Tuesday, September 10, 2013

5 cose su Mons. Romero e la Teologia della Liberazione



 
 
Notizie recenti su un riavvicinamento tra il Vaticano e la Teologia della Liberazione tendono a collegare questo sviluppo con notizie su un importante passo avanti in la causa di beatificazione di Mons. Oscar Romero, ucciso in El Salvador nel 1980, e molto legato alla difesa dei poveri. Anche se il nome di Romero è spesso associato con il movimento cattolico controverso in America Latina, il rapporto tra l’ uomo e il movimento è ... complicato. Ecco 5 cose essenziali da capire (e # 4 è probabilmente la più importante).
1.     Romero sapeva che una correzione del Vaticano alla Teologia della Liberazione stava arrivando. Nel luglio del 1978, Romero ha detto ai fedeli che ci sarebbero “profondi revisioni alla Teologia della Liberazione” dopo la visita di Papa Giovanni Paolo II in Messico l’anno successivo, e Romero avvertì nella sua ultima lettera pastorale, rilasciato nell’agosto del 1979, contro una versione politicizzata della Teologia della Liberazione che potrebbe rendere il suo contenuto cristiano “ambiguo”, facendo eco alle preoccupazioni stabilite da papa Giovanni Paolo II. 

2.     Le “revisioni” della Teologia della Liberazione che il Vaticano ha promulgato nel 1984 e nel 1986 sono stati in linea con le critiche della Teologia della Liberazione che Romero aveva fatto. Nel 1974, Romero ha detto che ha voluto evidenziare “gli aspetti positivi di una Teologia della Liberazione autentica e anche le gravi riserve in merito a una comprensione errata della stessa”. Nel 1976, nel suo primo importante discorso nazionale, Romero predicava che “La liberazione di Cristo e della sua Chiesa non si riduce alla dimensione di un progetto puramente temporale. Non riduce i suoi obiettivi ad una prospettiva antropocentrica: Al benessere materiale o per iniziative di ordine solo politico o sociale, economico o culturale”.  E ha aggiunto severamente, “Molto meno può essere una liberazione che supporta o è supportato dalla violenza”. Le sue parole sono state interpretate al momento come una condanna della Teologia della Liberazione. 

3.     Il concetto di Mons. Romero sulla Teologia della Liberazione è stato coerente con le distinzioni di card. Ratzinger tra correnti ortodosse ed eterodosse. “Si deve sapere che io studio la Teologia della Liberazione attraverso teologi solidi, come il cardinale [Eduardo] Pironio, che attualmente è il prefetto di una delle congregazioni del Papa, un uomo della piena fiducia del Papa”, Romero ha detto nel 1977 (Card. Pironio, un argentino, ha condiviso la ‘teologia popolare’ usata da sua connazionale, il Card. Bergoglio, fu nominato Pro- Prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata da Paolo VI e Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici di Giovanni Paolo II). Il pensiero di Romero sulla Teologia della Liberazione è stato inoltre informato dal teologo José María Casciaro (Opus Dei), il frate francescano Buenaventura Kloppenburg e missionario Segundo Galilea (CELAM). Romero non si riferisce mai a teologi della liberazione come Leonardo Boff, Gustavo Gutierrez, Manuel Perez e Carlos Mugica. Lui non ha letto i libri sulla Teologia della Liberazione che aveva ricevuto in regalo, mentre era arcivescovo (questi sono stati trovati ancora sigillati nella sui fodere dopo la sua morte). 

4.     Romero aveva una grande preoccupazione per i poveri e in questo egli spezzò il pane con la Teologia della Liberazione, ma lui è venuto attraverso il suo proprio percorso. Già nel 1941 , quando era ancora uno studente di seminario (e molto prima che la Teologia della Liberazione è stato concepita), Romero ha scritto che: “I ​​poveri sono l’incarnazione di Cristo. Attraverso i loro vestiti a brandelli, i loro sguardi scuri, i loro piaghe purulente, le risate dei malati di mente ... l’anima caritatevole scopre e venera Cristo”. È stato influenzato dal suo studio di ascetismo, che lo ha spinto ad abbracciare la povertà e la disciplina. Egli è stato anche influenzato dai Padri della Chiesa: p. Thomas Greenan mette Romero “nella tradizione patristica episcopale” di S. Basilio e S. Ambrogio. Il Vicario di Romero ricorda Romero citando san Giovanni Crisostomo (“Vuoi onorare il corpo di Cristo? Non trascurarlo quando si trova nudo nei poveri”), e nelle sue omelie Romero citato Sant’Ireneo e Sant’Agostino. Infine, Romero è stato profondamente influenzato dal magistero sociale dei papi moderni. 

5.     Romero ha descritto la sua innovazione dottrinale come una “Teologia della Trasfigurazione”. in un certo senso, una tale teologia è radicalmente diversa da Teologia della Liberazione in quanto comincia con la rivelazione di Cristo della sua divinità, e proclama che “Gesù , sulle alture di Tabor” in cui i Vangeli ci dicono che la Trasfigurazione ebbe luogo “è la meravigliosa immagine della liberazione”. Sviluppato in decenni di predicazione sulla festa patronale di El Salvador (la festa della Trasfigurazione) , “la Teologia della Trasfigurazione ci sta dicendo che il percorso di redenzione deve prima passare attraverso la Croce e il Calvario, ma al di là di della storia è l’obiettivo dei cristiani”, dice Romero , sottolineando la centralità della morte e risurrezione di Cristo. Cristo invita i suoi seguaci tra cui le società Romero insegna, ad essere trasfigurati, e di essere sollevati dal mondo del peccato e il desiderio materiale alla dignità di essere figli di Dio in cielo, e di lavorare per un mondo più giusto, che si rivela essere solo il preludio alla vera salvezza. Romero ha predicato questa “teologia” a lungo nel corso di molti anni, e questo corpo considerevole di lavoro è in attesa di essere scoperto ed esplorato. (Per coincidenza, il card. Ratzinger ha anche pubblicato la sua “Istruzioni” dal 1984 in occasione della festa della Trasfigurazione.)
La Chiesa non ha intenzione di beatificare Romero perché ha deciso di essere indulgente con quelle tendenze precedentemente considerati in errore. Romero ha anche riconosciuto che il movimento di Teologia della Liberazione era alla deriva e sarebbe stato felice di vedere che guidava tranquillamente in porto. Romero stesso, tuttavia , fu in grado di navigare le acque pericolose e mantenere la rotta.

Post a Comment