Tuesday, July 02, 2013

P. MURAD E MONS. ROMERO


 
L’omicidio di don François Murad il 23 giugno 2013 nel nord della Siria ha inorridito e sconvolto il mondo cristiano (tutti i link portano ad articoli in inglese).   Rapporti di Internet incluso video inquietante di ciò che viene affermato di essere la decapitazione di P.  Murad, filmata mentre decine di curiosi hanno applaudito e gridato “Allahu Akbar” (“Allah è il più grande”).  Il video è diventato virale, con indignazione espressa in blog e articoli in tutto il mondo.  Il senatore statunitense Ted Cruz chiamato il video, “Un triste ricordo del motivo per cui non dovremmo dare armi a questa gente”, e l’ex senatore Rick Santorum lanciò il video come prova della necessità di una guerra contro “l’Islam radicale” sulla sua pagina di Facebook.  Un blog conservatore si lamentò che “Il presidente Barack Hussein Obama ha speso 815 milioni dollari dei contribuenti per dotare ribelli musulmani siriani anticristiani”.  Mentre non vi è alcuna controversia che p.  Murad è stato ucciso, il video decapitazione è stato screditato.  L’ordine di P.  Murad ha riferito che il suo corpo era intatto dopo il suo assassinio, il sito che ha pubblicato originariamente il video è regredito la sua relazione, e altri dicono che il video è stato probabilmente propaganda dal regime di Bashar al-Assad.
L’intero episodio ci ricorda i pericoli della manipolazione del martirio per guadagno politico e, in particolare, il caso di Mons. Oscar A. Romero.  Dopo l’assassinio di Mons. Romero, la sinistra accusati la destra”, dicendo che “sperava di creare un martire uccidendo Romero e creando l’impressione (falsa) che egli era stato ucciso dalla estrema a destra, in un tentativo di infangare la destra.  Dopo la violenza al funerale di Mons. Romero, ancora una volta, la destra accusato la sinistra per i disturbi, anche sostenendo che la sinistra avevano pianificato di rapire il corpo e la bara di Romero.   Entrambe le affermazioni sono state universalmente screditate.  Gli anni successivi videro continui tentativi della sinistra di usare Mons.  Romero “per sé come bandiera, come figura emblematica, ingiustamente”—nelle parole di Papa Benedetto.  Essi hanno sostenuto che il suo messaggio rivendicato la loro causa, che, ironia della sorte, era stata la stessa falsa accusa dalla destra che ha portato al suo assassinio. 

Alcune lezioni che raccogliamo: (1) In un clima politico complicato, a volte è difficile dire cosa è successo e pertanto è meglio aspettare finché tutta la polvere si deposita.  Dopo l’assassinio di monsignor Romero, il Los Angeles Times ha osservato che “avrebbe potuto facilmente stato l’estrema sinistra o l’estrema destra”, la parte responsabile per il crimine.  (2) In tale ambiente confuso, fazioni in competizione “potevano sperare di trarre vantaggio da [creare la] anarchia” e la confusione (questa osservazione è stato di circa El Salvador, ma può applicare ovunque).  (3) Come osserva Papa Benedetto su Romero, qualsiasi manipolazione avviene a spese della persona—il P. Murad o Mons.  Romero: “Come mettere in luce nel modo giusto la sua figura, riparandola da questi tentativi di strumentalizzazione? Questo è il problema”.  
Nel caso di Mons. Romero, tutta la manipolazione ha creato ritardi in ciò che molti—tra cui papa Benedetto—credono di essere una giusta causa per la santità.  Questo è un pericolo che dobbiamo essere consapevoli di evitare, soprattutto noi che hanno a cuore la nostra fede e sue martiri.
Post a Comment