Tuesday, August 27, 2013

Mons. Romero e Sant’Agostino


Durante i suoi tre anni come Arcivescovo di San Salvador, Oscar Romero ha citato Sant’Agostino spesso. Come parte di Romero per l’Anno della Fede, ecco una raccolta di tali citazioni per la Festa di S. Agostino.
Cristiano e vescovo
Questa mattina qui nella cattedrale di San Salvador, ripeto le parole del famoso vescovo, sant’Agostino: con voi sono cristiano e per voi sono vescovo. (Omelia del 23 marzo 1978—tutti link sono in inglese.)
La parola rimane
Sant’Agostino pone davanti a noi una bella affermazione quando dice: La voce è un suono che viene udito dall’orecchio, ma in questa voce si ascolta la Parola, un ‘idea. Questo è ciò che sta accadendo qui questa mattina nella cattedrale e attraverso la nostra trasmissione radiofonica. Le persone sono l’ascolto di questa voce, ma una volta che questa voce viene trasmessa, si conclude—si tratta di un suono. La parola, tuttavia, rimane perché la parola è un’idea. Questo significa che tutti coloro che predicano Cristo sono una voce. Le voci, però, passeranno, predicatori moriranno, ma la Parola rimane. La Parola rimane e questo è un grande conforto per tutti i predicatori—la loro voce scompare ma le loro parole, che sono un annuncio di Cristo, rimarrà nei cuori di coloro che desiderano di accettarle.
La Chiesa è il Cristo incarnato nel reale, carne concreta. Oggi questa carne può essere la carne di una prostituta e domani questa carne può essere quella di un santo che, come Maria Maddalena, si pente. Oggi questa carne può essere la carne di Sant’Agostino coinvolti in tutte le forme di piacere mondano e apparentemente incapace di vivere una vita casta e domani questa carne può essere la carne del peccatore Sant’Agostino che si pente. (Omelia del 17 dicembre 1978.)
Crediamo che ciò che vogliamo credere
Sant’Agostino usato una frase che credo sia molto appropriata per questi tempi: Libenter id quod volumus Credimus, che vuol dire: con grande piacere crediamo quello che vogliamo credere. Per questo motivo si diventa molto difficile credere alla verità, perché molte volte non vogliamo credere alla verità, la verità disturba la nostra coscienza. Ma anche se la verità ci può disturbare, dobbiamo accettarlo e dobbiamo credere in modo che il Signore possa sempre ci benedice con la libertà di coloro che amano la verità e che non vendono la verità o le nostre penne o voci o la supporto al miglior offerente per un certo guadagno economico o di interesse personale o di qualche altra realtà materialistica. Quanto è triste vedere che così tante persone hanno venduto le loro parole e tante voci alla radio guadagnano da vivere nutrendosi sulle parole calunniose che producono. Il più delle volte la verità non produce denaro, ma solo amarezza, ma è meglio essere libero con la verità che avere grande ricchezza a causa delle bugie. (Omelia del 7 maggio1978.)
Presenze non bastano
Non è sufficiente venire a Messa la Domenica. Non è sufficiente chiamare se stessi cattolici. Non è sufficiente portare i propri figli alla Chiesa per il sacramento del Battesimo, anche se questo potrebbe essere una grande festa nella società. Presenze non sono sufficienti e Dio non possono essere pagati con l’apparenza. Dio desidera l’abito della giustizia. Dio vuole i cristiani vestiti con l'abito dell’amore. Dio vuole che coloro che partecipano alla sua festa di fare uno sforzo personale, perché Gesù è Colui che ci salva. Ma, come dice Sant’Agostino: Dio, che ci ha creati senza di noi, non ci salverà senza la nostra cooperazione. Dio non ha bisogno del nostro consenso per creare noi, ma per salvarci abbiamo bisogno di usare la nostra libertà, abbiamo bisogno di sapere come utilizzare le cose materiali e la nostra persona liberamente e con un senso di giustizia e di carità. (Omelia del 15 ottobre 1978.)
