Monday, December 21, 2015

L’Odissea cubana di Oscar Romero


 
BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015
 

Il Marques de Comillas arriva al porto dell’Avana.
 



Quando Maria Lopez Vigil pubblicato la sua biografia collettiva di Mons. Romero, Frammenti Per Un Ritratto, si rese conto che mancava un particolare frammento del ritratto. “Quando ho scritto il libro ho imparato che nel 1943 Mons. Romero”—ha poi spiegato López Vigil—“aveva attraversato Cuba”. Tuttavia, “Sono stato frustrata di non trovare nessun testimone che potesse raccontare di più su questo singolare episodio della vita di Romero e ho dovuto rinunciare di includere il pezzo cubano nel ritratto che stava componendo”, lamenta la scrittora cubano-nicaraguense.

Ora «Super Martyrio» affronta il tema, e scopre un’odissea per Romero, il nuovo sacerdote in viaggio di ritorno al suo paese. Tirando indietro il velo, pubblichiamo qui per la prima volta, le date, luoghi, e dettagli che dipingono lo scenario complicato. Alcune domande generano altre domande. I travagli di Romero—stavano causati da un’accusa fatta per il futuro premio Nobel Ernest Hemingway? Ha stato Romero una vittima indiretta della persecuzione della Chiesa Spagnola? Perché Romero mai parlato su questa esperienza con repressione di stato?

Ciao, Roma!

Europa e quasi tutto il mondo erano un fuoco puro durante la Seconda Guerra Mondiale”, Romero ha ricordato molti anni dopo gli eventi. “Coloro che potrebbero tornare alle loro terre giocarono con i pericoli dell’avventura”. L’avventura di padre Romero è iniziata quando ha lasciato il Collegio Pio Latino Americano il Lunedi 16 Agosto 1943, più di un anno dopo di essere ordinato sacerdote.

In viaggio con il suo migliore amico, p. Rafael Valladares e un altro salvadoregno, p. Mauro Yanez Acosta, cominciò il suo viaggio di ritorno dopo 6 anni di studio a Roma, un soggiorno esteso dalla seconda guerra mondiale. Volarono in un aereo italiano da Roma a Barcellona. In Spagna, si attardavano per diversi giorni a Madrid e Bilbao, dove hanno fatto una visita di cortesia al famoso gesuita, p Jose N. Guenechea, il direttore spirituale di Don Pedro Arrupe, e autore di diversi libri (tra cui uno intitolato “La povertà della liturgia e del clero in Spagna”).

Romero a bordo del Marques de Comillas.
Attraversando l’Atlantico a bordo del Marqués de Comillas

Domenica 29 agosto, salparono da Bilbao destinati per le Americhe a bordo del S.S. Marqués de Comillas. Una fotografia scattata al momento mostra Romero e Valladares a bordo della nave, lungo una trentina di sacerdoti e seminaristi. Era una navigazione tranquilla, ei nuovi sacerdoti erano sicuramente ansiosi ed entusiasti di tornare a casa con i loro cari, dopo una lunga assenza.

Hanno viaggiato in tutta comodità. Il Comillas aveva una capacità di 570 passeggeri. Con una velocità media di 16 nodi, ha fatto la traversata atlantica piuttosto lentamente (nel suo viaggio prima di Romero, aveva preso 25 giorni per attraversare l’oceano). Ma il viaggio è stato molto piacevole. La nave di una canna fumaria pila aveva un cinema, un hall, una sala di musica e una sala da pranzo che sembrava un cortile con archi moreschi, decorata nello stile delle case padronali della Spagna settentrionale. Aveva reputazione di servire buoni pasti. Sul pianerottolo dello scalone che collegava il corridoio fino alla stanza della musica, c’era un grande dipinto, opera del pittore di La Coruña Fernando Alvarez de Sotomayor, mostrando Signore Claudio López Bru, il secondo marchese di Comillas, che ora è in processo di beatificazione.

