Wednesday, October 30, 2013

Mons. Romero e Tutti i Santi


Chi di noi”—ha chiesto Papa Francesco durante la sua Udienza Generale di 30 Ottobre 2013— “non ha sperimentato insicurezze, smarrimenti e perfino dubbi nel cammino della fede?” Tutti noi li abbiamo sperimentato, ma non dobbiamo essere spaventati, ma ad avere fiducia in Dio e l'intercessione dei santi per il loro superamento, ha detto il Santo Padre.  Quando Mons. Oscar A. Romero ha marcato la sua prima Festa di Ognissanti, come arcivescovo, è tornato a El Paisnal, dove il suo amico p. Rutilio Grande, martirizzato all’inizio del primo anno del suo arcivescovato, fu sepolto. Romero ha ricordato il gesuita ei suoi due compagni di viaggio uccise al suo fianco. “Hanno completato il loro lavoro sulla terra e ora sono uniti a questa moltitudine di santi in cielo, dove possiamo contemplare loro”, ha detto Romero “a questa festa di Tutti i Santi. Ad essi sono uniti con la grande moltitudine di persone che sono sopravvissute al tempo della grande tribolazione... proclamata nel Vangelo di oggi”. (Omelia di 1 novembre 1977.)
Amorevolmente, Romero ha ricordato le altre preziose vittime della sua Chiesa (fino a tale data): “Voglio ricordare qui il nostro amato fratello, Padre Alfonso Navarro, ed i nostri cari catechisti—è impossibile citare tutti, ma ci ricordiamo, per esempio, Miguel Martinez e Filomena Puertas e tante altre donne e uomini che hanno lavorato e sono morti. Al momento della loro sofferenza e dolorosa agonia, quando sono stati frustati e torturati e crivellato di colpi, quando hanno offerto la loro vita in sacrificio, allora erano hanno ricevuto in Cielo”. (Id.) Riferendosi a tutti loro, ha chiesto Romero, “Chi ha vinto? Nelle parole della Scrittura, possiamo chiedere ai nostri martiri in cielo e chi li ha uccisi e continuano a perseguitare i cristiani: Dov’è, o morte, la tua vittoria? La vittoria è nella fede. Coloro che sono stati uccisi per la causa della giustizia sono vittoriose”. (Id.) Parole che si applicherebbero oggi, a lui che li pronunciate.
Mons. Romero era spiritualmente nutrito dalla “moltitudine di santi in cielo” non è solo il giorno di Ognissanti, ma durante tutto l’anno liturgico. Romero allude non solo ai santi collettivamente, ma ha sottolineato le virtù specifiche dei santi del cattolicesimo popolare.  Alcuni esempi:
San Giuseppe:
Come tutti sanno San Giuseppe ha un rapporto unico con [Gesù e Maria]. Per Maria, San Giuseppe era suo marito. Quelli di voi che hanno la dignità di essere un marito, riflettere su ciò che significa essere il marito in una casa, il padre di famiglia. Questo è il ruolo di San Giuseppe, non solo per la Sacra Famiglia, ma per la famiglia che è cresciuta nella grande famiglia di Dio. (Omelia 1977/12/19.)
Dio ha bisogno di uomini e donne che sono strumenti come San Giuseppe e gli angeli che hanno collaborato con Dio nello sviluppo dei suoi piani di amore e di salvezza e di speranza sulla terra. Beati quei cristiani che sanno come santificare la propria vita con il Vangelo e che, come San Giuseppe, diventano strumenti di salvezza di Dio. (Omelia 1977/12/28.)
San Francesco d’Assisi:
Tra le letture, il coro di Tejutla ha cantato il bellissimo inno di San Francesco d’ Assisi: lode a te, Signore, e possa tu essere adorato. Quindi l’uomo, San Francesco d’Assisi, un uomo povero, ha chiamato tutte le creature a lodare te. (Omelia 1978/10/01.)
San Martino di Porres:
Il 3 novembre, sono stato felice di celebrare la festa di San Martino de Porres in Quezaltepeque. Molti ragazzi e ragazze vestiti come San Martino con sui scope effettuate che rappresentava la chiamata e il messaggio di questo santo. I privilegiati e le persone in posizioni alte non attirano la benedizione di Dio nello stesso modo come persone umili che, come san Martino, sanno fare il loro scopa e le loro faccende quotidiane (piccoli o grandi) strumenti della loro santificazione. Il destino dell’uomo non è quello di ottenere una grande quantità di denaro o di potere, ma per compiere la volontà di Dio. Questo è il messaggio che abbiamo comunicato alla gente di Quezaltepeque in questa festa di San Martino. (Omelia 1977/06/11.)
S. Teresa del Bambino Gesù:
Ricordate che la santa delle missioni è santa Teresa del Bambino Gesù, una sorella contemplativa, che non ha mai lasciato il suo chiostro a Lisieux, Francia. Eppure, ecco il segreto del missionario: dal chiostro, la casa, il negozio, il mercatoda qualunque professione, come Santa Teresa, offrire a tutti i tuoi dolori e sacrifici per le missioni. Quando la povera donna stanca, malato di tubercolosi, entrò nel cortile del convento e divenne stanca, poggiava su un vaso di fiori di terracotta e disse: io offro la mia stanchezza al Signore per il missionario che in questo momento sta camminando attraverso terre sconosciuto. Cari fratelli e sorelle, che bello è essere un missionario... (Omelia 1977/08/21.)
Sant’Antonio:
In Soyapango abbiamo celebrato la festa di Sant’Antonio e applicato il messaggio di questo santo del Medioevo per la situazione attuale. Questo è stato un santo che a causa dei suoi studi sapeva parlare le verità difficili nel suo tempo. (Omelia 1979/06/17.)
Ciò non tiene in considerazione le innumerevoli volte che Mons. Romero ha parlato della Beata Vergine, San Paolo, le sue numerose citazioni di Sant’Agostino, e altri riferimenti teologici ed evangelici nella sua predicazione. Nel caso della Madre di Dio, Mons. Romero riassume tutte le sue osservazioni quando ha detto: “La storia dell’America Latina non può essere compresa senza includere la devozione alla Vergine”. (Omelia 1979/12/09.)
Mettendo la sua fede in tutti i santi, Romero pregò: “Non dobbiamo avere paura! Seguiamo queste strade che ci porterà alla celebrazione del giorno dei morti! Preghiamo per l’un l’altro in modo che possiamo anche vivere con i santi in cielo e partecipare alla gloria di Cristo risorto!” (Omelia 1977/11/01, Supra).
Post a Comment