Monday, November 23, 2015

Sei mesi un Beato


 
BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015
 

 


Un'elicottero della aviazione salvadoregna sorvola la cerimonia di beatificazione.


Sabato 23 Marzo 2015 non è stato un giorno qualsiasi in El Salvador. Fu allora, sei mesi fa, che Mons. Oscar A. Romero, ucciso 35 anni prima, all’inizio della guerra civile salvadoregna, è stato beatificato in una massiccia cerimonia all’aperto a San Salvador. Un anno e mezzo più tardi, ci guardiamo indietro su sette cose che hanno reso la beatificazione Romero notevole.
1. È stata, come abbiamo detto, al momento, la più grande cerimonia di beatificazione non papale nella storia della Chiesa. Le più grandi beatificazioni nella storia sono stati quelli in cui sia il soggetto beatificato era un papa o il celebrante principale della cerimonia è stato un Papa. Oltre a tali occasioni, la beatificazione Romero, con mezzo milione di presenze, è stato la più grande mai registrato.
2. L’ascensione di monsignor Romero agli altari ha stato anche l’evento più notevole per la Congregazione per le Cause dei Santi per il 2015. Anche la canonizzazione di Junipero Serra, un santo degli Stati Uniti, da Papa Francesco, sul suolo americano, ha preso un sedile posteriore a termini di copertura totale, copertura positiva, ed impatto.
3. È stata una celebrazione planetaria, ha proclamato le emittenti italiana TV2000, e se si pensa che l’affermazione è iperbole, si consideri che la televisione italiana realizzata ha trasmesso la cerimonia dal vivo, così come Light + Salt TV in Canada, TeleSur in Sud America, ESNE nelle Americhe e Europa e CNN en Español, tra gli altri.
4. La prossima distinzione è unica, ma credo che dice qualcosa. È stata l’unica cerimonia di beatificazione che è accaduto letteralmente sulle strade. La maggior parte delle beatificazioni si svolgono in uno spazio chiuso, come una chiesa, uno stadio, o almeno qualche parco o campo.
5. È stata la prima beatificazione sul suolo centroamericano. Nel 2002, Giovanni Paolo II ha canonizzato il primo santo dell’America Centrale in Guatemala, ma nessuno era stato beatificato in queste terre ancora.
6. Se quest’ultimo punto sembra banale (questo è stato inteso come un elenco di curiosità), il prossimo si è molto significativo per il popolo salvadoregno. Romero è stato il primo "beato" salvadoregno, ma ci si aspetta di non essere l’ultimo. La chiesa locale sta parlando di proporre altri 500, la maggior parte di loro in massa, tutti martiri della recente guerra civile salvadoregna.
7. C’erano dichiarazioni rilasciate il giorno della beatificazione sia dal Papa e del Presidente degli Stati Uniti (e del Segretario di Stato). Non è inaudito per il papa di rilasciare una dichiarazione in aggiunta al decreto di beatificazione, ma lui non lo fa per tutti coloro che sono beatificato. Il fatto che gli uomini più potenti della terra avevano qualcosa da dire su questa beatificazione riflette qualcosa della sua natura unica e inusuale.

Copertura piena della beatificazione qui. 

 

 
 

Post a Comment