Tardi ti ho amato, bellezza così antica e così nuova
Ci sono molte persone che non si lasciano pieni di religione perché preferiscono essere carente nella religione. Cerchiamo di riempire la nostra vita interiore e poi come Sant’Agostino, il peccatore, diremo: Tardi ti ho amato, bellezza tanto antica e tanto nuova, tardi ti ho amato. Ed ecco che tu stavi dentro di me e io ero fuori e là ti cercavo. E io, brutto, mi avventavo sulle cose belle da te create. Eri con me ed io non ero con te. Mi tenevano lontano da te quelle creature, che, se non fossero in te, neppure esisterebbero. Mi hai chiamato, hai gridato, hai infranto la mia sordità. Mi hai abbagliato, mi hai folgorato, e hai finalmente guarito la mia cecità. Hai alitato su di me il tuo profumo ed io l’ho respirato, e ora anelo a te. Ti ho gustato e ora ho fame e sete di te. Mi hai toccato e ora ardo dal desiderio di conseguire la tua pace. Sant’Agostino ha trovato il Signore e fu salvato ed era santo. Non importa come le persone peccatrici potrebbero essere al momento di entrare in questo bellissimo rapporto con il Signore. Oggi siamo chiamati a questa disposizione interiore e chiamati a mettere da parte tutto vuoto e tutto quello che ci portano a fare della religione una pratica esteriore.
Sappiamo che se cerchiamo di obbedire alla legge di Dio, poi, quando abbiamo bisogno di Dio, possiamo invocare il suo nome e, sì, lui è con noi. Dio non ci ha abbandonati. Noi siamo quelli che vengono a conoscenza della sua vicinanza. Sant’Agostino ha detto: Tu eri con me, ma io non ero con te. Ma quando preghiamo con calma ad agire con giustizia e di obbedire a Dio, allora sperimentiamo la vicinanza di Dio. O bellezza sempre antica e sempre nuova! (Omelia del 2 settembre 1979.)
Sant’Agostino dice che era sciocco quando ha cercato la bellezza che ha visto nelle creature e dimenticò che era Dio che aveva dato loro questa bellezza. Egli desiderava questa bellezza e ha visto questa bellezza al contrario di Dio, e si è dimenticato che il Dio che aveva dato questa bellezza era lo stesso Dio, che egli portava dentro il suo essere. Ha vissuto al di fuori di se stesso e si è dimenticato che aveva dentro di sé tutto ciò che è vero e bello.
Che meravigliosa descrizione del peccatore! I peccatori sono persone che sono andati fuori di se stessi e non hanno scoperto che portano Dio dentro di sé. Così essi prostituiscono loro stessi, e prostituiti tutta la creazione e hanno dimenticato che tutte queste cose vengono da Dio. Se fossero consapevoli del fatto che le loro terre e proprietà e bestiame sono doni che Dio aveva dato loro, non sarebbero li usano come strumenti di sfruttamento, non avrebbero utilizzarli in maniera egoista e ingiusta, ma piuttosto li userebbero e celebrare questi doni in un modo che è simile a quello che si è verificato a Ghilgal: hanno raccolto il grano e lodavano Dio che aveva dato loro la terra ed i frutti della terra, hanno condiviso con i loro fratelli e sorelle e hanno celebrato una vera festa di Pasqua, un festa della riconciliazione del genere umano attorno al tavolo dei frutti della terra: la riconciliazione, invece di un litigio. (Omelia del 16 marzo 1980.)
Il desiderio di umanità per la verità di Dio
È un momento meraviglioso per sperimentare questo desiderio di giustizia e di verità e di assoluto e di trascendenza, ognuno dei quali corrisponde a un desiderio profondo della persona umana che può essere riempito solo dallo Spirito di Dio, che viene a prendere possesso di noi e riempie il vuoto che abbiamo esperienza. Sant’Agostino guardava il mondo per le soluzioni ai suoi problemi, ma non ha trovato la risposta e ha detto: Ci hai fatti per te Signore, e il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te. (Omelia del 3 giugnio 1979.)
