Monday, July 08, 2013

1 ° LETTERA PASTORALE DI MONS. ROMERO


 

Contemplando la prima enciclica di Papa Francesco, conoscitori della Chiesa nel continente potrebbero pensare alla prima lettera pastorale di un altro esponente religioso latinoamericano di primo piano—Mons.  Oscar A.  Romero di El Salvador.  A prima vista,  «LUMEN FIDEI» di Francesco e “La Chiesa della Pasqua” di Romero (1977) [testo in spagnolo | inglese] può sembrare due diversi documenti presentati in contesti molto diversi, ma a ben vedere le due opere condividono un sacco di fondamenti.  (Questo è un analisi dell’Anno della Fede, della predicazione e l’orientamento teologico del Servo di Dio, Oscar Romero.)
In fondo, entrambi sono epistole introduttive che cercano di giustificare e promuovere gli insegnamenti del Concilio Vaticano II.  Entrambi cercano di attirare un mondo moderno che sembra essere sempre più fuori portata, e di offrire una chiamata urgente per il “dialogo” con la fede.  Anche strutturalmente, i due documenti hanno somiglianze.  Entrambi sono divisi in quattro capitoli incentrati su: (1) le circostanze contingenti che hanno scatenato la necessità per ogni lettera; (2) i fondamenti scritturali della lettera, (3) la natura della Chiesa, e (4) lo stato del mondo che giustifica il suo intervento.  Entrambi i documenti si concludono con una preghiera mariana.  E mentre la lettera di Romero è stato decisamente scritto da due mani e non quattro, anche a questo proposito ci sono alcuni paralleli.  Romero ha scritto la sua lettera pastorale interamente da solo, lavorando febbrilmente su di esso, anche durante il suo primo viaggio a Roma, come arcivescovo, rivedendo il suo progetto durante una sosta all’aeroporto Kennedy di New York.  Tuttavia, all’inizio del documento Romero riconosce il suo debito verso il suo predecessore e Romero deriva idee teologiche fondamentali del documento dal ecclesiastico argentino Eduardo Pironio.
Il nucleo del messaggio di Romero è riassunto nella sua citazione dal Sinodo dei vescovi latino-americani a Medellin il 1968 e il suo sogno di una Chiesa “veramente povera, missionaria e pasquale”. Queste parole ci raccontano la visione teologica di Romero e perché Papa Francesco è desideroso di promuovere la causa di canonizzazione di Romero.  Le parole evocano tre recenti pronunciamenti papali: (1) la visione di Francesco di “una Chiesa povera e per i poveri;” (2) il pensiero di Francesco che la “pastorale sia intesa completamente in chiave missionaria”, perché, “Una Chiesa che non esce fuori da se stessa, presto o tardi, si ammala nell’atmosfera viziata delle stanze in cui è rinchiusa”; e (3) la tesi di Papa Benedetto XVI sulle “idee essenziali” del Consiglio—”soprattutto il Mistero pasquale come centro dell’essere cristiano, e quindi della vita cristiana”, prendendo come punto di partenza, “l’incontro con il Risorto, e dall’incontro con il Risorto andiamo al mondo”. Il contingente latino americano al Consiglio, Benedetto ha ricordato, “sapendo bene della miseria del popolo, di un continente cattolico”, era desideroso di cercare la “responsabilità della fede per la situazione di questi uomini” ei concetti correlati “della responsabilità per la costruzione di questo mondo, della società, responsabilità per il futuro di questo mondo e speranza escatologica”, come dimensioni della interazione tra fede e mondo moderno.  Questa è la Chiesa in cui si situa Romero, e Francesco sembra provenire dallo stesso luogo e bere acqua dallo stesso pozzo.  
Romero apre la sua lettera dichiarando che le circostanze che lo hanno portato a dirigere l’Arcidiocesi di San Salvador costituiscono una provvidenziale opportunità per implementare e testare gli insegnamenti del Concilio.  Se dovessi cercare un aggettivo appropriato per descrivere questo momento della successione apostolica nella diocesi”—scrive Romero—”non esiterei a definirlo un ora pasquale”. L’arcidiocesi di San Salvador, Romero scrive, sta vivendo quello che il Cardinale Pironio aveva chiamato quando ha condotto gli Esercizi spirituali del Papa per la Settimana Santa dal 1974, “l’Ora di Gesù:” “Ora” —dice Romero citando Pironio—”della croce e della speranza, di opportunità e di rischi, di responsabilità e di impegno”. Romero aggiunge le sue stesse parole, “prima di tutto, un tempo per la preghiera e la contemplazione in modo da interpretare, secondo il cuore di Dio, i segni del nostro tempo.  Essi ci aiuterà a conoscere”—scrive—”come offrire il servizio che noi, come Chiesa, dobbiamo alle giuste aspirazioni dei nostri fratelli e sorelle”.  L’ora di Romero era davvero una prova del fuoco: era stato chiamato come alternativa conservatrice a condurre una arcidiocesi afflitta da una crescente tensione sociale e di conflitto Stato-Chiesa, aggravato, per l’assassinio di un sacerdote in poche settimane di la sua ascensione.
