Friday, June 12, 2015

'Chi dicono che io sia?': il decreto di Romero


 
BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015
 

Il Cardinale Amato regge il decreto di beatificazione.
 
Duane WH Arnold, PhD (“The Project”) 

Nel bel mezzo di una straordinaria serie di eventi che circondano la beatificazione di Monsignor Oscar Romero, un momento singolareinfatti, il momento singolare della cerimoniasi è svolto con relativamente poco parere nel suo significato. Questo è, la lettura della propia Lettera Apostolica per la Beatificazione. Molto è stato detto dell’alone solare che è apparso sopra le teste di quelli raccolti per la celebrazione, al momento della lettura del decreto, ma poco è stato detto delle parole del decreto stesso.
Oscar Arnulfo Romero Galdamez, vescovo e martire,
Pastore secondo il cuore di Cristo,
Evangelizzatore e padre dei poveri,
Eroico testimone del Regno di Dio,
Regno di giustizia, di fraternità e di pace,
D’ora in poi sarà chiamato Beato ... [TESTO COMPLETO] 

Un amico stava ascoltando la trasmissione televisiva italiana della cerimonia [VIDEO], e ha sentito una commentatore notare che il linguaggio del decreto era molto “poetico”. Pensando a questo, ho cominciato a chiedermi, era questo dalle mani del stesso Papa Francesco, o era l’opera di monsignor Paolo Luca Braida, che coordina molte delle dichiarazioni scritte del Papa? Con ogni probabilità, non lo sapremo mai con certezza e forse non ha nessuna conseguenza. Poi ho ricordato, tuttavia, che il difensore di Romero in El Salvador per lungo tempo, p. Jon Sobrino, SI, direttore del Romero Center sul campus della UCA, a San Salvador, ha scritto una volta che la chiave per la beatificazione di Romero sarebbe trovata nel modo in cui la beatificazione venga descritta nella Lettera Apostolica. Questo mi ha causato a rivedere il documento che è, infatti, il oggetto centrale della beatificazione di monsignor Romero.
Ora, siamo chiari, una Lettera Apostolica di Beatificazione non viene al livello di un decreto infallibile. È piuttosto un atto che concede l’autorizzazione del Sommo Pontefice per rendere onore pubblico a colui che sia beatificato in alcune parti della Chiesa fino alla canonizzazione, a quel punto, se raggiunto, la concessione di tale onore diventa un precetto per tutta la Chiesa. Ciò nonostante, la Lettera Apostolica di beatificazione porta in sé la frase, “in virtù della nostra autorità apostolica”. Inoltre, la persona beatificata viene descritta nel nome del pontefice regnante e il documento porta il sigillo del anello del Pescatore. Inoltre, ogni lettera di Beatificazione è sottilmente diversa, portando con sé una descrizione non solo dalla persona, ma, forse ancora più importante, l’atteggiamento del Papa nei confronti di quella persona e alla sua identità.
Nel caso di Romero, la questione dell’identità è sempre stata centrale e, a volte, problematica. Qualcuno potrebbe anche dire che la questione dell’identità è stato, letteralmente, il principale ostacolo per la sua beatificazione. Chi era Oscar Arnulfo Romero Galdámez? Era la voce della “sinistra” negli anni precedenti la guerra civile in El Salvador? Era una “nuova voce” della teologia della liberazione? Forse era solo un funzionario della Chiesa, coinvolto in un ciclo di eventi indipendenti dalla sua volontà. Troviamo echi della domanda di Cristo: “Chi dice la gente che io sia?” (Marco 8, 27.) È la mia opinione che la Lettera Apostolica per la beatificazione di Romero risolve la questione dell’identità in materia di Romero, una volta e per sempre, e forse anche ancora più importante, ci dice qualcosa della visione di Papa Francesco per la Chiesa nel secolo XXI.
