Wednesday, May 29, 2013

L’ADORAZIONE EUCARISTICA DI MONS. ROMERO



Papa Francesco ci ricorda che il mondo scarta la Adorazione Eucaristica. “Pensate a Madre Teresa”, ha detto il Pontefice: “cosa dice lo spirito del mondo di Madre Teresa? ‘Ah, la Beata Teresa è una bella donna, ha fatto tante belle cose per gli altri’ ...” Ma, ha aggiunto il Pontefice, “Lo spirito del mondo mai dice che la Beata Teresa, tutti i giorni, tante ore, era in adorazione… Mai! Riduce al fare bene sociale l’attività cristiana”.  Lo stesso si può dire per Mons. Romero: il mondo ricorda il “bene sociale” che ha fatto, ma mai la sua adorazione eucaristica. In occasione della Solenne Adorazione Eucaristica in contemporanea mondiale il 2 giugno per questo «Anno della Fede», ricordiamo questa importante componente della spiritualità di Mons. Romero.

I dispacci di l’assassinio di Mons. Romero durante la Messa hanno evidenziato il fatto che, “La Messa è l’atto centrale del culto nella Chiesa cattolica e Cristo si crede di essere presente durante il sacramento della Comunione, o la Santa Eucaristia, che viene consacrata durante la Messa”. (AP, Arcivescovo assassinato, 25 marzo 1980.) Il martirio di Mons. Romero all’inizio della liturgia eucaristica è stata toccante dato la sua devozione per l’Eucaristia. (Vedere, William T.Cavanaugh, Dying for the Eucharist or Being Killed by It: Romero’s Challenge to First-World Christians [Morire per l’Eucaristia o essere uccisi da essa: Sfida di Romero ai cristiani del primo mondo], THEOLOGY TODAY, luglio 2001—in inglese.) Aveva osservato regolarmente una “Ora Santa” di adorazione eucaristica nella cappella dell’ospedale dove è stato ucciso, “che ha fatto con un sacco di fervore, eloquenza e profondità”, secondo suor Luz Isabel Cueva, che era la superiora delle suore che gestivano l’Ospedale. (Carta a las Iglesias, Anno XX, Nº 443-444, 1-29 Febbraio, 2000—in spagnolo.)

Invitando i fedeli a unirsi l’adorazione eucaristica, Mons. Romero ha spiegato la sua importanza spirituale e dogmatica: “noi siamo in grado di fare un atto di fede prima che la presenza reale di Cristo nell’Eucaristia e offrire le nostre preghiere per i grandi bisogni delle nostre famiglie, la nostra nazione, e la Chiesa”.    (Omelia 1 Gennaio 1978—in spagnolo.) Per Mons. Romero, l’atto di fede è stato profondamente intrecciato con una altra importante virtù cristiana, la carità: “Allo stesso tempo, siamo in grado di compiere un atto di carità; uno che viene indicato nel Catechismo come un atto di misericordia, cioè, siamo in grado di visitare i malati e partecipare a un lavoro che non è semplicemente un nome ma una realtà, cioè, siamo in grado di partecipare a questo lavoro di Divina Provvidenza”. (Ibid.) Suor Luz Isabel ha ricordato che, prima o dopo l’Ora Santa, Romero sarebbe andare a visitare i pazienti e diceva loro: “Voi siete il Cristo sofferente e il vostro letto è la croce”. (Cartas, supra).

Durante tutta la sua vita sacerdotale, Óscar Romero mantenuto un impegno devota alla vita sacramentale e interiore dell’anima, che egli associò con l’azione esterna nella solidarietà. Per esempio, mentre lui era un prete della provincia di San Miguel di El Salvador,

Ha visitato la campagna e le carceri della città. Ha organizzato corsi di catechismo e le prime comunioni. Ha promosso la Legione di Maria, i Cavalieri del Santo Sepolcro, Alcolisti Anonimi, l’Azione Cattolica, i Cursillos di Cristianità, l’Apostolato della Preghiera, i Guardiani del Santissimo Sacramento, l’Associazione del Rosario Santo, il Terzo Ordine di San Francesco, e il ramo diocesano della Caritas, che distribuisce cibo ai poveri. Egli fece in modo che la Caritas anche insegnato al popolo sulla nutrizione. “Era sempre preoccupato del benessere di tutta la persona”, ha detto una donna che ha lavorato con lui per anni in varie attività a San Miguel.

 (James R. BROCKMAN, SJ, Oscar Romero: A Life, Orbis, New York, 1999, p. 40)

Nei primi anni del suo sacerdozio, Óscar Romero capì che era necessario per la autenticità della sua fede generare impatti nella vita mondana dei suoi parrocchiani. “Siamo abituati a vedere la religione come una cosa della sacrestia e processioni e scapolari”, ha lamentato tre anni nella sua vita sacerdotale: “Non è stato insegnato che la religione è la vita ... perché comprende ogni sentimento umano ed è in grado di risolvere tutti i problemi della storia”. (Chaparrastique No. 1554, disponibile qui—in spagnolo.)

Pertanto, l’adorazione eucaristica di Mons. Romero nella Cappella della Divina Provvidenza ha sposato i due aspetti del suo ministero, la fede e la carità. “Celebriamo”, ha proclamato: “la fede che ci ha portati qui insieme ... Sia in piedi in segno di rispetto o in ginocchio in segno di adorazione, [i fedeli] affermano che ante i loro occhi, sotto le specie del pane e del vino è il corpo e il sangue di Cristo, veramente, realmente e sostanzialmente presente”. (Omelia Corpus Christi 1979—in spagnolo.) L’Eucaristia simboleggia—predicò egli—sacrificio e comunione. “Il nutrimento che Cristo ci dona è amore ... E ‘come l’ambiente familiare in cui una madre, anche se povero, spezza il pane e le quote di questo pane con i suoi figli che sono seduti intorno al tavolo della unità familiare”. (Id.)

Mons. Romero è un modello adatto per gli intenzioni di preghiera dell Papa Francesco per l'Adorazione eucaristica mondiale, per l'unità della Chiesa e la sua attenzione per l'urlo silenzioso dei bisognosi.  Probabilmente ha detto meglio nelle sue ultime parole, pronunciate pochi secondi prima di essere ucciso:

Questa Eucaristia è un atto di fede. Mediante la fede cristiana sappiamo che in questo momento l'ostia si trasforma nel corpo del Signore, che offrì se stesso per la redenzione del mondo, e in questo calice il vino si trasforma nel sangue che è stato il prezzo della salvezza. Che questo corpo immolato e questo sangue sacrificato per gli uomini noi nutrire anche, così che noi possiamo dare il nostro corpo e il nostro sangue alla sofferenza e al dolore, come Cristo, non per noi stessi, ma per realizzare un raccolto di giustizia e di pace per il nostro popolo.
[Dopo queste parole, Mons. Romero fu martirizzato nella Cappella della sua Adorazione Eucaristica.]
Post a Comment