Il cardinale Óscar Andrés Rodríguez Maradiaga, recentemente nominato da Papa Francesco a indurre la Commissione a riformare la curia e governare la Chiesa mondiale, arriva anche dallo stesso ambiente latino-americano e ha incontrato Romero mentre era un giovane sacerdote nella sua terra natale di Honduras.  In questa lettera pastorale, “Romero scrive che la Chiesa nasce dalla Pasqua, vive della Pasqua, ed esiste per annunciare e rendere presente oggi la grazia della Pasqua”, dice Rodríguez Maradiaga.  Concentrare la Chiesa sulla Pasqua è una mossa geniale”, sostiene il cardinale, notando che i Vangeli sono scritti da una prospettiva simile.  Per dire di Pasqua”—dice il cardinale—”è quello di dire la speranza indefettibile, perché si basa sulla vittoria di Gesù sul peccato e sulla morte, su Satana e il suo regno del male”. Nella sua lettera, Romero conferma che, “Quando ho chiamato questo momento della nostra Arcidiocesi ‘Ora di Pasqua’, stavo pensando sulla sovrabbondante potenza della fede, speranza e amore che il Cristo risorto ...  ha suscitato in diversi settori della nostra Chiesa locale”, e aggiunge: “anche in settori e persone che non appartengono a, e neppure condividere la nostra fede pasquale” (Confronta Papa Francesco in «LUMEN FIDEI:» “Poiché la fede si configura come via, essa riguarda anche la vita degli uomini che, pur non credendo, desiderano credere e non cessano di cercare. Nella misura in cui si aprono all’amore con cuore sincero e si mettono in cammino con quella luce che riescono a cogliere, già vivono, senza saperlo, nella strada verso la fede”.)
In un passaggio chiave della sua lettera, Romero dichiara che: “La Chiesa non esiste per se stessa.  La sua ragion d’essere è la stessa di quella di Gesù: servizio di Dio per salvare il mondo” (Ancora, Papa Francesco nella sua enciclica: “Sì, la fede è un bene per tutti, è un bene comune, la sua luce non illumina solo l’interno della Chiesa, né serve unicamente a costruire una città eterna nell’aldilà; essa ci aiuta a edificare le nostre società, in modo che camminino verso un futuro di speranza”.) Sfidare entrambi credenti a impegnarsi per la Chiesa, e la Chiesa di impegnarsi con il mondo, Romero cita, ancora una volta, il cardinale Pironio, che aveva diagnosticato il problema di essere che “Noi cristiani hanno non ci siamo assimilato a Gesù Cristo”, concludendo che “Noi divorzio fede dalla vita”, per esempio, “ci accontentiamo di annunciare la fede o il celebrarla, liturgicamente, ma non mettiamo l’amore e la giustizia in pratica” (Cfr. Papa Benedetto XVI : “Si vede, in America Latina ma anche altrove, presso non pochi cattolici, una certa schizofrenia tra morale individuale e pubblica: personalmente, nella sfera individuale, sono cattolici, credenti, ma nella vita pubblica seguono altre strade che non corrispondono ai grandi valori del Vangelo, che sono necessari per la fondazione di una società giusta” e l’avvertimento di Papa Francesco contro i “cristiani rigidi”, che prestano attenzione alle formalità, come fecero gli scribi ei farisei, ma che possono rappresentare “i pelagiani di oggi” chi sono convinti che “la salvezza è nel modo in cui io faccio le cose”, anche se praticano una fede senza gioia o amore.)
Romero si estende una mano aperta a tutti: “Io rappresento una Chiesa che vuole sempre di dialogare con tutti gli uomini e le donne, in modo che lei possa trasmettere loro la verità e la grazia che Dio ha affidato a lei, in modo che lei possa per guidare il mondo secondo i suoi piani divini”.
E conclude con una preghiera alla Beata Vergine.  Facciamo appello alla Regina della Pace, patrona celeste del nostro popolo, per intercedere” a nostro nome—scrive.  Madre del Risorto protegga nostra Chiesa, sacramento della Pasqua.  Che la chiesa possa vivere, come Maria, questo felice equilibrio della Pasqua di Gesù, che deve essere il senso della vera salvezza degli uomini in Cristo di sentirsi già glorificati in cielo come l’immagine e la prima fioritura della vita futura e allo stesso tempo di essere, qui sulla terra, la luce per il pellegrinante popolo di Dio, come un segno di sicura speranza e di consolazione fino al giorno in cui ritorna il Signore”.
Vedi anche:
Post a Comment