Nella lettera citata troviamo quello che potremmo chiamare il “Prologo”—indica la natura locale del culto, la richiesta dell’arcivescovo Alas di San Salvador e la certezza addetto che la Congregazione dei Santi è stato consultata nel processo.  Abbiamo 30 anni compressi in poche frasi brevi. Il nome di Romero viene poi dato in pieno, seguito da due titoli, che devono essere familiari a coloro che seguono i giorni dei santi nel calendario della Chiesa. I titoli sono quelli di “Vescovo e Martire”. Qui, il primo numero di identità in materia di Romero è risolto, una volta per tutte. In primo luogo, si tratta di un vescovo, cioè, è un uomo di Chiesa. Non è un rivoluzionario o un politico; lui non è un leader della “sinistra” o “destra” o del “centro”; è un vescovo, un pastore del popolo di Dio. In secondo luogo, è un martire. Cioè, non è morto rappresentando una causa politica, ma in odium fidei. Questo è esplicito. Oscar Romero è morto in odio alla fede e come uno che ha rappresentato e incarnato la fede in la sua pienezza. Come tale, egli è, secondo le parole di san Giovanni Paolo II, “il nostro martire”.
Incredibilmente, questa identificazione come “il nostro martire” viene rafforzata ed ampliata su nelle prossime righe del testo che danno titoli descrittivi unici e inaspettati a Romero. Era un “Pastore secondo il cuore di Cristo”, qui riferendosi a Giovanni 10:11 in cui Cristo dice: “Io sono il buon pastore: il buon pastore dà la sua vita per le pecore”. A mio parere, questo porta la questione del martirio di Romero a un altro livello, quello in cui muore non solo per odio alla fede, ma ad imitazione di Cristo stesso, proteggendo quelli che ha sotto la sua carica—proteggendoli nel denunciare l’uccisione di sacerdoti, religiosi e laici; proteggendoli nel denunciare la repressione da parte dei militari; proteggendoli nel chiedere la giustizia e la pace.
Questo riceve ancora maggiore enfasi nella prossima fase in cui Romero è chiamato “Evangelizzatore e padre dei poveri”. Sicuramente questo si riferisce alla proclamazione di Cristo nella sinagoga: “Lo Spirito del Signore è sopra di me, perché mi ha unto per annunciare una buona notizia (euangelion) ai poveri. Mi ha mandato a proclamare la liberazione degli schiavi e il recupero della vista ai ciechi, per rimettere in libertà gli oppressi ...” (Luca 4:18).  Ancora una volta, una imitazione di Cristo e, potremmo notare un sottile riconoscimento per un testo classico di la Teologia della Liberazione, ma mantenuto entro i confini del martirio di Romero come un “uomo di Chiesa”. Inoltre, è una risposta a coloro che potrebbero considerare Romero un “demagogo politico” a causa dei temi della giustizia sociale nelle sue dichiarazioni. La risposta è semplicemente questo: Romero stava seguendo l’esempio di Cristo.
Eppure, se tutte queste descrizioni e titoli hanno lo scopo di mettere Romero nettamente nel contesto della Chiesa, la parte restante della lettera sembra indicare chi era Romero, perché è morto, e, credo io, come Papa Francesco vede la stessa natura della Chiesa. Romero è descritto nelle parole della Lettera Apostolica come un “Eroico Testimone del Regno di Dio”—non una vittima della lotta tra “sinistra” e “destra”, non come un assassinio quasi – politico, ma in qualità di testimone (qui il termine legale testis è usato) di una terza via: quella terza via è “il regno di Dio”, che si rivela nella vita della Chiesa. Come si rivela? Si rivela come un “Regno di Giustizia, di Fraternità e di Pace”.
Sono queste espressioni semplicemente poetiche? Forse ... Ma si potrebbe anche credere che questa è la visione di Papa Francesco per la Chiesa? Una “Chiesa che è povera e per i poveri”. O, ancora, “dove non c’è pietà, non c’è giustizia”. Queste sono parole di Papa Francesco, ma a quanto pare, e in effetti potremmo credere che questa visione della Chiesa è stato esemplificata dal Beato Oscar Romero di El Salvador nella sua vita e nella sua morte e che ciò è stato ormai riconosciuto nella sua beatificazione.
Papa Francesco e l'immagine del Beato Romero, 7 giugno 2015.

