Tuesday, November 01, 2016

Romero e «l’Ecumenismo del Sangue»



ANNO GIUBILARE per il CENTENARIO del BEATO ROMERO, 2016 — 2017

Alla vigilia del suo viaggio storico in Svezia per partecipare alla commemorazione ecumenica del 500 ° anniversario della riforma di Martin Lutero, il Papa Francesco ha parlato del “ecumenismo del sangue”—la espressione dell’unità dei cristiani che emerge dalla loro persecuzione congiunta. “Vedi”, ha detto il Pontefice alla rivista gesuita Civiltà Cattolica, “nell’unità quello che non sbaglia mai è il nemico, il demonio. Quando i cristiani sono perseguitati e uccisi, lo sono perché sono cristiani e non perché sono luterani, calvinisti, anglicani, cattolici o ortodossi. Esiste un ecumenismo del sangue”.
Durante la cerimonia nella cattedrale luterana di Lund, ha stato portata una croce disegnata dal salvadoregno Christian Chavarria che è stato scelta come emblema dell’incontro. È molto opportuno che una “croce salvadoregna” è il simbolo, già che El Salvador è stato uno dei luoghi dove il “ecumenismo del sangue” è stato evidenziato. È già noto che ci sono stati molti martiri cattolici, come il Beato Oscar Romero e il Servo di Dio Rutilio Grande in El Salvador. Ma molti martiri cristiani protestanti hanno anche versato il loro sangue nella terra del Beato Romero. Ci sono martiri come:
  • Jürg Weis, teologo evangelico, coordinatore della segreteria nazionale svizzera dei comitati di solidarietà con l’America centrale, ucciso il 22 agosto 1988.
  • Christopher Williams, pastore evangelico, ucciso il 7 agosto 1985.
  • Cesar Umberto Lopez, capo della Chiesa Battista Emmanuel, presidente della fraternità ecumenica per la pace, Frater Paz, ucciso a San Salvador il 17 aprile 1998.
  • Maria Cristina Gomez, della Chiesa Battista, assassinata il 15 aprile 1989.
  • Maria Magdalena Enriquez, battista, addetto stampa della Commissione dei Diritti Umani di El Salvador, uccisa il 3 ottobre 1980.
  • Ernesto Fernandez Espino, pastore della Chiesa luterana, ucciso il 10 gennaio 1985.
  • David Fernandez, ministro della Chiesa luterana, e pastore della comunità povere nella parte orientale di El Salvador, ucciso il 1 ° novembre 1984.
  • Policiano Albeno Lopez, pastore protestante, e Raul Albeno Martinez, uccisi il 10 novembre 1980.
Questo elenco non è esaustivo. Ma celebrando il 500 ° anniversario di Martin Lutero e il 100 ° anniversario del Beato Romero, è bene ricordare questi testimoni del “ecumenismo del sangue”.
Post a Comment