Monday, November 16, 2015

L’anima gemella di Oscar Romero


 
BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015
 

 



Negli studi della vita di monsignor Oscar A. Romero, l’impatto del Padre Rutilio Grande sul pensiero del vescovo martire, è stato ampiamente riconosciuto, ma poco è stato scritto su un altro amico che era altrettanto—e, forse più—influente: Mons. Rafael Valladares Argumedo, un amico della gioventù di Romero, degli anni del seminario, e del sacerdozio, che ha diventato vescovo ausiliare di San Salvador nel 1956 (questa settimana è il anniversario della sua ordenazione episcopale il 18 novembre). Valladares ha raggiunto l’episcopato 14 anni prima di Romero, ma scomparso prematuramente nel 1961. In un certo senso, Valladares prefigura Rutilio Grande, e può essere un anello mancante per l’interpretazione Romero.
Non è esagerato dire che Valladares è stato una delle figure più importanti nella vita di Romero. Compagni di seminario, hanno vissuto avventure indimenticabili negli anni del seminario e nel sacerdozio. Erano a Roma insieme per sei anni di studi in seminario; e sono stati arrestati insieme per tre mesi in un campo di concentramento cubano durante il loro viaggio di ritorno a casa. Romero ha stato presente durante l’ordinazione sacerdotale di Valladares, nella sua ordinazione episcopale, e anche nel momento della sua morte. Valladares assistito la consacrazione di Romero come sacerdote e lodato questa con una poesia struggente. Valladares è uno degli unici due amici che Romero chiamava il suo “fratello” (a parte i fratelli naturali—l’altro è Rutilio Grande), e ha confessato nel suo diario nel 1979 che “lo sento sempre di essere così vicino.”
Valladares è stato identificato con Romero dall’inizio. Era il nipote di mons. Juan Antonio Dueñas, il vescovo che ha chiamato Romero al sacerdozio. Valladares e Romero erano i suoi migliori seminaristi. Secondo una versione dei fatti, Romero e Valladares hanno legato in un concorso per andare a fare il loro seminario a Roma. Valladares, quattro anni più di Romero, è andato prima, nel 1935. Quando Romero andò alla Città Eterna nel 1937, Valladares lo stava aspettando per essere il suo fratello maggiore e mentore; un amico e connazionale che ha visuto con lui i momenti culminanti della sua vita spirituale. Quando Romero è stato ordinato sacerdote il 4 aprile 1942, Valladares era lì e ha dedicato questi versi, alcuni molto profetici (vedi testo in grassetto):
OSTIA DELLA PACE 

È stato un momento, non di più ... e il povero argilla
vaporizzato davanti il calore delle labbra!
ero sbalordito, e le mie pupille dilatate
davanti a un miracolo d’amore! 

Sacerdote, quel bacio di Cristo
ha invaso il tuo essere,
è penetrato la tua anima e ti ha fatto eterno,
divino come Lui! 

stampo, nel bacino delle vostre mani
ha lasciato le sue meraviglie;
per amare e soffrire, nel tuo petto
ha messo il suo cuore. 

Amore, dolore, sempre sublimi,
sempre così, nella dualità armoniosa;
sulla croce, sono morte redentrice
e nel pane sono l’Ostia dell’altare! 

Sacerdote, sei Ostia. Non avete sentito
la colpa degli uomini su di voi?
la tua sublime forma è stata fatta
per amare e soffrire. 

Sacerdote, sei Ostia. Apri gli occhi
e da lo sfondo di pianto e di terrore,
vedi mille braccia scoperte alzate
sagome di dolore. 

l’odio con la sua smorfia di vendetta
si è gettato ovunque.
è il fratricida Caino che si sazia
con il sangue di Abele. 

È stato un momento non di più ... e il cielo aperto
con la sua aurora di Pasqua
e nelle mani di Cristo il povero argilla
divenne un’Ostia di pace! 

Sacerdote, il tuo nome è una poesia
di amore e di dolore;
di amare e soffrire, Cristo nel tuo petto
con un bacio lasciato il suo cuore. 

Nella vostra ricca patena i dolori
dei uomini allunga il propio dolore;
e la fiamma che spara l’olocausto ...
sia sempre il tuo amore ...! 