POSTFAZIONE
Carlos X. / Super Martyrio 

La domanda di Duane (se le espressioni presenti nella Lettera Apostolica per la beatificazione di Mons. Romero riflettono la visione di Papa Francesco per la Chiesa), può essere ulteriormente illuminata dalla loro inclusione in diversi documenti ecclesiali di Papa Francesco.
La maggior parte degli osservatori concordano sul fatto che la scrittura pre-pontificia più importante da Papa Francesco ha stato il documento finale prodotto dai Vescovi latinoamericani nella riunione decennale in Aparecida, Brasile—il Card. Jorge Mario Bergoglio è stato il suo estensore principale. Nel Documento di Aparecida, i vescovi latino-americani dicono: “Come successori degli apostoli ... noi vescovi abbiamo accettato con fede e speranza la chiamata a servire il popolo di Dio, secondo il cuore di Cristo, Buon Pastore.” Aparecida, 186. Il Documento di Aparecida continua dicendo, “Non possiamo dimenticare che il vescovo è ... testimonianza di speranza e padre dei fedeli, specialmente dei poveri.” Ibid, 189. Nel documento di lavoro che ha preceduto il documento finale, i vescovi latino americani avevano deciso, che “Consapevoli del suo titolo come Padre e difensore dei poveri, il Vescovo ha il dovere di ispirare opere di carità verso i poveri con il suo esempio e le sue opere di misericordia e giustizia, attraverso atti individuali, nonché attraverso un un’ampia varietà di programmi di solidarietà.” Propositiones, 141.
Nella sua Esortazione Evangelii Gaudium (2013), ampiamente considerata come la cianografia per il suo pontificato, Papa Francesco mette in evidenza il ruolo del vescovo come evangelizzatore: “Il Vescovo deve sempre favorire la comunione missionaria nella sua Chiesa diocesana perseguendo l’ideale delle prime comunità cristiane, nelle quali i credenti avevano un cuore solo e un’anima sola (cfr At 4,32). Perciò, a volte si porrà davanti per indicare la strada e sostenere la speranza del popolo, altre volte starà semplicemente in mezzo a tutti con la sua vicinanza semplice e misericordiosa, e in alcune circostanze dovrà camminare dietro al popolo, per aiutare coloro che sono rimasti indietro e – soprattutto – perché il gregge stesso possiede un suo olfatto per individuare nuove strade”. EG, 31.
Un altro documento che il card. Bergoglio ha contribuito a scrivere dietro le quinte è meno noto, ma probabilmente ancor più rilevante per definire un vescovo modello: l’esortazione post-sinodale Pastores Gregis (2003) di san Giovanni Paolo II. Card. Bergoglio non solo ha contribuito alla redazione, ma era l’ufficiale presente alla conferenza stampa del Vaticano per introdurre il documento. Tale documento dichiara che, “Come la santa Chiesa che nel mondo è sacramento dell’intima unione con Dio e dell’unità di tutto il genere umano, anche il Vescovo è difensore e padre dei poveri, è sollecito della giustizia e dei diritti umani, è portatore di speranza”. PG 67. Pastores Gregis dichiara anche che essere un pastore secondo il cuore di Cristo, significa non solo dare la vita per il gregge, ma anche essere collegiale e con i piedi sulla terra: “il Vescovo governa col cuore del servo umile e del pastore affettuoso, che guida il suo gregge, cercando la gloria di Dio e la salvezza delle anime. Vissuta così, quella del Vescovo è davvero una forma di governo unica al mondo.” PG 43.
Infine, la caratterizzazione di Romero come un “Eroico Testimone del Regno di Dio” è un riferimento alle norme per la santità indicati da Giovanni Paolo II nel Divinus Perfectionis Magister, la riforma 1983 della Congregazione per le Cause dei Santi. Nell’introduzione, il Pontefice santificato aveva detto: “in ogni tempo c’è un gran numero di questi che, seguendo più da vicino l’esempio di Cristo, offrano una gloriosa testimonianza del Regno dei cieli con lo spargimento del sangue o con l’esercizio eroico delle virtù.”
In sintesi, queste fonti indicano che le descrizioni nel decreto apostolico di Papa Francesco non erano casualità, ma la terminologia deliberata destinata a dimostrare che il Beato Romero compie la descrizione idealizzata di un vescovo esemplare.

Nella festa del Sacro Cuore.

Post a Comment