Monday, June 15, 2015

Il “Laudato Sì” del Beato Romero


 
BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015
 

 



Nella sua recente lettera congratulando El Salvador per la beatificazione del suo arcivescovo martire Mons. Oscar A. Romero, Papa Francesco ha parlato della bellezza naturale di El Salvador, che ha descritto come “questo bel paese centroamericano, bagnato dall’Oceano Pacifico.” La comparsa di un alone solare alla cerimonia sembrava accentuare la bellezza naturale di una beatificazione che ha preso un vulcano per il suo sfondo. Nella teologia della creazione, l’alleanza tra Dio e Noè dopo il diluvio è stato rappresentato da un alone o arcobaleno. “Il patto dell’arcobaleno,” predicò il Beato Romero 11 marzo 1979, “è un patto in cui Dio dona all’umanità tutto che ora, a causa del diluvio, viene purificato dal peccato. Pertanto, questo patto richiede la gente a rispettare la natura”.

Tra la sua denuncia sociale, il Beato Romero ha incluso una denuncia ambientale: “sono contaminati l’aria, l’acque, tutto cio che tochiamo e l’ambiente in cui viviamo.” Monsignor Romero concretizzati i suoi avvertimenti ecologici con ammonimenti dettagliate: “Abbattere un albero, sprecare l’acqua, quando è così scarsa, non stare attenti ai tubi di scappamento degli autobus, avvelenando il nostro ambiente con quei fumi mefitici, non badare a dove si bruciano le immondizie: tutto ciò è parte dell’alleanza con Dio.”

Il Beato Romero, come San Francesco d’Assisi e il papa che ha preso il suo nome, ha sollevato anche un canto di lode a Dio per le meraviglie del creato nel piccolo paradiso tropicale della sua patria: “Che bei boschi di caffè, campi di canna da zucchero e di cotone tanto belle, che belle coltiva, e terre che Dio ci ha dato! La natura è così bella!,” Romero esclamò nella sua omelia l’11 dicembre 1977.

E ha detto il 25 dicembre di quell’anno che “nella bellezza delle cose, nel loro ordine, la loro grandezza, la bellezza di tutta la creazione, ci sentiamo l’impronta di Dio, la sua parola, la sua eco.” La grandezza della natura è l’umiltà di l’umanità quando sottolinea il nostro posto davanti a Dio:

Quando si guarda al momento della creazione, quando si vede il mantenimento della natura, in modo equilibrato e meraviglioso, e anche quando si sente lo scuotimento di terremoti o le fiamme di incendi o il potere della bellezza di uragani, la creazione e la maestosità dei fenomeni che l’uomo può solo ammirare ma non può controllare, come la tempesta che Pietro ha sperimentato sul lago di Genesaret: quanto piccoli gli esseri umani appaiono davanti queste manifestazioni della creazione di Dio, e della onnipotenza del Creatore. Sono testimoni durevoli di Dio. Ogni volta che apriamo gli occhi e le orecchie per catturare il mormorio della creazione, Dio ci parla lì.

(Omelia, 13 agosto 1978) Tuttavia, Romero non indugia in uno stato di soggezione irrilevante. Egli riconosce subito che la bellezza della natura è ipotecata per così dire dalla realtà del peccato sociale. Ad esempio, nella già citata omelia del 11 dicembre 1977 ci dice, dopo aver lodato la creazione: “Ma la vediamo gemere sotto l’oppressione, sotto la malvagità, sotto l’ingiustizia, sotto gli abusi, e la Chiesa sperimenta la sua sofferenza. La natura cerca una liberazione che non sarà semplice benessere materiale ma un atto della potenza di Dio. Dio libererà la natura dalle mani umane peccatori, e insieme con i redenti la natura canterà un inno di gioia a Dio liberatore.”