L’atmosfera a bordo della nave rifletteva la domesticità della vita spagnola: galli cantavano nella stiva, ritratti di Generalissimo Francisco Franco adornavano le stanze di alcuni dei membri dell’equipaggio, e striscioni con slogan come “Avanti, Spagna!”, decoravano i spazi pubblici. Lo spagnolo è stato sentito nei corridoi, che sono state tutte tappezzate in rosso. Mentre alcuni membri dell’equipaggio erano zelanti sostenitori di Franco, il capitano, Gabriel Guiscafre Rosello, 60, praticato la neutralità sia rispetto alla politica come ai conflitti militari che hanno scosso il mondo. Questo atteggiamento diplomatico deve averlo permesso essere d’accordo con la miriade di nazionalità a bordo.

Romero e Valladares sentiti a proprio agio sul Comillas, pensando che avevano lasciato il pericolo delle guerre europee dietro in quel continente. Quello che non immaginavano era che l’Atlantico era un mare di intrighi e cospirazioni, inondato di notizie di spie e infiltrazione, e una vera e propria guerra accessoria tra navi alleate e sottomarini dell’Asse, specialmente i famigerati “U-Boat” Tedeschi.

C’era anche una grande corrente di anime indifese che cercavano di sfuggire della persecuzione e del sterminio per mani nazisti. Nel 1939, le autorità cubane avevano rifiutato l’ingresso a 900 ebrei a bordo della SS St. Louis che sono stati costretti a tornare indietro nelle grinfie di Hitler. Il Marqués de Comillas è stato il trasporto per molti rifugiati. Durante il viaggio di Romero, c’era una famiglia ebrea polacca a bordo, una madre di 36 anni, Peśla Parmes, e sua figlia Elena, 12, con destinazione finale nel Bronx, New York, dove la sorella di Peśla, Edith Foreman che aveva pagato il loro tariffe, li attendevano. Se fosse stata ancora viva, la bambina sarebbe stata di 85 anni di età.

Forse Romero e Valladares sapevano tutto questo, ma hanno preferito non pensarci. “Quando ero seminarista ho sentito una storia che viene in mente, date le circostanze di oggi”, Romero raccontato in maggio 1979. “Era la storia di un marinaio che è stato inviato a riparare qualcosa di alto sul palo; mentre saliva in alto e abbassò lo sguardo sul mare torbido, divenne vertigini e stava per cadere”, ha detto Romero. “Quando il capitano ha notato questo, gli disse,«Giovane collega, guarda verso l’alto!» E questo è stato la sua salvezza. Quando guardò verso l’alto non riusciva più a vedere l’oceano ansante, e ha fatto il suo lavoro tranquillamente”.

Trinidad e Giamaica

Il primo porto di scalo nelle Americhe era l’isola di Trinidad il Sabato 18 Settembre. Se i salvadoregni presumivano che erano al sicuro perché erano indietro sulla loro continente, la guerra europea ha fatto sentire la sua presenza nel intrusione delle ricerche che hanno affrontato sul attracco.

Si scopre che l’atmosfera rassicurante del Marqués de Comillas era fuorviante. La nave stessa è stato al centro di sospetti. Il precedente mese di dicembre, il futuro premio Nobel per la letteratura, Ernest Hemingway, in qualità di agente segreto dilettante sulla sua barca da pesca, stava guardando il traffico transatlantico e ha riferito attività sospette sulla nave che Romero avrebbe navigato nove mesi più tardi, il Marqués de Comillas. In una relazione presentata al FBI e trasmessa alle autorità cubane, Hemingway ha affermato di aver visto il Marqués de Comillas, in uno scambio con un sottomarino tedesco, sia un rifornimento o un trasferimento di spie tedesche. Uno spia nazista aveva stato arrestato e giustiziato a Cuba quell’anno (1942).

