Monday, August 26, 2013

Il Rivoluzionario di Dio


 
Nella sua terza lettera pastorale, Mons. Oscar A. Romero di El Salvador (1917-1980) cercò di orientare i gruppi di opposizione che cercano di liberare il suo paese da una dittatura militare verso un percorso di rinnovamento sociale pacifico, democratico e, se possibile, cristiano. Il suo obiettivo era ambizioso, essenzialmente cercando di reindirizzare il corso della storia, ma ha stato perduto in revisioni che dipingono Romero come acritico della sinistra. In realtà, la sfida di Romero per l’opposizione ha chiesto più di una “riforma della riforma”, ha sollecitato un rivoluzione nella rivoluzione. Come egli predicava in un successivo sermone,
La prima liberazione che deve fare un gruppo politico che vuole davvero la liberazione del popolo, deve essere: liberarsi se stesso dal suo peccato. E mentre sia schiavo del peccato, del egoismo, della violenza, della crudeltà, dell’odio, non è adatto per la liberazione del popolo. (1980/03/02—in spagnolo.)
(Questo è un analisi dell’Anno della fede, della predicazione e l’orientamento teologico del Servo di Dio, Oscar Romero.) Il titolo di terza lettera pastorale di Romero, “La Chiesa e le organizzazioni politiche popolari” (testo in spagnolo | inglese), suggerisce una alleanza tra la Chiesa e l’opposizione. Ma una semplice lettura rivela che tale collaborazione non sarebbe senza condizioni. La Chiesa ei nuovi gruppi di azione politici in cerca della riforma e la democratizzazione potrebbe essere insieme in trincea, spingendo per il rispetto dei diritti umani, la libertà, e denunciando la repressione. Ma i gruppi di opposizione, Romero ha scritto, avevano essi stessi di rinunciare alla violenza e non deve aspettare la che la chiesa sosterrà un programma violento. Egli condanna la violenza della guerriglia di sinistra come “terrorista” e “sediziosa”. Insiste le organizzazioni popolari devono rispettare la Chiesa, e capire la sua missione come essenzialmente spirituale, e non cooptare la chiesa verso fini ideologici. Il clero ei laici devono lavorare sotto la supervisione della gerarchia della Chiesa, e preti non possono accettare cariche politiche se non in casi eccezionali, e solo attraverso il consiglio e il consenso del suo vescovo. Se conflitti sorti tra la fedeltà a un gruppo politico e la fedeltà al Vangelo, i cristiani-Romero insistito-avevano il dovere di difendere in primo luogo il Vangelo. E i cristiani che hanno organizzato dovevano rispettare le opinioni di cristiani che hanno preferito non essere coinvolto nelle loro attività.
Romero ha pubblicato la sua terza lettera pastorale, nel mese di agosto del 1978, per la festa cattolica nazionale della Trasfigurazione in El Salvador. “Le lettere divennero indirizzi sullo stato di trasfigurazione della nazione”, scrive Tod Swanson: “La loro ricorrenza ha creato il senso di un pellegrinaggio nazionale”. [Swanson, “La voce suadente morale di Oscar Romero”, The Journal of Religious Ethics, Vol. 29, No. 1 (primavera 2001), pp 127-144—in inglese.] Nella sua lettera, “Romero chiamati cristiani in organizzazioni politiche a fare la sua fede il loro ultimo punto di riferimento, professando la fede apertamente e in solidarietà con la Chiesa, aprendosi a Dio attraverso i sacramenti, la preghiera e la meditazione della Parola di Dio”. [Brockman, “Il magistero pastorale di Mons. Oscar Romero”, Spirituality Today, Estate 1988, Vol.40 n ° 2—in inglese.] In un certo senso, era rivoluzionario per Romero semplicemente affrontare il tema, ma questo era dovuto alla novità della situazione, la crescita dei sindacati contadini, e il fatto che questi organizzazioni politici erano stati vietati, e il suo sviluppo ha sollevato questioni che gruppi della Chiesa non avevano risposte. Romero apre la sua lettera con alcune delle questioni pratiche che gli era stato chiesto e hanno ispirato la lettera:
È necessario iscriversi a un “organizzazione popolare” che cerca cambiamenti radicali nel nostro paese per essere un cristiano? Come si può essere cristiani e accettare le esigenze del Vangelo, senza iscriversi a un’organizzazione per la quale non ci ha alcuna credibilità o simpatia? Come dovrebbe un cristiano risolvere il conflitto tra la fedeltà al Vangelo e le esigenze non evangeliche di una organizzazione? Qual è il rapporto tra la chiesa e le organizzazioni?
