Monday, October 07, 2013

Paglia nel mirino


 
A fine settembre, la stampa italiana ha riferito che l'arcivescovo Vincenzo Paglia, il postulatore della causa di canonizzazione di Mons. Oscar Romero, ha stato oggetto di indagine da parte delle autorità civili in Italia, in materia di illeciti finanziari durante il tempo che era vescovo di Terni (2000-2012).  Mons. Paglia afferma che non sia stato informato di qualsiasi indagine, e difende le sue politiche fiscali a Terni.  Tuttavia, dobbiamo considerare alcuni potenziali ramificazioni per la beatificazione Romero.  Le potenziali ripercussioni sembrano rientrare in tre categorie: (1) una distrazione per Paglia che gli impedisce di concentrarsi sulla causa di beatificazione Romero; (2) una caduta dalla grazia di Paglia, che colora la sua reputazione e ha i possibili effetti di ricaduta per il suo lavoro, come ad esempio la causa di beatificazione; e (3) dinamiche politiche che rivelano la presenza di forze più grandi in gioco.
In una intervista, Paglia nega aver mai ricevuto un avviso di garanzia e spiega spiega le finanze del suo episcopato a Terni: “Io sono cosciente, ora come allora, che nei miei anni di vescovado a Terni l’indebitamento bancario della diocesi è arrivato a otto milioni di euro, a cui vanno aggiunti 3,5 milioni provenienti dalla vecchia gestione e 4 in pancia alle parrocchie, che la diocesi si è accollata. Ma sono soldi spesi per lavori nei complessi parrocchiali, per il restauro di 53 chiese e la costruzioni di oratori e strutture per i poveri, senza dimenticare le uscite necessarie alla vita della curia”.  Inoltre, l'attuale amministratore apostolico di Terni, anche nega di avere alcuna conoscenza di un'indagine.  Mons. Ernesto Vecchi dice, “A me non risulta che monsignor Paglia sia indagato.  Ed io un po’ di cose le dovrei sapere, visto che sono informato dei fatti come amministratore apostolico”.
È possibile che la distrazione di Paglia si tradurrà in un ritardo di una causa di beatificazione che è stato presumibilmente accelerata da Papa Francesco?  Un possibile indizio che la causa Romero poteva non essere guidata con zelo, come ci si potrebbe aspettare, emerso quando il cardinale Angelo Amato ha riferito che il caso Romero non si stava tenendo il passo con Giovanni Paolo II e Giovanni XXIII.  In quell'occasione, il prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi ha detto altre cause stanno proseguendo “con i loro tempi” che “non dipendono” dalla Congregazione, ma da quelli dettati dalle istanza della “postulatura” necessarie per promuovere una causa di beatifiazione.
Paglia ha perso il suo splendore?  Senza dubbio, queste relazioni saranno dannosi.  I titoli in un giornale italiano ha annunciato: “Ora a rischio la sua nomina a cardinale”.  Alcune delle notizie di stampa sono stati pieni di commenti che tentano di gettare Paglia in cattiva luce per quanto riguarda gli sforzi di Papa Francesco per portare la riforma e la trasparenza per le finanze della Chiesa, e le sue critiche del carrierismo ecclesiastico.  Paglia è stato visto come qualcosa di una stella nascente nella chiesa, la cui carriera è stato al centro di un'intensa attenzione dei media.  (Si è detto per essere in lizza per il patriarca di Venezia, e per il Collegio dei Cardinali da quando è stato nominato presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia.)
Ma potrebbe essere questo solo politica?  Certamente viene suggerito da relazioni che parlano di “guerra in Vaticano” e di Paglia come “danni collaterali”.  Marco Torricelli nota “La coincidenza della fuga di notizie relative ad un suo coinvolgimenteo e le prossime nomine cardinalizie”.  Torricelli scrive che, “l’inchiesta sulla diocesi di Terni si inserisce in un contesto ben più ampio, con tutti i contorni della grande guerra di potere che è in corso in Vaticano e che papa Francesco sta combattendo, sempre sorridendo, con grande decisione”.
Lo sapremo abbastanza presto.  Proprio come come la polemica potrebbe diventare una distrazione, la causa Romero potrebbe diventare un modo per Paglia a prendere la sua mente fuori questa polemica e di prendere l'attenzione dei media da questa storia.  Mentre ogni macchia sulla reputazione di Palgia sarebbe spiacevole, possiamo essere ragionevolmente certi che la reputazione di Romero è indipendentemente forte e non dovrebbe soffrire per associazione con problemi temporanei di Paglia.  Infine, dovunque Paglia finisce nel simbolismo della giornata, Romero è destinata a continuare a rappresentare il principio, la trasparenza, e la Chiesa dei poveri che Francesco ha postulato per il suo pontificato, e questo è destinato a significare molto più che la politica del momento.
Post a Comment