La paura di incursioni delle U-Boat era al suo apice. Tra la metà del 1942 ai primi del 1944, sette navi cubani furono affondate dai sommergibili tedeschi. L’accusa di Hemingway contro il Marqués de Comillas è stato preso sul serio ed è stata accuratamente studiata. Quando il Comillas ancorata a L’Avana nove mesi prima del viaggio di Romero, un agente dell’FBI ha interrogato i 40 membri dell’equipaggio e 50 passeggeri a bordo della nave con la cooperazione delle autorità cubaneper quanto riguarda il presunto scambio. L’indagine è venuto a nulla, e le autorità sembrano aver respinto la relazione di Hemingway. Tuttavia, lui ha insistito per la sua precisione e ha continuato a monitorare il Comillas nel 1943. Infatti, nei giorni in cui Romero stava arrivando in Trinidad e Giamaica a bordo del Comillas, Hemingway usciva in la sua ultima pattuglia della costa cubana. Non ci sono prove che le accuse del premio Nobel erano ancora state prese sul serio così tardi nel 1943, ma erano tipici delle preoccupazioni del tempo.

[Hemingway scrisse un romanzo intitolato Isole nella corrente, pubblicato postumo, che è stato ispirato da questi eventi. Hemingway si suicidò nel 1961. Mons. Valladares scomparso e Marqués de Comillas bruciato al largo della costa di Barcellona nello stesso anno.]

Detenuti a Cuba

Ciò che è chiaro è che Romero e Valladares sono stati arrestati quando sbarcarono a Cuba dopo aver fatto una seconda sosta americana a Kinston, Giamaica. Sono arrivati ​​a L’Avana il Martedì 21 settembre. Stavano per trasferire ad un’altra nave lì. Il biografo di Romero descrive la perplessità dei due per i loro arresto: “Non hanno capito nulla di quello che stava accadendo”. [Delgado, Óscar A. Romero: biografía, pagine 25-26.] Il biografo di Valladares è d’accordo: “ragioni incomprensibili” hanno causato la loro detenzione. [De Paz Chávez, La ciudad donde se arrancan corazones, 2013.] Se Romero e Valladares non capivano cosa stesse succedendo, le ragioni del loro arresto rimangono difficili da lavorare oggi. Le ragioni sembrano imperscrutabile come quelli per l’arresto di Cristo!

La teoria più accreditata è che Romero e Valladares sono stati arrestati perché il loro viaggio aveva avuto origine in Italia, un paese dell’Asse [Delgado, Paz, Struckmeyer]. Ma potrebbe essere questo il motivo per cui erano sospettati? Una nuova biografia di Romero fa il punto che il 9 settembre, l’Italia aveva firmato l’armistizio, e passò dalla parte degli Alleati. [Mata, Monseñor Oscar Romero: Pasión por la Iglesia, 2015, p. 33.] Quando il Marqués de Comillas è arrivato a L’Avana il 21 settembre, questo sarebbe stato a conoscenza delle autorità cubane. In realtà, Cuba liberato prigionieri italiani di alto rango che erano stati in detenzione, compresi i membri della famiglia reale italiana, nel mese di ottobre dello stesso anno. Tuttavia, era un dato di fatto che Cuba aveva avuto una politica interna di detenzione per cittadini dell’Asse fino a tale data, e che, nonostante l’armistizio con l’Italia, è rimasta sospettosa degli italiani, alcuni dei quali sono erano allora partigiani fascisti anche dopo il trattato.

Romero e Valladares sono stati interrogati a fondo e perquisiti dal Servizio Investigativo per Attività Nemiche (SIAE) della Divisione Centrale della Polizia, e le loro tonache e abbigliamento sacerdotale sono stati insufficienti per salvarli. In realtà, non erano i primi sacerdoti a bordo del Comillas di essere accusati così. Nel passaggio precedente del transatlantico, nel mese di giugno 1943, le autorità cubane avevano arrestato tre sacerdoti domenicani spagnoli, dopo aver presumibilmente trovato propaganda pro-Hitler tra i loro effetti personali. In ogni caso, è chiaro che Romero e Valladares sono stati selezionati tra gli altri passeggeri per questo trattamento: il Marqués de Comillas ha proseguito il suo percorso, navigando in New Orleans il 28 settembre ed è tornato in Europa nel mese di ottobre, senza ulteriori incidenti. (Questo confuta Santiago Mata, quando afferma che “La nave ... è stato arrestata a Cuba, l’equipaggio ei passeggeri della nave messi in carcere”. -OP. Cit.).

