Friday, October 30, 2015

Francesco: Romero calunniato nella Chiesa


BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015


Quello che già era un’anno eccezionale per il beato Monsignor Oscar Romero di El Salvador, beatificato a maggio e già con tre miracoli per la sua canonizzazione, è stato coronato con un sorprendente “mea culpa” da Papa Francesco, che ha ammesso che membri della chiesa hanno trattato il prelato martire ingiustamente. L’osservazioni estemporanee del Papa, partendo dal testo preparato letto ad una delegazione di salvadoregni ringraziandolo per la beatificazione di Romero, ha spiazzato il messaggio originale del Papa di lode convenzionale per Romero e oscurato l’invito dei salvadoregni a Francesco a visitare El Salvador il prossimo anno.  [TESTO]

Dopo aver finito di leggere il suo testo preparato, Francesco disse: “Vorrei aggiungere qualcosa che forse saltiamo sul martirio di monsignor Romero, che non era limitato al tempo della sua morte; si trattava di un martirio che è continuato dopo la sua morte”. Il martirio di Romero, “ha continuato, anche dai suoi fratelli nel sacerdozio e nel episcopato”, ha detto il papa, riferendosi alle critiche di Romero all'interno della chiesa. “Quante volte le persone che hanno dato la loro vita o che sono morti sono ancora lapidati con la pietra più dura al mondo: la lingua”, ha detto il Pontefice.  Il papa aveva letto il discorso sommessamente, con tono monocorde, sembrava stanco, invece alla fine quando ha parlato liberamente è diventato vivace.

L’udienza è iniziata con un saluto dell’attuale Arcivescovo di San Salvador, Mons. José Luis Escobar Alas, che ha presentato i 500 partecipanti, tra cui “maggior parte dei vescovi”. Escobar ha detto che il 23 maggio il papa ha scritto la pagina più bella della storia della Chiesa in ElSalvador e della storia del stesso paese. Ha espresso i suoi sentimenti di gioia e gratitudine per aver dato in Romero un intercessore  e un modello. Ha parlato del superamento dell’ingiustizia sociale e del conflitto sociale grazie a Romero. Ha chiesto presto la canonizzazione di Romero e presto la beatificazione di Rutilio Grande.  Ha “ribadito l’invito” al papa a visitare El Salvador che sarebbe “una grande benedizione” per il popolo salvadoregno e una grande gioia, mentre El Salvador soffre tanta violenza e dolore. Ha offerto a Francesco “obbedienza incondizionale”. Finalmente, ha invocato la intercessione di Romero per avere ogni grazia sul successore di Pietro e ha chiesto al papa la benedizione per El Salvador.
Siamo grati al Santo Padre, veniamo a ringraziare come comunità salvadoregna”, ha detto Mons. Gregorio Rosa Chavez, vescovo ausiliare di San Salvador—uno dei membri della delegazione—a Radio Vaticana. “Il mondo ha in Romero un’icona di ciò che la Chiesa sogna per i pastori, un pastore del gregge che va avanti, come dice il Papa, tra e dietro il gregge, un pastore che ha odore di pecore e dà la sua vita per il suo gregge”.  Hanno dato il papa reliquie di Romero: uno scapolare e un pezzo del corporale macchhiato con il sangue di Romero.  Francesco disse il sangue di Romero è mescolato con “il sangue di un gran numero di martiri cristiani, che anche oggi è ancora drammaticamente versato nel campo del mondo con la certa speranza che porterà frutto in un abbondante raccolto di santità, di giustizia, la riconciliazione e la l’amore di Dio”.