Siamo inquieto, finché non riposa in Dio. Beati quelli innocenti che non hanno mai tradito la Legge di Dio. Sono pochi, ma grazie a Dio, ci sono alcuni. Dio mi ha fatto per se stesso e la mia ragione di vita, la coltivazione delle mie qualità e lo sviluppo delle mie facoltà deve essere centrato in Dio, anzi, avrò una vita felice solo se mi concentro la mia vita alla gloria di Dio. (Omelia del 11 Settembre, 1977.)
Miei cari fratelli e sorelle, ci troviamo di fronte alla realtà della trascendenza e questo si ottiene solo attraverso il dialogo con Dio e di intimità con il Signore. (Omelia del 26 agosto 1979.) Anche se uno di noi fosse ateo e gloriava di non credere in Dio, questo non definisce la nostra natura o la nostra relazione con il Creatore. Anche se noi protestiamo di fronte a Dio, tuttavia siamo ancora esseri trascendenti, orientati verso Dio. Anche per coloro che sono increduli, le parole di sant’Agostino, il grande umanista che ha camminato lungo i sentieri della miscredenza e fu infelice, assumono un grande significato ... Solo Dio è il centro di gravità in cui le donne e gli uomini trovano riposo, come quando la pietra cade in la profonditàdi un grande abisso o quando Gesù ascende a Dio. (Omelia del 27 maggio 1979.)
C’è una reciproca attrazione tra il Dio che ci ha creato per se stesso e gli uomini e le donne che sono stati dotati di capacità che l’intelligenza, la libertà e molte funzionalità non per abusare, ma utilizzati per scoprire la loro pienezza in Colui che è l’obiettivo della loro natura, Colui che è l’inizio e la fine del loro essere. (Omelia del 10 dicembre 1978.)
La Chiesa come un albero che cresce più forte con l’irrigazione
I primi credenti in Cristo eseguite segni: essi non sono stati danneggiati da veleno e parlarono nuove lingue. Questi erano i segni della potenza di Dio e ha dimostrato che la potenza di Dio, che ha creato tutte le cose, è stato con la Chiesa. Non vi è alcun senso di vanità o esibizionismo, non vi è alcun gioco coinvolti in questi carismi e meravigliosi segni di curare e parlare lingue nuove. Tutto questo si è verificato nel momento in cui erano più necessari, come Sant’Agostino ha detto: queste cose sono state fatte per l’acqua l’albero, la Chiesa. Ogni nuovo albero ha bisogno di essere innaffiata e curata, ma una volta che l’albero cresce più forte e più grande, non ha bisogno irrigazione. Quando un albero fiorisce, ogni fiore e ogni ramo è come un segno di vita nuova che indica che non vi è vita e la tenerezza e freschezza nella struttura e questo continua per secoli e forse anche per migliaia di anni. Questa è anche la vita della Chiesa. La Chiesa continua ad essere questa meravigliosa opera di Dio che è presente nella storia e sarà una parte di storia così a lungo come lei orienta le persone verso la trascendenza.  (Omelia del 27 maggio 1979.)
La preghiera è la debolezza di Dio e la nostra forza
Continuiamo a sognare come Cristo che ha posto la Chiesa, con tutte le sue debolezze, sotto la sua protezione. Sant’Agostino disse queste parole che vorrei tutti voi da ricordare: La preghiera è debolezza di Dio e il potere delle donne e degli uomini. È come un padre che sperimenta la debolezza del suo bambino. Si sente debole e si avvicina anche il suo bambino e aiuta il bambino nella sua debolezza. Questa è la situazione della nostra Chiesa: noi siamo deboli, ma noi abbiamo il potere di Dio. Pregate molto, perché che attirano a noi quel Dio chi si ha fatto debole quando i deboli chiedono per la sua protezione. (Omelia del 16 ottobre 1977.)
La vittoria che vince il mondo
Sant’Agostino ha detto: Guarda il boia con la sua spada trionfante sul corpo di un martire! Chi ha vinto? Non vi è dubbio che il boia ha conquistato la sua vittima. Ma colui che ha conquistato con la forza bruta della spada non ha capito la grandezza di quello che era disposto a dare la vita per un ideale superiore. Questa è la vera vittoria che vince il mondo. (Omeliadel 23 settembre 1979.)
Post a Comment