Thursday, October 01, 2015

Maradiaga: Romero, 'Uomo della Croce'


 
BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015
 

Foto da @RomeroTrust e @Mustard_Seed1 da Twitter.
 
Parlando a Londra questo Giovedi, October 1, il Cardinale Oscar Andres Rodriguez Maradiaga, paragonò Papa Francesco al beato Oscar Romero, beatificato in El Salvador precedentemente quest’anno. Il porporato ha riconosciuto una croce popolare salvadoregna, realizzata da un artista salvadoregno e installata in una cappella della Cattedrale di San Giorgio, dove ha parlato il prelato. “Quella croce che avete lì”, il cardinale ha detto alla folla, “è la migliore onore per Romero perché era un uomo della croce”.   Romero, ha detto il cardinale, “era un uomo cum fide, con fiducia, una fiducia illimitata in Gesù Cristo. Era un uomo che aveva fissato lo sguardo su Gesù Cristo e quindi poteva camminare tranquillamente in mezzo al dolore e la sofferenza di questo popolo”.

Il discorso del presule è stato intitolato “Da Romero a Francesco: La gioia e le tensioni di diventare una Chiesa povera con i poveri”. Rodríguez Maradiaga ha attirato sulla sua esperienza personale di Papa Francesco. Lui è un collaboratore chiave del Pontefice, che serve come coordinatore del Consiglio di Cardinali, un gruppo di nove cardinali nominati da Francesco di consigliarlo sul governo della Chiesa.
Rodríguez Maradiaga ha raccontato due incontri fugaci con Romero. Ha affermato che il suo “incontro con Romero è cresciuto più profondamente dal giorno della sua morte”. Subito dopo il martirio di Romero, Rodríguez Maradiaga è stato inviato a una diocesi confine di El Salvador. Con l’intensità della guerra civile in El Salvador crescente, Rodriguez dice che “i miei primi studenti, i miei figli come vescovo sono stati i 20.000 profughi fuggiti in Honduras dal paese in guerra. Stavo imparando su Oscar Romero dalla gente, dai poveri che aveva appena scappato.”
Rodríguez Maradiaga ha affermato che l’opzione preferenziale della Chiesa per i poveri non è nuova, ma il grido dei poveri sentito di nuovo in ogni generazione. Osservando la vita di Papa Francesco, Beato Oscar Romero e Gesù, il Cardinale ha osservato che ognuno ha vissuto al fianco di persone che vivono in condizioni di povertà, li hanno conosciuti, erano amici con loro, li hanno amato. Come risultato, ognuno vive naturalmente l’opzione preferenziale per i poveri. Il cardinale considera che Papa Francesco “non ha fatto l’opzione per i poveri dalle sue labbra, ma dal profondo del suo cuore.”  Ha aggiunto che “Monsignor Romero e Papa Francesco sembrano seguire percorsi spirituali e pastorali parallele. Ambi due uomini condividono la comprensione delle implicazioni pratiche della ricerca di Dio in tutte le cose. Un senso di apertura alla presenza di Dio nella storia e nel mondo, anche nella lotta e nel discorso”.

Rodríguez Maradiaga ha anche dichiarato che beatificare Romero era parte del processo di riforma della Chiesa di Papa Francesco, simile al mandato divino dato a San Francesco d'Assisi a “riparare la mia chiesa”, che non significa riparazione di edifici ma fare il rinnovo spirituale. “Questo è ciò che il Papa Francesco ha preso fin dall'inizio come il suo compito”, ha detto il Cardinale. “Nella riparazione per la mia Chiesa è stata anche la riparazione della causa di beatificazione di Oscar Romero”.
Ha concluso la presentazione con una interpretazione "a cappella" di una canzone che ha lui stesso scritto chiamata “La Misión Continental para una Iglesia Misionera” (“La Missione Continentale per una Chiesa missionaria”), un omaggio a Papa Francesco. Il suo coro corre così: “La povertà ci sommerge, ma ha una soluzione. La gioia del Vangelo ci invita alla missione e con Papa Francesco misericordia e benedizione”.
 
Post a Comment