Saturday, September 21, 2013

Cattedrale di Londra inaugura “Spazio Romero”


 
Una cattedrale del XIX secolo associata con la marcia dei cattolici inglese dalla repressione a tolleranza, bombardata da Hitler durante la seconda guerra mondiale e visitata da Giovanni Paolo II nel 1982, oggi ospita uno “Spazio [Oscar A.] Romero” che l’ambasciatore salvadoregno Werner Matías Romero (nessuna parentela) chiama “un piccolo pezzo di El Salvador”, nel cuore di Londra. Ambasciatori e Alti Commissari, membri del Parlamento e altri funzionari del governo sono stati uniti con chierici dalle comunità cattoliche e anglicane nella Cattedrale di Saint George, tra cui l' arcivescovo cattolico di Southwark (la cui giurisdizione si estende su parti di Londra e punti a sud), Peter Smith; il Vescovo cattolico di Hallam (Provincia di Liverpool) John Rawsthorne; e il decano anglicano di Westminster, John Robert Hall, che dirige il capitolo di Westminster, dove una statua Oscar Romero ha guardato alla facciata ovest della Chiesa Reale dal 1998. La grande assemblea è venuto a partecipare ad una preghiera ecumenica per inaugurare una piccola cappella dedicata a Romero e di benedire una grande “Croce Romero”, nello stile lanciato da il muralista Fernando Llort, creato dal maestro salvadoregno negli altopiani di El Salvador e spediti a Londra per ospitare un zucchetto clericale da Romero e un frammento della talare insanguinata che Romero indossava quando è stato ucciso.

Tra la folla di piu di 1200 presente alla cerimonia il Giovedi 19 settembre erano Llort; il fratello di Romero più giovane, don Gaspar Romero; e vicario di Romero, mons. Ricardo Urioste, che è il presidente della Fondazione Romero in El Salvador per molti anni e che ha compiuto 88 all’inizio della settimana. Mons. Urioste era il relatore principale della serata, e ha consegnato osservazioni brevi ma toccanti che presentano Romero come un uomo di Dio, un uomo della Chiesa, e un uomo del popolo. Le sue parole sono state scandite con l’aneddoti su Romero di uno stretto collaboratore. Ricordando la spiritualità di Romero, Urioste ha riferito che ha accompagnato Romero durante un viaggio a Roma, quando era arcivescovo. “Siamo andati insieme alla Basilica di San Pietro”, Urioste ricordato. “Si inginocchiò davanti all’altare e mi si inginocchiò accanto a lui. Dopo molto tempo, mi alzai in piedi”. Urioste notò che Romero “era ancora in profonda preghiera e ho pensato, ‘si deve seguire questo uomo perché egli sta seguendo Dio’.” Spiegando che il concetto di Romero della Chiesa comprendeva i laici, ha ricordato che Romero si avvicina un uomo indigente dopo un incontro con i teologi. “Ho pensato che stava per offrirgli un aiuto”, ha detto Urioste. “Invece, ha chiesto l’uomo la stessa domanda che aveva chiesto i teologi”. Urioste citato rileva che Romero ha fatto nel suo ultimo ritiro spirituale, dove scrive sulla sua paura di essere assassinato, ma alla fine accetta una morte potenzialmente violenta e prega per la forza di affrontarla. Urioste chiama questi “alcune delle parole più belle che abbia mai scritto”.
Mons . Urioste rifiuta il modello di conversione improvvisa della vita di Romero, confrontando invece l’apertura degli occhi di Romero alla storia biblica del cieco di Betsaida (Marco 8,22-26), che sta a poco a poco dato piena vista in un miracolo operato da Gesù. Romero “era sempre qualcuno che ha cercato di fare la volontà di Dio, e Dio ha rivelato la sua volontà , passo dopo passo”, ha detto Urioste. Ha chiuso con un augurio di cuore per la santificazione di Romero:
Nel corso della storia, tre vescovi sono stati assassinati nel tempio. Il primo è stato il vescovo di Cracovia, Stanislao. È stato assassinato per rimproverare il re polacco per i suoi peccati, che è, per difendere la moralità. Il secondo è stato l’arcivescovo di Canterbury, Thomas Becket, ucciso per difendere i diritti e le libertà della Chiesa. E il terzo è stato Mons. Romero di San Salvador, che ha cercato di essere fedeli al Vangelo e all’insegnamento della Chiesa. E ‘stato ucciso per difendere i poveri.
I primi due sono stati canonizzati. Forse un giorno, a Dio piacendo, Monsignor Oscar Romero sarà canonizzato, anche.
Nel momento clou simbolico della serata, l’assemblea ecumenica, incluse diaconi indossando mozzette rifilati di ermellino, accese candele pasquali e hanno circondato la grande croce colorata nella cappella a volta della cattedrale gotica romanica. Dignitari inclusi p. Michael Campbell - Johnston SJ, ex Provinciale britannico; Julian Filochowski  il capo della Romero Trust; Canon John O’Toole, il decano della cattedrale; Jan Graffius, la Curatore di Stonyhurst College che restaurò le vesti di Romero per la sua conservazione a San Salvador; Rev. Richard Carter, da St. Martin-in-the-Fields a Londra, che ospita commemorazioni Romero; suor Elizabeth Dawson, delle Suore dei Sacri Cuori di Gesù e di Maria; Clare Dixon, responsabile del programma CAFOD per l’America Latina; p. Tony Lester O.Carm, della Provincia Britannico dei Frati Carmelitani; suor Pamela Hussey SHCJ; p. Mark Hackeson e Chris Bain.
Arcivescovo Smith spruzzò l’acqua santa e ha oscillato un turibolo dell’incenso in giro della Croce durante la cerimonia di benedizione. Mentre lo faceva, le parole del Ambasciatore Matías Romero sembravano inquadrare la scena. Riferendosi a Mons. Romero, l’ambasciatore ha detto, “Egli ci ha tenuto ad un livello superiore”.  Dopo la cerimonia, i membri del pubblico passavano davanti alla Croce, ad ammirare, a scattare foto. “Ora per la sua strada verso la santità, la somiglianza della voce dei senza voce si trova oggi nella pietra sopra l’ingresso all’Abbazia di Westminster, e la sua immagine rimane impressa nella nostra mente, il suo esempio non ha offuscato”.
 
 
Top: mons. Urioste offre osservazioni personali. In basso: l’artista Fernando Llort (centro) accende una candela con Julian Filochowski (con le spalle alla telecamera), mentre Gaspar Romero sta dietro Llort a sinistra, e Canon John O'Toole a destra.

Post a Comment