Friday, September 20, 2013

La rassegna settimanale


In una settimana destinata a essere saturata da l'eco nel mondo cattolico dei commenti candide di Papa Francesco sulla missione della Chiesa, si distinguono alcune note Romero.
Difesa della vita è giustizia sociale
Nei commenti al ginecologi cattolici il giorno dopo la pubblicazione di commenti in cui dicono che la Chiesa non dovrebbe enfatizzare eccessivamente l'insegnamento in materia di morale sessuale, il Papa ha fatto le sue osservazioni più espliciti ad oggi in condanna dell'aborto. Francesco ha collegato la protezione del nascituro alla promozione della giustizia sociale. Questo è esattamente il punto di mura utilizzato da Mons. Romero per affrontare il problema. "Se sentiamo repressione quando i giovani uomini e donne così come gli adulti vengono uccisi , allora lo stesso deve avvenire anche quando la vita viene rimosso dal grembo di una donna", ha detto Romero. "È un uomo, come l'insegnante che viene ucciso, e il Ministro della Pubblica Istruzione che viene ucciso, anche il bambino nel grembo materno è un uomo che viene ucciso con l'aborto".
Giustizia sociale non è comunismo
Una nota Romero più evidente è stato suonato da Francesco nel suo sermone Venerdì al mattino di S. Marta Casa, dove risiede in Vaticano. Spiegando avvertimento di St. Paul contro l'amore del denaro, Papa Francesco disse: "Non puoi servire Dio e il denaro. Non si può: o l’uno o l’altro! E questo non è comunismo, eh! Questo è Vangelo puro! Queste sono le parole di Gesù!" La parte in cui il Papa ha detto che "questo non è comunismo" sarebbe stata musica per le orecchie di Oscar Romero, che è stato falsamente accusato di promuovere il comunismo quando predicava la dottrina sociale della Chiesa in El Salvador.
Romero Croce su Radio Vaticana
Infine, la Radio Vaticana ha riferito la benedizione della Croce Romero nella cattedrale di San Giorgio a Londra (foto), in una cerimonia presieduta dal arcivescovo Peter Smith con mons. Ricardo Urioste, che ha compiuto 88 anni all'inizio della settimana, ed era stato vicario di Mons. Romero e ora presiede la Fondazione Romero in El Salvador. Nella sua prima relazione il 12 settembre, Radio Vaticana ha intervistato Canon John O'Toole, il decano della Cattedrale di San Giorgio, che ha chiamato Romero "una voce per chi non ha voce .... soprattutto nello spirito di Papa Francesco". In una seconda relazione nel settembre 18, Radio Vaticana ha parlato con Julian Filochowski, presidente dell'Arcivescovo Romero trust, che ha detto che "la cosa con Romero era che non solo esprime e ha parlato della sua fede, ma ha vissuto la fede", notando che "il suo impegno per i poveri lo portò alla morte".  Super Martyrio avrà più su questo evento in uno dei prossimi post . [Galleria di foto.]
Post a Comment