, ha esortato il Presidente. Il vertice ha adottato obiettivi come la fine della povertà; zero fame; salute e benessere; istruzione di qualità; acqua potabile e servizi igienico-sanitari; energia pulita a prezzi accessibili; lavoro dignitoso e crescita economica; riduzione delle disuguaglianze; produzione e consumo responsabile; azione per il clima; e la pace, la giustizia e istituzioni forti.
Se il Beato Romero viene ad avere una identità con una visione nazionale, come il governo salvadoregno sta proponendo, potrebbe essere l’equivalente per El Salvador di ciò che San Patrizio è in Irlanda, Giacomo è per la Spagna o San Giorgio per l’Inghilterra.

Post a Comment