Monday, June 08, 2015

La connessione Maltese



Questo mese, staremo esaminando libri che ci aiutano a capire il Beato Oscar Romero, il suo ministero e la sua recente beatificazione.  Il titolo che esaminiamo oggi ci aiuta a comprendere la portata globale della figura di Romero, dato che consideriamo il primo libro su Beato Romero per un’intera (anche se piccola) nazione.  Qatlu lill-Arċisqof Il-ġrajja vera ta' Oscar Romero” (Hanno ucciso l'arcivescovo — La vera storia di Oscar Romero) di Robert Aloisio è il primo libro su Beato Romero in lingua maltese.  Malta, 2015 (460 pagine).
In molti aspetti, un libro maltese su Romero è lo stesso di un libro su Romero in qualsiasi altra parte del mondo.  Quindi, questo libro postula che Romero è una delle figure più importanti nella storia del cristianesimo del 20 ° secolo, un vero santo, che non appartiene a sinistra oa destra, e che era un uomo di chiesa.  Però, il primo libro maltese su Romero deve sottolineare la sola connessione maltese coinvolti nella storia Romero.  In un capitolo intitolato “Il Nunzio Maltese”, il libro fornisce una visione unica maltese sul rapporto travagliato tra il Beato Romero e l’Arcivescovo Emanuele Gerada, che è stato il Nunzio a El Salvador durante il decennio degli anni 1970. 

Nato a Malta nel 1920 lo stesso giorno, mese e anno, come san Giovanni Paolo II, ci dice l’autore Aloisio Nunzio Gerada è diventato un personaggio oscuro in alcune narrazioni semplicistiche della vita di Romero.  Nel racconto di Aloisio, Gerada diventa tridimensionale e, di riflesso, così anche Romero e il suo tempo.
Beato Romero e Nunzio Gerada.
Aloisio racconta la storia familiare di come Gerada era originariamente un alleato di Romero infatti, lo ha spinto al’arcivescovado nel 1977, quando chierici progressisti preferivano un altro candidato, mons. Arturo Rivera Damas, l’ausiliare.  In un punto sottolineato durante la recente cerimonia di beatificazione, Romero ha subito un cambiamento pastorale dopo l'assassinio del suo amico, P. Rutilio Grande, nei giorni successivi alla nomina di Romero come Arcivescovo.  Forse inconsapevolmente, Gerada è diventato il portavoce delle istituzioni conservatrici avvertendo Romero di esercitare prudenza nel momento in cui ha optato per un corso che ha scioccato la mentalità conformista del tempo. 

Come San Tommaso Becket e Re Enrico II d’Inghilterra, Romero e Gerada hanno visto la loro amicizia messa alla prova dalla storia.  Il processo è stato doloroso, soprattutto per Romero.  Dopo aver ricevuto il sostegno di Giovanni Paolo II, Romero allungò la mano per Gerada, chiedendo che la loro amicizia sia tornata alla cordialità degli anni precedenti.  Dopo l'assassinio di Romero, Gerada ha testimoniato nel processo di canonizzazione, dichiarando che Romero morì per la fede.
Ci sono alcuni altri nuovi dettagli nel libro, che non erano stati pubblicamente divulgati.  Aloisio riguarda un incontro tra Romero e un giovane Lorenzo Baldisseri.  I vaticanisti riconosceranno Baldisseri come l’attuale Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi, che è stato criticato dai conservatori per la sua gestione del Sinodo.  Nel 1977, l'arcivescovo Romero, di 60 anni, ha dovuto sopportare un grave rimprovero da parte del monsignore, 37enne, assegnato alla nunziatura di San Salvador.  Baldisseri rimproverato Romero come uno scolaretto di cattiva condotta, per l'intenzione di Romero di celebrare una “Messa Unica” dopo l'assassinio di Rutilio Grande.  Dopo sofferto lo sfogo in silenzio, Romero avrebbe detto, “Vi prego di comunicare al Nunzio che ci sarà una messa unica. Questa è la decisione di praticamente tutto il clero, ed è anche la mia decisione”.
Aloisio non ha scritto il libro, il suo primo, solo per documentare il collegamento maltese nella storia di Romero.  Il giovane catechista ha detto Super Martyrio che voleva presentare la chiesa maltese con un modello di un vero cristiano da emulare.  Secondo Aloisio, Romero ci ricorda che i diritti umani non siano violati solo da dittatori e in tempo di guerra, ma anche nelle democrazie in cui prevalgono la corruzione, favoritismi, l'ingiustizia e la mancanza di consapevolezza sociale.

Post a Comment