Altre fonti riferiscono che Romero e Valladares sono stati “sospettati di spionaggio” [Brockman, Morozzo, Lopez Vigil]. Non è chiaro se tale sospetto è stato generalizzato (perché provenivano da Italia) o causato da qualcosa in particolare che i salvadoregni hanno detto, o da qualcosa che è stato trovato tra i loro possedimenti. È difficile capire che i due avrebbero dato motivo alle autorità di tali sospetti. Entrambi erano accaniti anti-nazisti, che ammiravano Papa Pio XI proprio perché ha affrontato con i fascisti, promettendo che “nessuno riderà della Chiesa” durante il suo pontificato.

Il Campo Tiscornia.
Il Campo “Tiscornia”

Romero e Valladares sono stati inizialmente portati alla stazione di immigrazione Tiscornia. Questo è stato il principale punto d'ingresso per gli immigranti che sbarcavano ​​sull’isola. Era dall’altro lato (nord-est) della baia dell’Avana, in quello che oggi è il sito del monumento Cristo de La Habana (nel quartiere di Casablanca).

Gli edifici del campo sono stati costruiti nello stile di caserme dell’esercito americano, circondato da filo spinato, e ospitati i rifugiati che sono arrivati ​​sull’isola senza documentazione o risorse, mentre il loro status è stato indagato. Un rapporto del Comitato Misto di Rilievo (Joint Relief Committee) del tempo documenta le condizioni contemporanee del campo in maggio 1942, indicando la presenza di circa 450 detenuti, alcuni dei quali erano lì per diversi mesi. I detenuti non sono stati autorizzati a comunicare con l’esterno, già che non potevano ricevere visite o inviare o ricevere lettere o utilizzare il telefono o telegrafo. “Anche se è comprensibile che il governo cubano vuole controllare molto attentamente l’identità di tutti i cittadini nemici che entrano nel territorio cubano”, si legge nella relazione, “non si può trascurare il fatto che la situazione dei rifugiati in Tiscornia è tutt'altro che buono”. La rapporto menziona specificamente che il cibo era scadente per i palati europei.

Tutti i rapporti concordano sul fatto che la nutrizione che Romero e Valladares hanno ricevuto era insufficiente, tanto, che ha causato problemi di salute per entrambi gli giovani sacerdoti. “L’alimentazione era molto carente”, ricorda Gaspar Romero, il fratello minore del Beato Romero. “Monsignor Valladares si ammalò gravemente, e Oscar dimagrì moltissimo”. Valladares è diventato così male che anche nel Salvador nel 1944, aveva bisogno di ampio tempo per recuperare. “Tiscornia era un campo di reinsediamento privo di risorse e strutture”, ricorda un rifugiato detenuto nel luogo. [Rivista Galega do Ensino, No. 35 - maggio 2002.] La scrittore spagnola Eva Canel è ancora più schietta: “Quel Tiscornia era un nome fatale!

Lavoro forzato

Le biografie di Romero citano un altro dettaglio del suo soggiorno a Cuba: doveva fare “lavoro forzato”, dice Maria Lopez Vigil, “pulendo bagni, spazzando e lavando piani”. Pur essendo compiti familiari, queste assegnazioni di pulizia di bagni erano così estenuante che hanno lasciato entrambi sacerdoti esauriti ogni sera. Queste informazioni suggeriscono che Romero e Valladares sono stati spostati in un altro luogo, un campo di lavoro.