Riconoscendo le ombre che oscurano un paradiso terrestre, Romero non lascia che la sua cantilena divente una marcia funebre, piena di terrore, ma un inno di speranza, preferendo cantare alla terra illuminata dalla Parola di Dio: “Mi sembra che mai prima è stato più bello di oggi la nazione quando è immersa nella luce del sole del trasfigurato—già che a seguito della Trasfigurazione il volto di Cristo diventa come il sole”, ha predicato il 6 agosto, 1978, nella festa patronale della Trasfigurazione. “Il peccato dell’uomo ha preso la natura alla schiavitù, l’egoismo e le passioni, ma in Cristo, troviamo la speranza di restauro. In effetti, la ... speranza della nostra ristorazione ci permette di vedere come mai prima le meraviglie dei nostri vulcani, laghi, fiumi, pianure e mari”, ha aggiunto, perché “tutti gli uomini e le donne, a cui la natura inanimata è intimamente legata e unita, desiderano e attendono la salvezza in Cristo.”

Trent’anni prima che Papa Benedetto XVI ha denunciato le disuguaglianze ecologiche e l’esistenza di “profughi ambientali” nei suoi messaggi per i XL e XLIII Giornata Mondiale della Pace di, il Beato Romero rimproverò le condizioni precarie della vita dei poveri, che li lascia particolarmente vulnerabili alle calamità ambientali , talvolta citando statistiche relative all’accesso all’acqua e all’energia. Dopo che tempeste hanno lasciato numerose vittime in El Salvador, monsignor Romero inveì nella sua omelia del 9 settembre 1979: “Fratelli e sorelle, tutte queste persone sono vittime non solo del maltempo, ma anche purtroppo la situazione che riflette il nostro povero modo di vivere.” Citando la descrizione delle condizioni abitative misere, il Beato Romero protestò che “Una casa come questa non è degna del nome di una casa. Ma questo è il modo in che migliaia e migliaia di persone vivono.” Ha accusato che la situazione ha violato la legge di non esclusione dettata dal vangelo.

Altre volte, il Beato Romero ha ammonito contro la mancanza di giustizia nella distribuzione della terra e la necessità di una riforma agraria. Ha annunciato che “la terra è strettamente legata alle benedizioni e promesse di Dio” e ha avvertito nella sua omelia del 16 marzo 1980 che “Non ci sarà una vera riconciliazione tra i nostri popoli e Dio fino a quando non vi è la distribuzione giusta, mentre i beni della terra di El Salvador non costituiscono prestazioni per portare la felicità a tutti i salvadoregni”. Altre volte, come il 4 giugno 1978, ha premuto per l’accesso all’acqua per i poveri: “Noi vediamo in molti luoghi di San Salvador, non solo nelle aree del nostro campesinos, che le persone trascorrono molto tempo ed esercitano grande sforzo nella ricerca del’acqua e per portare questo prezioso liquido nelle loro case in vasi e barili.”

Come ha fatto rispetto ad altre sue denunce, il Beato Romero ha evidenziato le fonti teologiche della sua predicazione ambientale. Parlando di acqua, ha osservato il 26 febbraio 1978 che “L’acqua che le nostre bocche desiderano bere con tanta sete ha un linguaggio unico,” e indicò il nostro “desiderio di scoprire quel acqua che zampilla per la vita eterna”. Proprio come gli impegni ambientali ci portano ad approfondire la nostra fedeltà a Dio, così il nostro rapporto con Dio esige prenderci cura del creato. Il 11 marzo 1979, il Beato Romero chiedeva: “Cari fratelli e sorelle in El Salvador, cerchiamo di non continuare a uccidere e peggiorare le cose della natura creata, ma cerchiamo di dare un significato religioso per il nostro rapporto con il cosmo. Il nostro impegno per Dio esige la nostra collaborazione”.

Contemplando la bellezza della natura e lo splendore del paesaggio salvadoregno”, disse Cardinale Amato nella omelia per la beatificazione, “l'arcivescovo soleva dire che il cielo deve iniziare qui sulla terra”.  Il “Laudato Sì” del Beato Romero ha incluso lode per le meraviglie del creato come prova della grandezza di Dio creatore, e del nostro obbligo di essere custodi della terra, e anche come una visione di speranza risplendente per la nostra salvezza.

Post a Comment