Tuesday, September 23, 2014

Dimostrando il martirio di Mons. Romero




Parlando al 65 ° Religion Newswriters Association Conference, Todd Johnson ha citato il caso di monsignor Oscar A. Romero di El Salvador per illustrare la difficoltà di contare il numero di martiri cristiani. Johnson è un esperto di demografia religiosa da Gordon-Conwell Theological Seminary. Johnson ha osservato che Mons. Romero è visto come martire, ma la motivazione per la sua uccisione è contestata. Nel valutare se un particolare morte è un martirio, ha osservato, i motivi delle assassini sono la considerazione critica. Così, Johnson ha concluso, per valutare il martirio, si deve di prima risolvere definitivamente le relative controversie.

Forse a differenza del professore, io vedo modi per eludere le polemiche e stabilire con certezza che Mons. Romero morì martire della Chiesa con qualsiasi dei tre modelli di martirio. I primi due percorsi verso il martirio per Óscar Romero sono paradigmi che sono stati spesso utilizzati per risolvere casi dubbi; mentre il terzo è una applicazione diretta della norma giuridica tradizionalmente usata dalla Chiesa per stabilire il martirio. Tutti e tre portano alla stessa conclusione e, se seguite il mio ragionamento, penso che sarete d’accordo che non c’è davvero alcun dubbio del martirio di Romero.

In primo luogo, Óscar Romero è un “martire della carità.” Papa Francesco apparve ad approvare questo percorso alternativo al martirio nel mese di agosto, quando ha detto che il martirio include essere ucciso “per aver fatto le opere che Gesù ci comanda, con il prossimo.” San Lorenzo (c. 225-258) è il primo esempio. La leggenda dice che, di fronte la confisca della ricchezza della Chiesa, da parte delle autorità romane, li distribuì ai poveri per evitare il sequestro da parte di Roma. Poi, quando gli fu ordinato di consegnare i tesori della Chiesa, ha presentato i poveri e ha detto che queste erano le veri tesori della Chiesa. Un altro esempio, da tempi moderni, è San Massimiliano Kolbe (1894-1941), che si offrì di prendere il posto di un evaso del campo di concentramento che stava per essere messo a morte. Come San Lorenzo, Romero ha dimostrato una sorprendente sollecitudine evangelica per i poveri, e fonda la sua azione ‘provocatoria’ su quella preoccupazione. Come San Massimiliano, Romero si è messo in pericolo accettando di prendere il posto di quelli già in pericolo: “Vi prego di credermi, fratelli e sorelle, chiunque commessi ai poveri devono subire la stessa sorte dei poveri”, ha detto. “E in El Salvador conosciamo il destino dei poveri: è di essere ‘scomparso’, è di essere torturato, è di essere imprigionato, è di essere trovato morto”.

In secondo luogo, Óscar Romero è stato ucciso in “Odium Iustitiae.” Questo argomento può significare cose diverse per diversi commentatori, quindi cerchiamo di affermare nel modo più semplice possibile. Una formulazione generalmente accettata del martirio è una morte provocata da “odio alla fede cristiana o di quelle virtù cristiane che sono parte integrante di vivere la fede cristiana.” Di conseguenza, se un attivista aborto ha ucciso un sacerdote che aveva parlato contro l’aborto, la Chiesa resisterà come riduzionista la tesi secondo cui l’atto era semplicemente un “delitto a sfondo politico,” se la difesa della vita costituisce una virtù che è “parte integrante di vivere la fede cristiana.” Allo stesso modo, quando diciamo “odium iustitiae”, vogliamo dire che la giustizia cristiana e la dottrina sociale della Chiesa costituiscono una virtù importante, “parte integrante di vivere la fede cristiana”, in tale modo che l’odio di questa parte importante ha lo stesso effetto come l’odio di tutto. Santi come p.Alberto Hurtado (1901-1952, canonizzato da Papa Benedetto XVI nel 2005) e Mons.Rafael Guízar (1878-1938, canonizzato da Papa Benedetto XVI nel 2006), che sono stati campioni della giustizia sociale e identificato con la causa dei poveri, esemplificano la qualità eroica della virtù coinvolti.

In terzo luogo, infine, Óscar Romero è stato ucciso in “Odium Fidei” in termini diretti. Secondo la maggior parte degli osservatori, Romero è stato ucciso il Lunedi, March 24 1980 come reazione diretta alla predica pronunciata il giorno prima, Domenica, 23 marzo, in cui ha ordinato ai soldati di disobbedire agli ordini di uccidere i civili, come contraria alla legge di Dio. Mons. Ricardo Urioste stato vicario di Romero. “Penso che probabilmente era la sua condanna a morte”, dice Urioste. “Hanno detto, ‘Questo uomo farà i soldati, insorgere contro di noi e ci metterà in grande difficoltà’—così hanno deciso di ucciderlo”. E’ stata la versione del 1980 di “Chi mi libererà da questo prete turbolento”—espressione che sembra sulla sua faccia di essere strettamente politica, ma che ha profondo contenuto teologico. San Tommaso Becket (1118-1170), il “prete turbolento” di cui questa frase fu pronunciata, non è stato ucciso solo perché si oppose al re: è stato ucciso per difendere la giurisdizione dei tribunali della Chiesa sopra clero. San Tommaso More (1478-1535) non è stato ucciso solo per opporsi al re: è stato ucciso per aver difeso la supremazia papale sopra la corona. E Romero non è stato ucciso solo per opporsi al regime: è stato ucciso per difendere la supremazia della Legge di Dio su ordini militari di uccidere contadini. “Prima di un ordine di uccidere che un uomo può dare, la legge di Dio deve prevalere: ‘Non uccidere!’ Nessun soldato è obbligato a obbedire a un ordine contro la legge di Dio. Nessuno deve adempiere una legge immorale”, aveva detto. Per questo, è stato ucciso.

Senza dubbio, la questione dell’assassinio di Romero porta ripercussioni politici e ripercussioni teologiche. Ma come Papa Benedetto ha detto la Congregazione per le Cause dei Santi nel 2006, il tiranno moderno ora “sempre meno cerca di evidenziare in modo esplicito la sua avversione alla fede cristiana o ad un comportamento connesso con le virtù cristiane, ma simula differenti ragioni, per esempio di natura politica o sociale”. E come hadetto in un santuario per i martiri moderni, nel 2008, i martiri sono coloro che vengono “immolati per non abbandonare i bisognosi, i poveri, i fedeli loro affidati, non temendo minacce e pericoli”. ... Così come Oscar Romero.
Post a Comment