Tuesday, July 16, 2013

SANDRO MAGISTER È SBAGLIATO ...

Un commentario del venerabile vaticanista Alessandro Magister (L'Espresso)  sostiene che Papa Francesco mette in campo tutta la forza della sua autorità persuasiva per il trattamento dei santi futuri della Chiesa. "Nelle beatificazioni e canonizzazioni il papa agisce da monarca assoluto", conclude Magister—e indica lo "sblocco" della beatificazione di Mons. Romero per il Papa, come un esempio calzante. Dubitiamo conclusioni di signor Magister solo per questa volta, almeno per quanto riguarda la sua affermazione che lo "sblocco" della causa di canonizzazione di Mons. Romero per Francesco è uno sforzo insolito di influenza papale.
Confutando la lettura del signor Magister che l'azione del Papa è insolita, si reduce a tre punti:
  • L’intervento papale sopra cause particolari non è fuori dal comune, come è evidente dalla storia della causa di Romero—che è dipesa dall'inizio delle preferenze papali;
  • Francesco non ha dato nessuna dispensa speciale per la causa di Mons. Romero: ha semplicemente messo la causa alla pari ad altre cause, rimovendo un "hold" eccezionale che ha impedito la sua evoluzione, e
  • Lo "sblocco" della causa di Romero era parte di un processo che era già in movimento e in cui l'intervento del Papa non era così drammatico come potrebbe essere visto.
In primo luogo, il coinvolgimento personale attivo del Papa in cause di canonizzazione particolare non è insolito. Infatti, il coinvolgimento papale in la causa di canonizzazione di Mons. Romero non è insolito. Si è par per il corso. Come il relatore per il processo di Romero, p. Daniel Ols, ha detto in un'intervista del 2003, "se il Santo Padre vuole per accelerare le cose, essi accelerano". Nel libro Fare Santi: come la Chiesa cattolica Determina che diventa un santo, che non lo fa, e perché (1996), Kenneth Woodward rivela il grado di coinvolgimento del Beato Papa Giovanni Paolo II nella istituzione del processo di canonizzazione di Mons. Romero. Woodard spiega come Giovanni Paolo credeva che Romero fu un martire, ma ha chiesto le autorità della Chiesa salvadoregna di aspettare di avviare il processo di canonizzazione fino a quando si potrebbe essere certi di un riscontro positivo. Woodard dice: "è evidente che Giovanni Paolo II aveva bloccato personalmente, per il momento, qualsiasi sforzo da parte dei funzionari della chiesa salvadoregna di introdurre un processo di canonizzazione di Mons. Romero". Woodard osserva che, "Un intervento papale diretto è molto insolito, ma non senza precedenti". Woodward, a 45 (enfasi mia). In realtà, la causa non è stata avviata fino a quando il Papa ha approvato il tempo: anche se la causa "non si è seduto bene in alcuni dicasteri vaticani ... Giovanni Paolo II, personalmente e nonostante questo, ha dato la sua approvazione". (Sobrino- mia enfasi). È evidente che Mons. Romero ha dipeso autorità papale fin dal principio.
In secondo luogo, con lo "sblocco" del processo di Romero, Papa Francesco non ha dato la causa di Romero alcun vantaggio particolare rispetto ad altre cause. Ha semplicemente assicurato che il contrario non era vero, ha garantito che processo di canonizzazione di Mons. Romero non saranno sottoposto ad ulteriori ritardi a causa di considerazioni politiche. Mons. Gregorio Rosa Chavez, vescovo ausiliare di San Salvador, dice che sa che Papa Francesco "è assolutamente convinto che Romero sia un santo e un martire" e che "tutto fa pensare che gli astri si stiano allineando per questa beatificazione," tuttavia "noi seguiamo i  tempi di Dio, che non sono uguali ai nostri".  L’ambasciatore di El Salvador presso la Santa Sede, Manuel Lopez, appartiene al Sovrano Ordine di Malta cattolica e ha anche commentato i prossimi passi. "Il postulatore presenterà la Positio alla Congregazione per le Cause dei Santi, che sarà analizzato in primo luogo da una commissione di teologi, e poi da una commissione di cardinali, e le due commissioni inoltrerà le loro raccomandazioni al Papa, che farà la determinazione finale", ha detto Lopez. In altre parole, il corso che seguirà il processo di Mons. Romero è il corso ordinario.
Infine—e il signor Magister riconosce candidamente questo fatto nella sua analisi—non è chiaro in che modo l’intervento del Papa Francesco 'è stato decisivo, gia che lo "sblocco" della causa potrebbe essere stato un atto puramente ministeriale, potrebbe essere stato avviato sotto Papa Benedetto, e che potrebbe seguire sviluppi indipendenti in ufficio di canonizzazione. Nel 2012 «La Stampa» ha analizzato che la burocrazia ha "un ruolo" per spiegare la mancanza di progressi e che una direttiva per rilanciare "il coordinamento richiesto nelle cause di beatificazione tra Congregazione per le cause dei santi e Congregazione per la dottrina della fede" potrebbe impostare la causa rimessa in movimento. Questo sembra essere quello che Francesco ha fatto. Inoltre, Mons. Rosa Chavez ha dichiarato che il Papa Benedetto XVI era stato attrezzando per fare lo stesso prima di ritirarsi. Infine, il postulatore della causa, Mons. Vincenzo Paglia, aveva parlato in un'intervista nel febbraio di quest'anno del suo piano per rilanciare la causa di beatificazione di Romero. «La Stampa» poi riferito che la strategia di Paglia ha aperto "un'autostrada" per la beatificazione di Mons. Romero. Papa Francesco ha semplicemente confermato questo.
Per tutti questi motivi, lo "sblocco" della causa di  Mons. Romero non è evidenza di mano pesante dal Pontefice, perche l’azione di Papa Francesco è in linea con precedenti storici in questi processi.

Poscritto:

Inoltre, signor Magister anche scrive che la causa ha stato bloccata "per l’influenza che sul vescovo Romero – e soprattutto sulla sua sterminata produzione omiletica – aveva esercitato il gesuita Jon Sobrino".  Ma, non è certo che Sobrino ha avuta questa influenza sulle omilie di Mons. Romero.  Sobrino ha aiutato a scrivere una lettera pastorale e uno discorso di Romero, ma le omelie di Romero hanno stato scritti per il stesso arcivescovo dopo di consultare con un piccolo gruppo di consiglieri, a cui Sobrino non ha appartenuto.
Post a Comment