I due giovani preti, Romero e Valladares, costituivano un team. “Il Padre Rafael Valladares era il suo migliore amico tra i sacerdoti”, ricorda Doris Osegueda, segretaria di Romero in Memories in Mosaic (Epica Task Force, 2000). “I due erano molto diversi, ma si completavano a vicenda. Valladares è stato più di uno scrittore, e Romero era l’oratore”. Valladares era allegro e andava d’accordo con gli altri, mentre Romero era più rigoroso e riservato. Osegueda ricorda che Valladares ha deriso l’avversione di Romero per i giovani sacerdoti che sono andati senza i loro tonache e altri comportamenti che egli considerava scandalose. “Questo tipo si stressa diventando così sconvolto! Si arrabbia così facilmente che vivrà tutta la sua vita soffrendo da una malattia o un’altra. Ora, io, d’altra parte, non mi arrabbio”, rideva Valladares.
L’umorismo di Valladares mascherato due verità importanti. Una era la sua salute, che era sempre delicata. Ha sofferto a Roma sotto le carenze alimentari della seconda guerra mondiale. La sua salute è peggiorata considerevolmente dopo l’episodio dell’arresto a Cuba, e ha lottato per recuperare, e la sua condizione è diventata precaria dopo essere stato nominato vescovo. Infine, è morto nel 1961 dopo una lunga malattia soccombendo a l’insufficienza renale cronica.
In secondo luogo, Valladares ha condiviso l’ortodossia di Romero, ma sapeva di esprimerla attraverso la risata. Nel suo profilo di Valladares, nella seconda edizione del suo libro La ciudad donde se arrancan corazones, alma y memoria de San Juan Opico, 2013, Saul Antonio de Paz Chavez rivela che Valladares ha sofferto perché “non voleva che nessuno lo vedesse, senza la tonaca, anche nel suo letto di malattia”. I due, Valladares e Romero, sono stati “eccellenti latinisti”, dice Oscar Manuel Doñas, e hanno insegnato i seminaristi la lingua liturgica della Chiesa nel seminario minore di San Miguel, che i due hanno somministrato. Tra le ultime parole di Valladares, nel giorno della sua morte, è stato quello di chiedere “Il mio breviario ... in latino,” per pregare le sue preghiere sul letto di morte. Oscar Romero era presente quando il suo amico esalato l’ultimo respiro, e ha scritto circa il fatto in una riflessione dal titolo “È  morto come un santo perché ha vissuto da sacerdote” (cfr il titolo della biografia di Romero da Mons. Jesus Delgado, “Così doveva morire: come sacerdote, perché così ha vissuto: Mons. Oscar A. Romero,” Ediciones de la Arquidiócesis di San Salvador, 2010).
Mons. Romero e Mons. Valladares.
Mons. Valladares quasi certamente ispirato e influenzato il ministero di Mons. Romero. Ma quali sono i punti di convergenza? Io proporrei tre tocchi Valladares.
In primo luogo, lo stile episcopale. Valladares ha preso le parole “SINT UNUM” (Tutti siano una cosa) dalla preghiera sacerdotale di Cristo (Giovanni 17: 1-5) come suo motto episcopale. Saul de Paz scrive che Valladares “ordinò tutta la sua intelligenza e santità verso l’unità intorno alla gerarchia” della Chiesa. Romero ha inoltre adottato una espressione di unità ecclesiale come suo slogan: “Sentire cum Ecclesia” (Sentire con la Chiesa) dagli esercizi spirituali di Sant’Ignazio di Loyola, che ha spiegato, “significa in particolare l’adesione incondizionata alla Gerarchia.”
In secondo luogo, la sua fama di essere “voce costante per una vera riforma sociale basata sulla Dottrina sociale della Chiesa” (La Prensa Grafica). Fin da bambino, Valladares ha amato la giustizia, e venerato l’immagine di mons. Ricardo Casanova y Estrada, l’arcivescovo del Guatemala in esilio dal generale Manuel Barillas per aver criticato il governo. Mons. Arturo Rivera y Damas, che fu il successore di Romero come arcivescovo di San Salvador, fu fratello nel episcopato con Valladares. Rivera ha ricordato che Valladares gli ha detto che i poveri erano i “prediletti di Dio”, ha proposto a lui come modelli San Nicola, “il vescovo dei poveri”, e mons. Von Galen, il “Leone di Münster”.
Infine, non si dovrebbe trascurare l’aspetto emozionale. Naturalmente, non possiamo conoscere la portata dei legami, ma mi permetto di speculare su due. In primo luogo, penso che Valladares anticipa e prefigura il Padre Rutilio Grande. Valladares aveva 48 anni quando è morto; Grande aveva 49. Non so se la morte di Grande avrebbe avuto lo stesso impatto su Romero se Grande non fosse stato radicato nella dottrina e nella comunione con l’arcivescovo, con una storia di amicizia con Romero come Valladares. In secondo luogo, l’anniversario dell’ordinazione sacerdotale di Valladares può aver influenzato un giorno decisivo per Mons.Romero. Quando Romero era in Terra Santa per l’anniversario dell’ordinazione di Valladares nel 1956, ha offerto una Messa nella Basilica delle Beatitudini nel suo nome. Il sermone finale di Mons. Romero il 23 marzo 1980 cade nel 40 ° anniversario dell’ordinazione di Valladares. Sia deliberatamente o casualmente, questo potrebbe essere stato il più grande tributo al suo amico.
Quando mons. Valladares è morto nel 1961, Opico (la terra dove è nato) e San Miguel hanno contestato il diritto di ricevere le sue resti. L’Arcivescovo di San Salvador, mons. Luis Chavez y Gonzalez, ha stabilito che le sue resti riposarono nella cripta della nuova cattedrale in costruzione nella città dopo un incendio distrutto la vecchia chiesa. Questa cripta è ora conosciuta come “La Cripta di monsignor Romero,” e in esso si trovano due vecchi amici che non sapevano che sarebbero uniti nella morte come lo erano in vita, compiendo il Vangelo che ci dice che Gesù manda il suo discepoli “due a due” (Marco 6: 7).
La cattedrale in costruzione, fotografata da Romero. Area della cripta.
Nel 50 ° anniversario del Patto delle Catacombe e il 26 ° anniversario dei Martiri dell’UCA.
Post a Comment