Da Tiscornia, i detenuti sono stati inviati ad altri campi di detenzione. Quelli che erano meno impegnati sono stati inviati al Riformatorio Torrens a Wajay (provincia di L’Avana), un campo che è stato successivamente riconfigurato per la riabilitazione giovanile. Giovani di strada e minori sono stati portati lì, con la necessità di insegnare loro un mestiere come un pretesto per la loro detenzione (generalmente si sono esibiti compiti agricoli, sui campi e nel allevamento di animali diversi). Ma il sito anche tenuto circa. 3.000 tedeschi, 1.370 italiani e circa 250 giapponesi e coreani, dopo il passaggio di una legge speciale in reazione all’attacco giapponese a Pearl Harbor. Se Romero e Valladares hanno dovuto compiere un lavoro forzato, possono avere stato nel campo Torrens. Ma, questo è speculazione.

Salvati da Redentoristi

La salvezza di Romero e Valladares è arrivata quando, dopo circa un mese o due di detenzione, un missionario redentorista nel campo di lavoro dove erano detenuti confermato che Romero e Valladares erano sacerdoti. I Redentoristi hanno organizzato il rilascio di Romero e Valladares ad un ospedale di L’Avana, dove hanno soggiornato per un breve periodo per ricevere l’attenzione medica.

Ma il loro rilascio non è stato probabilmente dovuto unicamente al fatto che erano sacerdoti. È difficile credere che il loro status di sacerdoti non sarebbe stato evidente dalla prima ricerca dei loro averi. Una foto di Romero e Valladares a bordo del Comillas mostra i due indossando abito clericale, ed entrambi i sacerdoti erano conosciuti in gioventù di essere rigorosi nel loro abbigliamento, sempre indossando i loro tonache o almeno il colletto romano. Ciò solleva la questione se la ragione che Romero e Valladares non sono stati rilasciati prima per essere sacerdoti è che sono stati molestati a causa di esso. Se è così (e questo non è confermato), questo episodio potrebbe estendere il “martirio precedente” di Romero, dando una nuova dimensione alle osservazioni di Papa Francesco che “il martirio di monsignor Romero non avvenne solo al momento della sua morte”, perché “fu un martirio-testimonianza, sofferenza anteriore, persecuzione anteriore”.

Questo “martirio” sarebbe avvenuto sotto una dinamica diversa. Il Fulgencio Batista di quel tempo era diverso dal Batista che Fidel Castro ha rovesciato nel 1959. Batista era nel suo primo mandato (1940-1944), legittimamente eletto dal Coalizione democratica-socialista, con ministri del Partito Comunista di Cuba nel suo gabinetto. Il suo governo ha avuto una inimicizia innata alla fazione conservatrice della guerra civile spagnola, di cui la Chiesa era sospettata di essere parte e perseguitata per questo motivo. Romero e Valladares avevano visitato chierici spagnole commessi. Se erano stanche perché erano i sacerdoti, potrebbe essere stato un ripple di quel conflitto.

Romero in Yucatan.
L’ultimo viaggio di Oscar Romero

Finalmente rilasciati, Romero e Valladares hanno viaggiato in barca da Cuba a Yucatan, in Messico, e da lì via terra a El Salvador, arrivando in patria il Giovedi 23 dicembre, “come regali di Natale” per i loro familiari che li avevano dato per morti. Guadalupe Romero, madre di Romero, aveva già pianto la sua perdita. Ma Romero entrò Ciudad Barrios trionfalmente il 4 gennaio 1944, davanti una festa popolare che si tiene in suo onore. La gioia di sua città natale quando il viaggiatore perso riapparve era incontenibile, Gaspare Romero ricorda. “La gente smise di lavorare per andare a riceverlo”.

Incredibilmente, Mons. Romero, che ha denunciato coraggiosamente detenzioni prolungate senza giusto processo, non ha mai parlato pubblicamente della sua esperienza di questo abuso. Invece di parlare di se stesso, ha lamentato l’esperienza delle “madri, mogli e figli, chi da un capo del paese all’altro hanno percorso la via croce della ricerca per i loro cari senza trovare alcuna risposta qualsiasi”. (14 Maggio 1978 Omelia.) Contrariamente alla costituzione salvadoregna e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, “sono persone che hanno stato arrestati illegalmente per più di trenta giorni”, Romero ha condannato. Era un’ingiustizia che conosceva di prima mano.

Post a Comment