Thursday, October 22, 2015

Il Beato Romero per l’Anno della Misericordia


 
BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015
 

 


Nella lettera inviata da Papa Francesco all’arcidiocesi di San Salvador per la beatificazione di Monsignor Oscar Romero, Francesco ha presentato Romero come modello di misericordia, dicendo che il martire salvadoregno “ha costruito la pace con la forza dell’amore”—citando le stesse parole di Romero. “A questo è chiamata oggi la Chiesa in El Salvador, in America e nel mondo intero: ad essere ricca di misericordia, a divenire lievito di riconciliazione per la società”.


[Aggiornamento:] Nel suo discorso ai pellegrini salvadoregni, ha dichiarato più esplicitamente: “a poche settimane dall’inizio del Giubileo straordinario della Misericordia, l’esempio di Monsignor Romero costituisce per la sua amata nazione uno stimolo e una opera rinnovata della proclamazione del Vangelo di Gesù Cristo, annunciandolo in modo che lo conoscano tutte le persone, affinché l’amore misericordioso del Divino Salvatore invada il cuore e la storia della sua buona gente”.

La presentazione di Francesco di Romero come qualcuno che è stato “ricco di misericordia” (Ef 2, 4) e gli insegnamenti di Mons. Romero sul tema della misericordia ci portano a proporre il Beato Romero per l’Anno Santo della Misericordia dichiarato dal Papa Francesco. Nella sua lettera su Romero, Papa Francesco ha evidenziato le azioni presi del Beati Romero che riflettono la virtù della misericordia. “In tempi di difficile convivenza”, ha detto il Pontefice, “monsignor Romero ha saputo guidare, difendere e proteggere il suo gregge, restando fedele al Vangelo e in comunione con tutta la Chiesa”. Ha anche osservato che “Il suo ministero si è distinto per una particolare attenzione ai più poveri e agli emarginati. E al momento della sua morte, mentre celebrava il Santo Sacrificio dell’amore e della riconciliazione, ha ricevuto la grazia d’identificarsi pienamente con Colui che ha dato la vita per le sue pecore”.

Francesco ci dice che i vescovi devono “seguire” il Buon Pastore “a imitazione di Gesù che, spogliando sé stesso, ci ha salvati con la sua misericordia”. Nella sua lettera, Francesco dichiara che Romero soddisfa questo standard elevato di discepolato. Il Papa chiama il martire salvadoregno, “un Vescovo zelante che, amando Dio e servendo i fratelli, è diventato l’immagine di Cristo Buon Pastore”.  Romero emula il Buon Pastore, che “essendo ricco si è fatto povero” (2 Cor 8, 9). Egli abbandona tutte le aspettative di sicurezza e comfort per accompagnare il suo popolo. Romero modela il Buon Pastore, che essendo impeccabile, si umilia sopportando la morte di un criminale per salvarci (Filippesi 2, 8). Egli accetta il pericolo, la violenza, la critica, rimprovero e derisione. La Chiesa salvadoregna, al proclamarlo Beato, lo ha definito un “Martire per Amore”.

Il Beato Oscar Romero è stato un Martire della Misericordia, uno che tende a insegnarci molto sulla Misericordia in questo Anno Santo giubilare dedicato al tema della Misericordia. Oltre alla modellazione della misericordia per “dentificarsi pienamente con Colui che ha dato la vita per le sue pecore”, il Beato Romero ha anche predicato magistralmente sulla misericordia. La sua predicazione è notevole perché presenta il quadro completo della misericordia: non solo il perdono, ma anche gli elementi più difficili della denuncia e l’appello alla conversione. Nella sua omelia di beatificazione, il card. Angelo Amato ha applicato a Romero le parole di S. Agostino: “predicare, ammonire, correggere, a edificare, rimettermi me stesso, è un grande peso, una grave responsabilità.  È un compito difficile”. Propio Romero riconosce questo. “Nessuno trova più difficile parlare dei mali del suo popolo che io”, diceva Romero, “che hanno il compito pastorale di dire ciò che è peccato e ciò che non deve prevalere, parlando della strada per camminare: la conversione, la fede, misericordia”. (Omelia del 11 Giugno 1978.)

