Monday, January 25, 2016

Le Chiese del Beato Romero


 
BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015
 

L’Arcidiocesi di San Salvador ha pubblicato un elenco di chiese dove i fedeli possono ottenere l’indulgenza plenaria durante l’Anno della Misericordia dichiarato dal Papa Francesco. Molti dei templi hanno legami al Beato Mons. Oscar A. Romero, in particolare i cinque che seguono, permettendo pellegrini salvadoregni e stranieri avvicinarsi al Beato durante l’Anno Santo e tornare sui suoi passi.


1. La Cattedrale Metropolitana di San Salvador.

Ha stato la sede di Mons. Romero durante gli anni del suo arcivescovato (1977-1980). La cattedrale incompiuta divenne l’icona della sua “Chiesa dei poveri”. Vi si trovano le sue spoglie, nella cripta della cattedrale, dove sono stati visitati due volte da Papa San Giovanni Paolo II. Fu qui che Mons. Romero ha celebrato la “Messa Unica” per l’omicidio di padre Rutilio Grande, e altri funerali di diversi sacerdoti assassinati. Spesso, una piattaforma è stata installata sui gradini per celebrare la Messa all’aperto per la massiccia partecipazione di fedeli che non potevano andare bene all’interno della chiesa.


2. Cappella del Hospitalito de La Divina Providencia.

Mons. Romero visse nel campus di questo ospedale per i malati di cancro situato nella Colonia Miramontes, ed è stato assassinato nella sua cappella, il 24 marzo 1980. Romero aveva consacrato la cappella nel 1974.  Il sito è diventato un vero e proprio luogo di pellegrinaggio, e la Chiesa salvadoregna è in corso per convertire la cappella in una parrocchia formale. Oltre al santuario, la casa dove abitava il martire è un piccolo museo con artefatti della sua vita quotidiana, e molte reliquie.


3. Basilica del Sacro Cuore (Sagrado Corazón).

Fu qui che Romero pronunciò la sua celebre omelia finale il 23 marzo 1980, quando ha chiesto che le forze di sicurezza, “Cessi la repressione!”. In tempi in cui la cattedrale è stata scattata dal gruppi di protesta, Mons. Romero è stato costretto a tenere le loro Messe domenicali in altre chiese, e la basilica divenne la sua sede provvisoria. Ha lavorato anche come sede diocesana per un po ‘dopo di Romero mentre la cattedrale fu terminata.


4. La Chiesa del Rosario.

Situata a un isolato dalla Cattedrale Metropolitana, anche questa chiesa, un modello eccezionale di stile moderno, è stata una sede alternativa di Romero ripetutamente durante le famose occupazioni della cattedrale. Il Rosario è stato coinvolto in qualche dramma degli ostaggi, tra cui un episodio raffigurato nel film “Romero” (1989), in cui i manifestanti hanno cercato rifugio nella chiesa quando l’esercito ha aperto il fuoco su di loro, e Romero doveva venire a consolare le vittime.


5. Parrocchia Il Signore della Misericordia (Aguilares).

Questa era la chiesa di Padre Rutilio Grande, il cui assassinio ha cambiato il corso del ministero di Mons. Romero proprio quando stava per iniziare. Qui è sepolto il martire gesuita. Romero venne alla chiesa in marzo 1977 e “pianse il suo sacerdote come poteva fare una madre con il proprio figlio”, come ha detto il cardinale Amato. Più tardi, Romero è venuto a riprendere la chiesa dopo una occupazione militare, e tornò anche per celebrare l’anniversario di “padre Tilo”.

I seguenti templi, non incluse nel programma dell’Anno giubilare della Chiesa ma anche legati con Romero, meritano una menzione d’onore. La chiesa di San José de la Montaña al seminario dello stesso nome era dove mons. Romero ha avuto il suo insediamento come arcivescovo nel febbraio 1977. La Parrocchia Resurrezione a Colonia Miramontes era dove Mons. Romero ha presentato la sua prima lettera pastorale “La Chiesa della Pasqua”, accanto a Padre Alfonso Navarro, che è stato ucciso meno di un mese da tale data. Il Santuario di Fatima a Planes de Renderos era dove Romero pronunciò le parole citate da Papa Francesco a un’Udienza Generale l’anno scorso, “lo Spirito di martirio, è dare nel dovere, nel silenzio, nella preghiera, nel compimento onesto del dovere”, etc. Allo stesso modo, Mons. Romero ha predicato sermoni memorabili nella Iglesia del Cármen di Santa Tecla, nella Basilica di Nostra Signora di Guadalupe (“La Ceiba”), e Santi Innocenti in Antiguo Cuscatlán. Gli ultimi due implicano la possibilità di ottenere l’indulgenza per l’Anno della Misericordia.

Sia per cattolici salvadoregni o visitatori del paese, la possibilità di vivere la spiritualità di Mons. Romero per l’anno giubilare può essere un’esperienza unica.

Post a Comment