Monday, November 18, 2013

Targeting della Fede


 
Se non sapete nulla dell’assassinio di Mons. Oscar A. Romero di El Salvador, si dovrebbe sapere questo: è stato fatto da qualcuno che odiava la Fede. A conclusione di questo Anno della Fede, in un momento in cui le minacce alla fede sono diventati più sottili e volutamente evasive, l’assassinio di Romero trent’anni fa ci offre spunti su come smascherare la persecuzione moderna della fede. Anche se ha stato disegnato per evitare di essere definito come disprezzo aperto verso il cristianesimo o il cattolicesimo, l’assassinio di Romero riflette odio verso tre aspetti importanti della fede cristiana: (i) il nostro amore per i poveri, (ii) la sacralità della liturgia, e (iii) la regalità di Cristo.
Disprezzo per amore di Romero dei poveri. Forse l’ odio più facile da riconoscere è il fatto che gli assassini di Romero odiato il suo lavoro in difesa dei poveri. A volte, ci dimentichiamo che odium fidei—un obbligo canonico per il martirio—può essere odio alla fede o per una virtù particolare (ad esempio, la giustizia sociale). Il riguardo cristiano per i poveri non è una piccola considerazione. Papa Benedetto XVI ha detto che la Chiesa vede Cristo nei poveri “sentendo risuonare costantemente nel suo cuore il mandato del Principe della pace agli Apostoli: «Vos date illis manducare» – "date loro voi stessi da mangiare " (Lc 9, 13)”. Questo “mandato” da Cristo è obbligatorio, non facoltativo. Pertanto, la violenza contro il lavoro della Chiesa della carità e della giustizia sociale ci presenta un esempio scioccante e terribile di odio alla fede.
Disprezzo per l’altare e la liturgia. Meno evidente, ma più facilmente riconoscibile, dopo gli insegnamenti di Papa Benedetto XVI per la dignità e la sacralità della liturgia, l’assassinio di Romero sull’altare è un abominio della celebrazione della Messa. Per un credente, è Cristo che è presente al altare: non solo metaforicamente, non solo simbolicamente, ma “veramente, realmente e sostanzialmente presente”. Significativamente, il tipo di abuso rituale inerente nel’assassinio di Romero era diventato comune durante la persecuzione della Chiesa salvadoregna: altari si sono profanate, facciate della Chiesa erano sparato con proiettili, e in una città particolare il tabernacolo è stato aperto con colpi di machete. La scelta di assassinare l’arcivescovo nell’atto di celebrare la Messa è terribilmente rivelante circa i motivazioni di suoi assassini, e rapporti simili di abuso rituale oggi (ad esempio, notizie sulla profanazione di altari in luoghi dove cristiani sono perseguitati) dovrebbe farci riflettere.
Disprezzo per la Regalità di Cristo. Molti analisti hanno concluso che Mons. Romero fu ucciso il Lunedi, 24 marzo, 1980 perché il giorno precedente, Domenica 23 marzo, ha dato un sermone in cui ha invitato i soldati salvadoregni a disubbidire qualsiasi ordine di uccidere civili innocenti. Sotto un legalismo cinico, tale chiamata di Romero era un atto illegale di insubordinazione, una sfida per ordine militare e la catena di comando. Ma sotto i criteri di Romero—e gli nostri—erano i soldati che avevano invertito l’ordine dei principi e Romero stava impostando solo le cose a posto. La festa di Cristo Re, questa Domenica ci insegna il primato della legge di Cristo e della sua regalità su tutti considerazioni politiche temporali mondani. Gli assassini di Romero non poteva accettare questa verità, e la loro reazione violenta all’affermazione di Romero della regalità di Cristo, riflette il loro disprezzo per la fede.
Per 33 anni, la Chiesa ha proceduto con cautela in ogni beatificazione di Mons. Romero, perché i suoi assassini erano presumibilmente fratelli cristiani e perché le loro motivazioni probabilmente inclusi motivi politici (in sua difesa dei poveri, ha sfidato lo status quo politico). La Chiesa procede sempre con giudizio in queste materie. Ma non confondere prudenza con il dubbio. Non vi è dubbio che Romero è stato ucciso in odio alla fede. Quindi è provvidenziale che Papa Francesco ordinò che la causa di Romero andare avanti come uno dei suoi primi atti dopo essere diventato Papa nel corso di questo Anno della Fede. A parte gli esempi positivi postulati dalla Chiesa circa la fede, possiamo anche imparare da questo esempio per contrasto, da parte di coloro che agiscono in odio alla fede.
Post a Comment