Thursday, May 23, 2013

FRANCESCO CON FUNES






Il Papa Francesco ha ricevuto al presidente salvadoregno Mauricio Funes, in udienza privata, in cui parlavano della causa di canonizzazione di Mons. Oscar A. Romero.  [Video.] Secondo una dichiarazione della presidenza, il Papa ha detto Funes che “dobbiamo avere fede” nella possibile canonizzazione di Romero, visto che il processo progredirà rapidamente e “dopo Mons. Romero potrebbe venire altri canonizzazioni”. La dichiarazione aggiunge che, “Egli stesso (il Papa) ha citato il caso di padre Rutilio Grande”. Il presidente ha ricordato di essere stato allievo del padre Grande, ucciso tre anni prima di Romero che dal suo esempio trasse poi ispirazione. 

Il presidente salvadoregno ha donato al Papa un reliquiario contenente un pezzo della veste che mons. Romero indossava quando fu assassinato. Al centro della veste, ben visibile, una macchia di sangue. Il reliquiario è a forma di ostensorio a croce, con i bracci raffiguranti figure umane stilizzate, a rappresentare la partecipazione del popolo di Dio alla morte del suo vescovo. Funes ha detto al Papa, che Romero è stato sempre circondato da la gente e soprattutto gli bambini.  La teca è opera delle Suore dell’Ospedale della Divina Provvidenza nella cui cappella Romero è stato ucciso. Il direttore della Sala Stampa vaticana ha detto il Santo Padre si è commosso per il dono fatto a lui da presidente Funes. “Questo è stato un regalo bellissimo e molto significativo”, ha detto P. Federico Lombardi.
Funes ha chiesto una udienza con il Papa, dopo l’arcivescovo Vincenzo Paglia, il clerico incaricato della canonizzazione di Romero, ha annunciato un mese fa che il caso era stato “sbloccato. “Vogliamo spingere il processo di beatificazione”, Funes ha detto in un’intervista. Ha detto che ha voluto ringraziare il Papa Francisco per permettere il processo di andare avanti.  Ha preso la decisione dell Pontefice come “un segno di speranza che tutto va di meglio.”

Se siamo in grado di aiutarti con qualsiasi cosa per spingere la causa ... ci accingiamo a farlo”, Funes ha detto il mese scorso. Egli disse: “La mia percezione è che si può fare, in modo che dopo della audienza posso portare buone notizie alla nazione”.

Otto anni fa, Papa Benedetto XVI ha ricevuto l’allora presidente di El Salvador Antonio Saca, nel giugno del 2005 e le due hanno discusso lo stato della causa di canonizzazione di Romero. Saca è accolito di Mons. Romero. Nel luglio 2007, il governo Saca ha chiesto pubblicamente il Vaticano di canonizzare Romero, nel tentativo di risolvere le lamentele per la mancanza di un’inchiesta ufficiale da parte dello Stato salvadoregno.
L'Ambasciatore di El Salvador presso la Santa Sede, Manuel Lopez, ha detto ieri all'Associated Press che quando ha incontrato Francisco, ha detto il pontefice ‘‘Spero che sotto questo pontificato possiamo beatificare [Romero]’’.  Il portavoce della Santa Sede, il reverendo Federico Lombardi, ha confermato che Francesco è davvero molto a favore del caso santità dell'arcivescovo ucciso.

P. Lombardi ha detto ai giornalisti dopo l'incontro del presidente con il Papa che la “causa va avanti nella Congregazione per le Cause dei Santi, in conformità con le regole della Chiesa”, e che spetta esclusivamente fino alla congregazione “informarci” circa lo stato del processo.

Funes è stato eletto a succedergli il signor Saca come candidato dell partito di sinistra FMLN , ex guerriglieri che hanno combattuto le forze di destra e di la dittatura militare che governò El Salvador negli anni ‘80. Quando il signor Funes è entrato in carica, ha promesso di fare Romero il referente morale del suo governo e ha dichiarato Romero come il “guida spirituale di El Salvador”.  Il 30 ° anniversario della morte di Romero, Funes ha riconosciuto la partecipazione dello Stato per l'omicidio e ha chiesto perdono per questo.

Analisi

Mauricio Funes ha fatto un gesto che è degno dello stesso Papa Francesco. Il Papa ha fatto il suo marchio come un leader che non si basa su una oratoria sapiente ma gesti e parole semplici di universalità immediata. Funes ha viaggiato per due giorni a Roma per raggiungere in un incontro privato con il Papa, che è durato solo 12 minuti. Che Funes avrebbe potuto dire al Papa per "spingere" la beatificazione di Romero è stato molto breve. A detta di tutti, ha discusso anche gli attuali sforzi del governo salvadoregno per pacificare quella società dominata da bande e altri aspetti importanti morale per la Chiesa, come la difesa della vita e la protezione del matrimonio. Ma quello che sta per prendere, in particolare per il mondo cattolico, da questo incontro è che l'immagine dell bello reliquiario con il sangue di Romero. Quell'immagine, il Papa e il reliquiario, potrebbe ridefinire Romero al mondo cattolico, perché non è l'immagine della rivoluzione. Piuttosto, è l'immagine della santità.

Cronologia
 

 
Post a Comment