Monday, November 14, 2016

Il Beato Romero e un nuovo governo



ANNO GIUBILARE per il CENTENARIO del BEATO ROMERO, 2016 — 2017

Il Beato Romero e il Presidente Molina

Ora che i vescovi residenti negli Stati Uniti si riuniscono nella loro Assemblea Plenaria e continuano a calibrare la loro posizione davanta la elezione del Presidente Trump, potrebbero prendere in considerazione la dichiarazione rilasciata dal beato Oscar Romero sulla creazione di una "giunta" di governo per El Salvador nell’ottobre 1979.
Estremamente impopolare con la sinistra, la Giunta è salito al potere promettendo di moderare gli eccessi delle dittature che hanno governato il paese. La posizione di Romero ha dimostrato la sua credibilità morale e la sua autonomia profetica.
In primo luogo, Romero ha sofferto il rimprovero amaro della sinistra quando ha dato la "giunta" la sua garanzia condizionale di cooperazione e di auguri.
Tuttavia, Romero in ultima analisi ha tentato l’ira della destra—che lo ha portato al suo assassinio—quando ha messo i piedi della giunta al fuoco, esattamente come aveva allertato in questa dichiarazione, e ha denunciato il tradimento della giunta delle promesse che hanno fatto quando hanno assunto il potere.
Nel fare la dichiarazione, Romero ci dice, sta mettendo Dio al primo posto.
~~~

APPELLO PASTORALE ALLA NUOVA SITUAZIONE NEL PAESE
Beato Oscar A. Romero
16 ottobre 1979


Da ieri El Salvador è entrato in una nuova e delicata congiuntura della sua storia: una rivolta militare rovesciò il governo del generale Carlos Humberto Romero.

La nostra Chiesa, che fra la sua identità e la richiesta evangelica, si è impegnata ad accompagnare il popolo in tutte le sue vicissitudini, sente la responsabilità di dire la sua prima parola in questa nuova situazione. Questa non è una parola politica, ma una riflessione alla luce della nostra fede cristiana. Quindi, prima di tutto, si eleva a Dio come una preghiera e da lì prende la luce e l’energia per guidare il popolo e interpretare, con il nuovo governo, le giuste aspirazioni di liberazione dei salvadoregni (cfr G. S. 42).

¡Primero Dios!” (“In primo luogo Dio!”)

Questa espressione tipicamente salvadoregna scaturisce dal profondo senso religioso che la Chiesa nutre nell’anima del nostro popolo. Questa è la nostra prima parola e il nostro primo atteggiamento.

Alziamo la nostra preghiera al Signore della storia, perché “se il Signore non costruisce la casa, nei lavoratori stanchi vane. Se egli non si preoccupa della città, le sue sentinelle guardia invano” (Salmo 127).

La nostra preghiera è anche grazie a Dio perché, secondo le informazioni a nostra disposizione, lo spargimento di sangue è stato evitato in questo evento.

La nostra preghiera è anche un’offerta al Signore di tutta la sofferenza e il dolore del nostro popolo, il cui sangue ha intriso il nostro suolo. Sia questo prezzo costoso sufficiente per Dio di darci un futuro di giustizia e pace autentiche.

Infine, la nostra preghiera al Signore diventa una preghiera di espiazione e di invito alla conversione, perché l’odio e la vendetta non può mai essere la strada da vera liberazione. Il percorso che conduce al benessere autentico sorpassa dalla giustizia e l’amore.

Al popolo

Dopo rivolgersi a Dio, la nostra parola—che è parola di pastore—si rivolge al popolo come una chiamata alla razionalità e una promessa di servizio.

Sappiamo che la pazienza del nostro sofferente popolo viene scaricata e temiamo che l’aspettativa creata dalla insurrezione militare può risolversi in impazienza pericolosa o degenerare in nuove violenze. Tanto più, perché tanti martiri ed eroi hanno già uscire da questo popolo, che sono la drammatica testimonianza di questi ultimi anni di incubo.

Tuttavia, nell’ora decisiva che stiamo vivendo, esortiamo il nostro popolo alla prudenza, perché è prudente guardare e aspettare prima di giudicare e di agire. Un atteggiamento impaziente e violento sarebbe colpevole e ingiusto come l’oppressione e la repressione in cui il nostro povero paese è stato sommerso.

Il nostro appello si rivolge anche ai responsabili del malessere e la violenza perché ingiustamente difendono i loro interessi e privilegi economici, sociali e politici. Ricordiamo che la giustizia e la voce dei poveri devono essere ascoltati da loro come lo stesso motivo del Signore chi chiama alla conversione e che sarà il giudice di tutti gli uomini.

A coloro che militano nei partiti o organizzazioni politiche popolari vi invitiamo a dimostrare vera maturità politica, flessibilità e dialogo. Solo in questo modo potrà il popolo essere sicuro che davvero si ispirano dal vero bene del Paese. Il fanatismo e l’idolatria del proprio partito o organizzazione sarebbe, oggi più che mai, un peccato grave contro il bene comune. La crisi che sta minacciando di sopraffare il paese non può essere risoluta da un singolo gruppo. Deve essere il lavoro di tutti. Tutto il popolo deve, quindi, costruire la “piattaforma comune” della sua propria giustizia come base della sua fraternità.

Il nostro messaggio non è solo una chiamata alla razionalità, ma anche una promessa: la Chiesa si impegna ancora una volta a continuare a fornire il suo servizio disinteressato per il popolo. La nuova situazione del paese non cambia nulla questa volontà di servizio. È stato questo sincero desiderio di servire e difendere le persone che hanno portato la Chiesa ad entrare in conflitto con il governo precedente. Pertanto, questo conflitto può essere risolto solo quando abbiamo un governo che è anche un servitore del popolo.

Al nuovo governo

La nostra parola si rivolge, infine, al nuovo governo emerso dal insurrezione militare che rovesciò il regime precedente. Abbiamo studiato con attenzione i messaggi che esprimono il pensiero ufficiale del nuovo governo. In questi, riconosciamola buona volontà, chiarezza di idee e una chiara consapevolezza della propria responsabilità.

Tuttavia, vogliamo mettere in chiaro che questo governo può meritare la fiducia e la collaborazione delle persone, solo quando può dimostrare che le belle promesse contenute nel Proclama rilasciata questa mattina non sono lettera morta, ma una vera speranza che una nuova era è cominciata per il nostro Paese.

Per la nostra parte—nella nostra qualità di pastore della Chiesa—siamo disposti al dialogo e alla cooperazione con il nuovo governo. Basta mettere una condizione: che i due—governo e Chiesa—siano consapevoli che la nostra ragion d’essere è quello di servire il popolo, ognuno dalla propria competenza (cfr G. S. 76).

Questa è la nostra prima parola sul difficile percorso che inizia oggi e speriamo, con l’aiuto di Dio, continuare ad illuminare la strada dal Vangelo di Cristo. Guidi il Divin Salvatore i passi di tutti gli uomini di buona volontà che lavorano per la costruzione della giustizia e della pace nel nostro Paese.

Post a Comment