Così predicava:

Che cosa è la misericordia? La misericordia è l’espressione più completa dell’amore. L’amore è l’impegno, il perdono, la giustizia, e la comprensione di altre persone. Misericordia non è l’orgoglio dei farisei che disprezzavano i poveri e coloro che vivono ai margini della società, ma l’abbraccio di Dio, che essendo ricco, è venuto in questo mondo per avvicinarsi ai poveri e coloro che non vogliono sedersi e mangiare con loro. La misericordia è la bontà espressa in azione e non solo a parole. Misericordia ... ognuno di voi capisce questo perché credo che tutti abbiamo svolto qualche piccolo atto di misericordia per gli altri e, soprattutto, siamo stati tutti oggetto della misericordia. Se Dio non fosse stato misericordioso verso di noi quando siamo caduti nel peccato, dove saremmo? Se Dio non fosse stato misericordioso verso di noi e se non ci rimettere i nostri peccati prima di morire, dove potremmo andare? Forse nei nostri rapporti con gli altri abbiamo effettuato molti atti di misericordia, o forse abbiamo ricevuto grande misericordia dagli altri. Beati coloro che hanno effettuato molti atti misericordiosi. Questo è ciò che Dio vuole!

La missione della Chiesa è di annunciare le meravigliose opere di misericordia di Dio. Questa è la sua missione primaria. Ma insieme a questo c’è un’altra dimensione: chiamare le persone alla fede, alla conversione e alla misericordia. E in terzo luogo, denunciare il peccato che separa l’umanità da questo rapporto con Dio, da questo rapporto di fede e la verità e la misericordia, di denunciare tutto quello che non ci permettono di disporre noi stessi verso la venuta di Dio.

(Id.) Infatti, la predicazione del Beato Oscar Romero si trova fianco a fianco con il messaggio che Papa Francesco vuole darci per questo Anno Santo della Misericordia:

Papa Francesco
Beato Oscar Romero
L’architrave che sorregge la vita della Chiesa è la misericordia. Tutto della sua azione pastorale dovrebbe essere avvolto dalla tenerezza con cui si indirizza ai credenti”.
La missione della Chiesa è di annunciare le meravigliose opere di misericordia di Dio. Questa è la sua missione primaria”.
- Omelia del 11 Giugno 1978.

Misericordia e giustizia …

La misericordia non è contraria alla giustizia ma esprime il comportamento di Dio verso il peccatore, offrendogli un’ulteriore possibilità per ravvedersi, convertirsi e credere”.
-M.V., 21
La giustizia di Dio è imparziale. Dio tratta Papi, Re e umili cristiani allo stesso modo. Il Popolo di Dio implora Dio di essere misericordioso, perché nessuno si salva dai loro stessi meriti ... piuttosto si è salvato dal fidarsi nella infinita misericordia e meriti di nostro Signore, Gesù Cristo”.
- Omelia del 1 ottobre 1978.
La tentazione, da una parte, di pretendere sempre e solo la giustizia ha fatto dimenticare che questa è il primo passo, necessario e indispensabile, ma la Chiesa ha bisogno di andare oltre per raggiungere una meta più alta e più significativa”.
-M.V., 10
Per quanto possibile, è necessario valutare con la mente del Signore, che vuole la misericordia più della giustizia”.
- Omelia del 29 Novembre 1978.

Un segno della onnipotenza di Dio …

La misericordia divina non sia affatto un segno di debolezza, ma piuttosto la qualità dell’onnipotenza di Dio”.
-M.V., 6
In una persona debole, il potere diventa crudeltà, un complesso di inferiorità è portato al livello di abbrutimento. Ma Dio non ha un complesso di inferiorità. Dio è sovrano. Dio può fare tutto, e così egli giudica anche i suoi criminali, anche i suoi peccatori, con bontà e misericordia. Ma questo e misericordioso Dio anche sanziona, perché la sua misericordia non è solo debolezza”.
- Omelia del 23 luglio 1978.

