Wednesday, November 04, 2015

Memo da Roma


 
BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015
 




Francesco e salvadoregni.  L'Osservatore Romano.




Sette vescovi, due ministri del governo e più di 500 salvadoregni residenti in Italia sono stati accolti da Papa Francesco la scorsa settimana ed hanno lasciato l’incontro con chiare indicazioni di un Pontefice che anela canonizzare a Mons. Oscar Romero e beatificare p. Rutilio Grande, ma anche molto determinato sopra come farlo. Nella copertura della riunione, i media si sono concentrati così esclusivamente sulle critiche percepite da parte di Francesco (narrazione che corrisponde all’immagine di Francesco come un riformatore instancabile di fronte a nemici ideologici) che hanno trascurato l’avviso più grande che ha dato alla Chiesa di El Salvador—che non è nel suo discorso, sia preparato in anticipo o la parte improvvisata.

Il stesso Papa che “sbloccato” la beatificazione di Mons. Romero sembra ora smettila, o almeno imporre condizioni ragionevoli per garantire come i sui predecessori papale, che la beatificazione dev’essere opportuna per la società salvadoregna.

Da un lato, non c’è dubbio che Francesco ha profonda ammirazione per Romero e il padre Grande, e chi vuole prendere loro cause alle sue buone conclusioni. L’affetto e la devozione del Papa erano in evidenza nel corso dell’udienza—soprattutto, nel suo discorso, in cui ha chiamato Romero e Grande “un tesoro e una fondata speranza” per la Chiesa e per la società salvadoregna. [TESTO.]  Ha aggiunto che “l’impatto del loro dono di sé si percepisce ancora ai nostri giorni. Attraverso la grazia dello Spirito Santo furono configurati con Cristo, come tanti testimoni della fede di tutti i tempi”.

Quando i vescovi salvadoregni gli presentarono come un regalo un scapolare con un pezzo di corporale con il sangue di Romero, il Papa sembrava visibilmente commosso e ha baciato il reliquiario che è stato presentato a lui (un gesto insolito, che non si vede con altri oggetti sacri che sono state date). Più che altro, l’ammirazione per Romero era evidente nel suo discorso in cui parlo con passione di Romero come “un uomo che continua a essere martire”, perché continua essendo calunniato. “Dopo aver dato la sua vita, continuò a darla lasciandosi colpire da tutte quelle incomprensioni e calunnie. Questo mi dà forza...”

Quando Francesco ricevuto Monsignor Rafael Urrutia, vice-postulatore del P. Grande, parlò in modo inequivocabile del suo interesse per far avanzare la causa: “Sbrigati ... Su, su! ... Appena possibile”, erano le frasi con cui il Papa ha ribadito la sua fretta, suscitando commenti che i ruoli fossero stati invertiti tra il Pontefice e il postulatore. Ricevendo il padre Rodolfo Cardenal, biografo del P. Grande, Francesco gli chiese se avevano miracoli attribuiti al P. Grande. Un po’ perplesso a quel momento, Cardenal ha detto di no (in questa fase che sta cercando di stabilire il martirio del Grande, non è venuta a parlare di miracoli). Il Papa gentilmente, lo corresse dicendo che Monsignor Romero è il miracolo di Rutilio Grande.

Nonostante il suo entusiasmo, Francesco ha dato orientamenti chiare che desidera imporre la disciplina e scopo sul processo. Sono due suoi orientamenti in questo senso: in primo luogo, non ci sarà nessuna esenzione di requisiti procedurali. Cioè, sarà necessario verificare un miracolo per Mons. Romero (non ci sarà “canonizzazione equipolente”) e un riconoscimento del martirio del P. Grande dai teologi del Vaticano. In secondo luogo—e questo è il più interessante—secondo Mons. Gregorio Rosa Chávez, vescovo ausiliare di San Salvador, “Il Papa ha bisogno di vedere un paese che sta adottando misure di riconciliazione”, e al momento non sono le “condizioni”, a causa degli altissimi tassi di omicidi dal problema delle bande. Ovviamente, la Chiesa deve ‘sbrigarsi ... su, su ... appena possibile’ a questo proposito.

Post a Comment