Friday, November 06, 2015

Nelson e Manuel, Compagni Martiri



 
P. Grande ei Contadini, Aguilares.


I due contadini uccisi accanto al Padre Rutilio Grande andranno con lui verso l’altare come “compagni martiri”. Manuel Solorzano, 72, e Nelson Lemus, appena 15 anni di età, sono stati tra i passeggeri del salvadoregno gesuita 12 marzo 1977, quando è stato assalito da uomini armati in mezzo a piantagioni di canna da zucchero, crivellando l’auto Safari in transito da Aguilares a El Paisnal, uccidendo tutti e tre. Altri passeggeri sono fuggiti.
Non è insolito che la Chiesa riconosce il martirio di coloro che accompagnano un martire eminente come Grande, perché la morte dei compagni sarebbe stato causata dallo stesso odio alla fede che ha colpito il martire principale. Ad esempio, durante il suo viaggio in Corea nel 2014, il Papa Francesco canonizzato Paul Yunji Chung e 123 compagni. I martiri della guerra civile in Spagna sono stati beatificati e canonizzati in gruppo. Si è soliti farlo quando vari vittime vengono uccise nello stesso attacco o repressione.
Nel caso dei martiri di El Paisnal, è opportuno farlo perché i tre erano membri del team pastorale della Parrochia di Gesù della Misericordia in Aguilares (la chiesa del Padre Grande). Il vecchio, Manuel, era il guardiano della chiesa, mentre il ragazzo, Nelson, era il campanaro. Padre Grande stava andando in El Paisnal, per continuare la Novena a San Giuseppe, sfidando le minacce che aveva ricevuto per la sua vicinanza ai contadini. Grande ha chiesto al suo guardiano di venire a fargli compagnia e raccolsero Nelson lungo la strada.
Manuel Solorzano è nato nel 1905. É stato un fedele collaboratore di Padre Grande, uno dei membri più attivi della parrocchia. Sua fedeltà ha stato evidenziato negli ultimi momenti della sua vita, mentre cercava di coprire Padre Grande e Nelson durante la sparatoria, assorbendo colpito da dieci proiettili sul suo corpo. “I proiettili avevano sradicato il suo braccio.”
Nelson Rutilio Lemus è nato nel 1961, non aveva ancora raggiunto i 16 anni. Era in seconda media. La sua famiglia era stata minacciata per la loro partecipazione al movimento dei Delegati della Parola nella parrocchia. Nelson si offrì di suonare le campane campane della chiesa e aiutare nel monastero e nel tempio. “Nelson anche portare la propria croce fin dall’infanzia, era epilettico.”
Rutilio Grande e suoi compagni, Nelson R. Lemus e Manuel Solorzano sono un simbolo di speranza per il popolo di El Salvador”, scrive padre Rodolfo Cardenal nella sua autobiografia (Historia de una esperanza: Vida de Rutilio Grande, 1985). “Rappresentano una forza vitale che non può essere uccisa o contenuta. La forza della vita che va oltre ogni limite.”
Alla Messa su tre corpi nel Paisnal, Mons. Romero predicava che “Il vero amore è quello che porta Rutilio Grande nella sua morte, della mano con due contadini. Così ama la Chiesa,” ha detto il vescovo martire. “Si muore con loro e si presenta con loro alla trascendenza del cielo.” E ora presenterà i tre al’altari.

Post a Comment