Le reazioni ai commenti di Francesco seguono schemi prevedibili. La stampa in El Salvador ha riferito che Francesco aveva di mira i vescovi salvadoregni, che, fino a poco tempo, eranno divisi su Romero (uno eveva detto Giovanni Paolo II, che Romero è stato responsabile per le morti di guerra civile, presumibilmente fomentando conflitti di classe al denunciare l’ingiustizia) . L’Associated Press è apparso di visualizzare le osservazioni attraverso le divisioni del recente Sinodo dei Vescovi, riferendo che Francesco aveva “denunciato” funzionari clericali che si opponevano a Romero. In realtà, entrambe le viste sembravano mancare il bersaglio. Francesco non aveva intenzione di isolare i vescovi salvadoregni, perché ha segnalato di avere sentito personalmente le critiche ingiuste di Romero—in Argentina. Egli inoltre non ha direttamente “denunciato” o criticato nessuno, sottolineando che Romero è stato oggetto di ‘diffamazione’ come un attributo del suo martirio. “Cioè, è bello vederlo anche così”, disse Francesco di Romero: “come un uomo che continua a essere martire”.
La delegazione salvadoregna comprende sette vescovi, e in representation del governo il ministro degli Esteri, Hugo Martinez, e il Ministro di Governo e delle Comunicazioni Hato Hasbún. Questi sono stati accompagnati da centinaia di salvadoregni che vivono in Italia, particolarmente nella città di Milano. I membri della delegazione hanno iniziato in fila per entrare nel Vaticano per il Portone di Bronzo di Piazza San Pietro alle ore 9.00 per l’udienza che ha avuto inizio a mezzogiorno nella Sala Regia del Palazzo Apostolico.
Nel incontro, i vescovi salvadoregni hanno aggiornato il papa sullo stato della causa di beatificazione del martire gesuita salvadoregno Rutilio Grande. Secondo mons. Jesus Delgado Acevedo, vicino alla causa di canonizzazione di Romero, “Il Papa ha condizionato, in un certo senso, la canonizzazione di monsignor Romero” alla conclusione dei lavori nella causa di Grande per essere in grado di personalmente canonizzare Romero e beatificare Grande durante un singolo viaggio in El Salvador. “Ha detto ai Vescovi che il giorno in cui la beatificazione di Grande è completata, sarebbe conveniente anche canonizzare Romero, a condizione che un miracolo operato per l’intercessione di Romero è stato dimostrato”, Delgado ha detto a un giornale salvadoregno prima di partire per l’Italia. La Chiesa salvadoregna insiste sul fatto che tre possibili miracoli Romero sono stati già inviati a Roma, ma Delgado ha detto che non sapeva se sono stati presentati al papa.
I salvadoregni hanno proposto il Papa andare in El Salvador a presiedere la doppia cerimonia di Romero e Grande durante il suo imminente viaggio in Messico, confermato dal Vaticano nel 2016. “Penso che, presumo, non sono un profeta”, ha detto Delgado, “che la visita del Papa potrebbe essere il prossimo anno, nel corso della sua visita in Messico, forse poteva allungare la sua visita in Guatemala e El Salvador, e potrebbe essere il momento in cui il Papa visita El Salvador e canonizza monsignor Romero”.
I membri dei vescovi salvadoregni che hanno partecipato all’udienza includono il Vescovo Militare Mons. Fabio Colindres; ei Vescovi da: Chalatenango—Mons. Luis Morao Andreazza; San Vicente—Mons. José Elias Rauda Gutiérrez; Sonsonate—Mons. Constantino Barrera Morales; e Zacatecoluca—Mons. Elías Samuel Bolaños Avelar, che ha coordinato la composizione della delegazione. Ha inoltre partecipato il suddetto Mons. Delgado.  Prima di incontrare con i salvadoregni, Papa Francesco ha avuto incontri separati con rappresentanti del CELAM, la Conferenza Episcopale Latinoamericana, e con il card. Gerhard Müller, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, tra altri.
Al di là delle guarigioni presentate per spianare la strada per la canonizzazione di Romero, Mons. Rosa Chavez ha detto che i pastori salvadoregne sperano in due miracoli in particolare: a livello locale, per una vera riconciliazione nel paese e per superare la violenza e a livello globale: che il Beato Romero può essere un’icona di ciò che Papa Francesco sogna come pastore, “una Chiesa povera per i poveri”.
Il Palazzo Apostolico, sito dell'Udienza.

Post a Comment