L’ecumenismo della Misericordia …

La misericordia possiede una valenza che va oltre i confini della Chiesa … Questo Anno Giubilare vissuto nella misericordia possa favorire l’incontro con queste religioni e con le altre nobili tradizioni religiose”.
-M.V., 23
Cari sorelle e fratelli, sarà una grande sorpresa, per molti buoni samaritani, persone che non credono in Cristo, persone che non si definiscono cristiani, ma persone che non perseguitano la Chiesa, si troveranno salvati al momento della giudizio finale, mentre molti cristiani saranno gettati da parte, perché non soddisfacevano questo comandamento dell’amore e della misericordia”.
- Omelia del 10 luglio 1977.

Il ‘Kairos’ della Misericordia …

È il tempo del ritorno all’essenziale per farci carico delle debolezze e delle difficoltà dei nostri fratelli”.
-M.V., 10
La Chiesa dovrebbe essere “una casa di misericordia del Signore, dove i peccatori non troveranno rimprovero o la scomunica o asperità, ma piuttosto la gentilezza e l’accettazione e l’abbraccio del Signore che li chiama al pentimento e al perdono”.
- Omelia del 16 aprile 1978.
È bello che la preghiera quotidiana della Chiesa inizi con queste parole: «O Dio, vieni a salvarmi, Signore, vieni presto in mio aiuto» (Sal 70,2)”.
-M.V., 14
Non dobbiamo mai smettere di pregare. Alziamo i nostri cuori a Dio e chiediamo la sua grazia e la sua misericordia”.
- Omelia del 15 maggio 1977.

 

Il Beato Romero ha predicato una lezione magistrale finale sulla misericordia, che sintetizza tutto quanto sopra descritto. Al suo ultimo sermone Domenicale il giorno prima del suo martirio, il Beato Romero ha predicato sul conto evangelico di Cristo e la donna adultera (Giovanni 8, 1-11). “Non riesco a trovare più bella figura di Gesù salvando la dignità di una persona di quella di Gesù senza peccato faccia a faccia con la donna colta in adulterio”, ha detto Romero. (Omelia del 23 marzo 1980) “Guardate l’atteggiamento di Gesù”, esorta Romero: “Forza, ma tenerezza”—respinge il peccato ma abbraccia il peccatore.

Nonostante il peccato della donna, vede Cristo che “la conversione della donna è meglio dalla sua lapidazione; perdonarla e salvarla è meglio di condannarla. La legge deve essere al servizio della dignità umana e non attenta ai dettagli legali che spesso possono calpestare l’onore della gente”, aggiunge Romero. Ispirato da questa lezione, Romero continua a supplicare in nome dei contadini, “i cui lamenti salgono fino al cielo ogni giorno più clamorosi”, che la legge in El Salvador non sia applicata con arbitrarietà e durezza, e che l’esercito—“cessi la repressione”—dei civili, anche se significa disubbidendo ordini a farlo. Romero sapeva che dire questo lo avrebbe messo in grave pericolo, ma è stato ispirato a fare questo appello dal messaggio del Vangelo. Come risultato di questo ultimo atto di misericordia, il Beato Romero fu martirizzato il giorno seguente.

Per le sue denunce cristiani e chiamate al pentimento, per i suoi fedeli predicazione sulla misericordia, e per la sua disinteressata l’emulazione del Buon Pastore che guida e protegge il suo gregge con la sua stessa vita, proponiamo Beato Oscar Romero per l’Anno Santo della Misericordia. “Quanti hanno monsignor Romero come amico nella fede”, ha detto Papa Francesco nella sua lettera per la beatificazione del Beato Romero, “quanti lo invocano come protettore e intercessore, quanti ammirano la sua figura, trovino in lui la forza e il coraggio per costruire il Regno di Dio e impegnarsi per un ordine sociale più equo e degno”, premessa sulla virtù della Misericordia.

Nella festa di San Giovanni Paolo II, il Papa della Divina Misericordia.

Post a Comment