Romero inizia definendo la missione della Chiesa nel mondo, come è stato sancito dal Concilio Vaticano II. Cita la «GAUDIUM ET SPES»: la missione propria che Cristo ha affidato alla sua Chiesa non è d’ordine politico, economico o sociale: il fine, infatti, che le ha prefisso è d’ordine religioso”. Cita tre dei quattro Vangeli (tra cui Matteo 25, che Papa Francesco ha recentemente definitoUn ottimo programma di vita per tutti noi”), le lettere di S. Pietro e S. Paolo, e Genesi (gli stessi passaggi che Papa Francesco citato nella sua visita a Lampedusa). Romero cita a Papa Paolo VI pesantemente, citando le sue «Evangelii nuntiandi» dieci volte e sostenendo che esso fornisce il “supporto più autorevole e diretto” per il suo approccio pastorale (Papa Francesco ha recentemente affermato che questa enciclica è “per me il documento pastorale più grande che è stato scritto fino a oggi”). Romero cita il documento del Sinodo Episcopale Latinoamericano di 1968 e Giovanni XXIII, ma la sua fonte principale è il Papa Paolo. Cita «OCTOGESIMA ADVENIENS» e pronunciamenti minori di Paolo, tra cui il suo ultimo «Angelus».
Il Papa è morto il giorno che la lettera di Romero è stato emessa. “Oggi, in questa lettera pastorale”, Romero dice in un’ovazione emozionale, “stiamo anche dando esecuzione all’incarico finale di cui su di noi da Paolo VI nella udienza durante la nostra visita ad limina del 21 giugno 1978”.  Romero aveva visitato il Papa appena due mesi prima. “Rendiamo grazie per la chiarezza carismatica del suo insegnamento e per l’amore di pastore mostrato per noi, il popolo di El Salvador”, scrive Romero. “Ci ​​ha esortato a mostrare solidarietà pastorale con i nostri compagni salvadoregni. Ha parlato dei loro sforzi per ottenere giustizia e incaricato noi di guidarli nel percorso di una pace giusta, e aiutarli a resistere alla facile tentazione della violenza e dell’odio”.
Ora dobbiamo affrontare perché la sfida di Romero in questa lettera non figura più prominente nelle discussioni del suo legato. Consideriamo cinque potenziali motivi. In primo luogo, sta l’urgenza delle parole di Mons. Jorge Ortiga, quando ha detto che la Chiesa deve “recuperare” Romero. “C’era il problema”, Papa Benedetto ha sottolineato nel 2007, “che una parte politica voleva prenderlo per sé come bandiera, come figura emblematica, ingiustamente”. L’immagine di Romero è stato cooptato dal sinistro e la nostra sfida è: “Come mettere in luce nel modo giusto la sua figura, riparandola da questi tentativi di strumentalizzazione?” Eventualmente, possiamo farlo facendo luce sul suo lavoro. In secondo luogo, l’idea che Romero avrebbero sfidare i ribelli va contro il mito / concetto di Romero come un eroe anti-establishment per tutti gli usi che supportava solo la resistenza e la sovversione di autorità, anche quando è ripugnante per ciò che Romero realmente era. In terzo luogo, la leggenda Romero prevalente è utile per liberali e conservatori all’interno della Chiesa che vedono Romero attraverso una “ermeneutica della rottura”, secondo la sua visione di lui. In quarto luogo, la complessità della situazione storica e la enigma della fede contro politica che ha prodotto può portare a confusione onesti, in base al quale le intenzioni di Romero sono incompresi anche da persone di buona fede. In quinto luogo, infine, l’audacia di Romero e sue franche parole può nutrire l’impressione generalizzata che era un “radicale”. (Anche se la sfida per la sinistra è stata il fuoco centrale della sua lettera, ha inoltre denunciato l’ingiustizia causata dalla destra e strenuamente difeso il diritto di organizzarsi.)
L’anno dopo la pubblicazione della lettera, Romero ha visto il suo lavoro cominciare a dare molti frutti di santità e di riconciliazione. “Benedico il Signore per il bene che quella lettera portato”, ha scritto un anno dopo, notando che “alcune delle nostre comunità cristiane l’hanno preso come una traccia di riflessione”. Ha ringraziato Dio per “il generoso, entusiasta benvenuto che la comunità, istituzioni e pubblicazioni altrove in questo continente e anche in Europa l’hanno dato”.  Ma romero sapeva che il suo messagio non sarebbe germogliare radici facilmente: “ci saranno quelli, anche quelli di buona volontà, che non capiranno”—ha previsto, perché le preoccupazioni dei poveri sono a loro estranei, o sono diventati accettabili. Altri saranno chiudere un occhio, e altri ancora saranno volutamente fraintendere le sue parole per creare confusione. “Tuttavia, grazie a Dio, siamo sicuri che possiamo contare anche su alcune anime oneste e coraggiose che saranno pronti ad avvicinarsi alla luce, che non si conformano a questo mondo, e che collaborerà nei dolori del parto di una nuova creazione”, ha scritto Romero, citando San Paolo (Romani 12:2 e 08:22).
In definitiva, Óscar Romero sarebbe diventato volontariamente la prima vittima della sua rivoluzione.

Precedentemente in questo Blog:

1 ° Lettera Pastorale di Mons. Romero
2 ° Lettera Pastorale di Mons. Romero
1 ° Lettera episcopale di Mons. Romero
Post a Comment